TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

MFF – Djurgården: Jo Inge Berget parla della debolezza di Djurgården

Pubblicato:
Aggiornato:

Vai Eng Birgit.

Foto: LUDVIG THUNMAN / BILDBYRÅN

Vai Eng Birgit.

calcio

La debolezza di Diorgarden nella finale di campionato contro il Malmo?

Ovvio e semplice se chiedi a Jo Inge Berget.

– Non sono bravi come noi, dice il centrocampista di MFF.

Djurgarden è una scommessa completa contro i campioni in carica Malmo, che ha sette punti in tre partite.

Stiamo parlando di una serie, di un incontro dei pesi massimi e forse di una partita già al quarto turno che potrebbe avere un effetto decisivo su dove finisce finalmente il campionato oro svedese di quest’anno.

Poi le star di MFF hanno dato credito agli zoo per il loro ottimo inizio.

– Hanno la faccia pesante. Si fondono, non smettono mai di correre e competono duramente. Anders Christiansen dice: Giocano a calcio abbastanza semplice, ma a volte è difficile.

Sembrano forti e l’hanno fatto negli ultimi anni. Sono pesanti e difficili da affrontare, dice Jo Inge Birgit, e saranno con te fino alla fine.

Quando il norvegese Sportbladet chiede dei punti deboli di Djurgården, risponde:

– Non va bene come noi. Sono stabili ma non hanno il livello più alto che abbiamo. Quindi sta a noi prenderlo in mano e dimostrare che li stiamo superando. Alla fine tutto dipende da noi.

Penso che vuoi dire che si applica a tutti gli avversari in Allsvenskan?

– È vero. Se raggiungiamo il nostro livello in tutte le partite, le batteremo. È importante non oscillare troppo perché se non siamo al cento per cento non siamo i migliori, perdiamo anche punti. Djurgarden è forte lì. Birgit dice che raramente hanno bassi e raramente fanno brutte partite.

READ  I segreti del cantante misterioso - Il trucco dietro la moda

“Non pensi che siamo bravi con la plastica”

Quando le due squadre si sono incontrate lo scorso autunno su Tele2, MFF ha probabilmente giocato il suo miglior calcio della stagione per 80 minuti ed era in vantaggio per 2-0 prima che Christiansen si dimettesse e Djurgarden potesse girare 3-2.

È importante trovare contro di loro la stessa ricetta dell’ultima volta che abbiamo perso, ovviamente, ma eravamo la squadra migliore, dicono Christiansen ed Evol:

Abbiamo preso la palla e fatto loro domande su come volevano spingerci. Ogni volta che lo hanno fatto, abbiamo trovato soluzioni e creato opportunità. È stata una partita molto tattica quella che abbiamo giocato, in buona qualità con la palla.

Prima della partita contro Häcken al secondo turno, il danese ha detto che i Goteborg erano i favoriti per vincere l’Allsvenskan. Poi è uscito il MFF e ha vinto la partita per 2-1.

Chi sono i candidati in questa partita?

Parliamo molto di plastica (erba) e dell’uno e dell’altro e tu non pensi che siamo bravi con la plastica e pensiamo che abbiamo cattive statistiche lì. Sulla base di questo account, non possiamo essere i preferiti. Ma saremmo ugualmente delusi se non vincessimo, dice Christiansen, indipendentemente dal fatto che fosse contro Diorgarden o un’altra squadra.

Foto: LUDVIG THUNMAN / BILDBYRÅN

Anders Christiansen.

Pubblicato:

Continuare a leggere

Sportbladet – Allsvenskan

Iscriviti alla newsletter su Allsvenskan: record, rapporti, interviste, recensioni e classifiche.