TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Milioni di donne italiane hanno perso il lavoro

Il percorso verso il lavoro è per sempre radicato in Roberta. Ma per mostrare dove lo tiene, lo dirige senza obiettivi e significato. Attraversiamo la cittadina di Beauvois de Sacco, vicino a Padova, nel nord Italia. Qui, come in tutto il Paese, la grave crisi ha colpito duramente l’economia. E le donne italiane sono state duramente colpite. Anche prima della crisi, il mercato del lavoro era disuguale. Ora la situazione è senza speranza per molti.

– Un esempio comune di come il settore del matrimonio sia stato colpito più duramente dal settore femminile, con il 90% delle entrate totali che è scomparso immediatamente. Serena Ranieri dice che nessuno si sposa adesso a causa della situazione.

“Ho perso tutto”

È a capo di Federmep, che organizza gli imprenditori di matrimoni del Paese. I produttori di abbigliamento come Roberta Cerberto, i primi fiorai, truccatori, parrucchieri, lavoratori del cibo e molti altri hanno perso i loro guadagni.

– Serena Ronieri dice che questo influenzerà le condizioni lavorative delle donne che sono già arretrate da molti anni.

A Salerno, nel sud Italia, la wedding stylist Francesca Ragon fatica a mantenere a galla la sua attività.

– Ho perso tutto. Ogni giorno apro le porte del mio salone. Ma è difficile, molto difficile, dice.

Quasi 450.000 posti di lavoro sono stati persi

Secondo la società di statistica italiana Estat, l’anno scorso sono stati persi 444.000 posti di lavoro. Di questi, 312.000 sono lavori femminili, ovvero il 70 per cento. Le principali chiusure di Natale e Capodanno segnano le cifre oscure di dicembre poiché le persone hanno meno probabilità di fare acquisti e non essere in grado di viaggiare e celebrare i fine settimana in un hotel o in un ristorante. Secondo Estate, 101.000 posti di lavoro sono stati persi in seguito, di cui 99.000 erano lavori femminili – il 98%.

READ  L'albero di Natale del Papa fermato dagli ambientalisti - Il Giorno

I settori più colpiti nel paese sono la ristorazione, l’industria alberghiera e il turismo. Oltre alle donne titolari di piccole imprese che hanno già lottato duramente, ora sono costrette a chiudere e licenziare le loro dipendenti donne, e la pulizia delle donne, del personale e di alcuni tipi di personale alberghiero è gravemente compromessa – tutti i lavori femminili in Italia .

Roberta Cerberto è disoccupata adesso, ma vuole essere generosa in questi tempi difficili.

– Ho donato tutti gli abiti da sposa invenduti alle future spose. Spero che si divertano.