TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Marco desidera di nuovo dare il tono al palco

Marco desidera di nuovo dare il tono al palco

È abituato ad attirare l’attenzione, essendosi esibito in diversi importanti teatri d’opera sia in Europa che negli Stati Uniti. Ma la sua carriera di cantante lirica non è stata musulmana, anzi. Marco aveva messo gli occhi prima di diventare un economista e lavorare per una banca.

– Quando andavo al liceo all’Ostra Real di Stoccolma, facevo spesso delle pause e suonavo la chitarra con Willie Crawford. Ho studiato economia e avevo intenzione di andare a una scuola di economia. Ma poi, un insegnante ha sentito la mia voce che cantava e mi ha chiesto se volevo essere in un musical, era uno spettacolo di “scacchi”, e ho detto di sì senza esitazione, dice Marco.

Benny ha elogiato

Il musical è stato un successo e Benny Anderson si è seduto tra il pubblico durante la premiere.

Quando ha detto congratulazioni e che avrei dovuto investire in questo, è stato come se avessi visto la luce. Sarei diventato un cantante, ridendo Marco.

E potrebbe essere stato predeterminato in qualche modo.

Il padre di Marco è arrivato in Svezia dall’Italia negli anni ’50 con la sua compagnia di danza e ha avuto un grande successo in ristoranti e sale da concerto.

– Ma non era un fan dell’opera, ma mio zio era quello che discuteva con me di opera quando ero bambino e visitavo l’Italia. I miei genitori hanno divorziato quando ero bambino e ho trascorso tutte le mie vacanze in Italia, dice Marco.

College of Anna Phoenix

Continuare il percorso familiare per ottenere una laurea in economia, dopo il successo del musical, è diventato impossibile. Invece, ha scelto di andare negli Stati Uniti ed è stato accettato in un college con un focus musicale a Phoenix, in Arizona.

READ  "Ho dovuto cogliere questa opportunità"

– Ma dopo un semestre, i soldi sono finiti e sono tornato a casa. cosa dovrei fare ora? Ho iniziato a lavorare in diversi ristoranti di Stoccolma, in questo modo ho potuto pagare lezioni di canto per sviluppare la mia voce, ho potuto iscrivermi ad alcune scuole e continuare la mia formazione lavorando nel settore della ristorazione.

Per Marco Stella, la musica è una grande passione nella vita, e ha una stanza piena di dozzine e registrazioni. Foto: Gustav Ostberg

Ecco cosa ha sentito un amico da lui, con consigli su come venire a Göteborg. C’erano lavori nei ristoranti e forse anche lavori all’Opera di Göteborg.

Disse e fece, Marco prese il suo dimostrante, lo impacchettò e se ne andò. Ha chiamato l’opera di Gutenberg e, naturalmente, avevano bisogno di una band in più. Può iniziare domani?

– Ho lavorato all’Opera di Göteborg per due anni. All’improvviso mi ha pagato per cantare, il che è incredibile. Quando il direttore dell’Accademia dell’Opera mi ha visto in un piccolo ruolo alla Tosca, mi ha incoraggiato a fare domanda per una formazione universitaria. Sei entrato, dice Marco.

Ha trovato il suo posto

Tre anni e mezzo dopo, laureato, Marco trova il suo posto nel teatro lirico. Lo spettacolo teatrale è importante quanto la canzone, per esempio i vecchi comici che si prendono sul serio come Bartolo nell’opera “Il barbiere di Siviglia” di Giochino Rossini. Parla correntemente l’italiano, il che ovviamente è un vantaggio.

Ho trovato un lavoro diretto all’opera Värmland, tra gli altri posti, ho viaggiato all’estero per lavorare in Italia, e tutto è andato di nuovo. Ma il suono non era dov’era, dice Marco.

Il suo talento lo ha portato a un contratto di due anni in Germania, senza sapere una parola in tedesco.

Dovevo semplicemente imparare, dice e ride.

Baritono drammatico

La voce di Marco è quella che viene chiamata un baritono drammatico e ha un tono più pieno e profondo di un normale baritono. Qualcosa che ha contribuito a svilupparlo con l’insegnante di canto Dale Fundling.

All’improvviso mi è stato detto che avevo una bella voce, ed è nuova per me.

Diventare un bravo cantante lirico richiede molto duro lavoro, dice Marco. Ovviamente devono essere presenti i prerequisiti e un certo talento.

Ma se non vuoi trascurare il lavoro richiesto, non andrai da nessuna parte. Devi imparare le note e imparare a interpretare il ruolo. È un lavoro duro all’80%. Ho appena compiuto 55 anni e la mia voce è probabilmente al suo meglio ora, è un lungo viaggio educativo. Il fantasma in “Il fantasma dell’opera” è uno dei ruoli più divertenti e impegnativi, ma il mio preferito è Scarpia in “Tosca” e il ruolo principale in “Rigoletto”. Il più stressante è in “Tosca”, dove canta per 25 minuti di fila.È un po ‘difficile, dice.

Offerte annullate

Per molti operatori culturali, il 2020 è stato un anno stressante, con offerte cancellate e carenze di lavoro cancellate, e così anche Marco. Ma dando lezioni private e partecipando a vari progetti, si è tenuto a galla. Quest’autunno si esibirà come “Mamma Mia” in Rondo.

– Sarà così divertente, non vedo l’ora di tornare sul palco, dice.

Qualcosa che è stato anche pensato per essere molto divertente e stimolante, appassionato di cibo com’era, è stata una collaborazione con l’autore di libri di cucina recentemente scomparso Birgitta Rasmusson. Insieme hanno creato lo spettacolo “Viva la tårta”, che ha combinato l’opera italiana con i dolci italiani. Quest’estate lui e un collega apriranno un ristorante a Marstrand, dove cibo, musica e intrattenimento forniranno l’esperienza di essere in una piazza italiana.

Cibo e musica, potrebbe andare meglio?

Marco Stella

Età: 55 anni.

Vive: Ljungskile ma è nato a Stoccolma.

Famiglia: una moglie, due figli e un cane.

Da fare: cantante lirica e ristoratore.

Per ora: questo autunno avrà un ruolo significativo nel musical “Mamma Mia” al Rondo di Gothenburg?

Cinque suggerimenti

Cinque consigli per il futuro cantante lirico di Marco

1. Apri la tua anima alla canzone. Sii sincero.

2. Sto cercando un buon insegnante di canto.

3. Leggi attentamente la musica

4. Impara due o tre lingue più importanti dell’opera. Italiano, francese o tedesco.

5. Ascolta i cantanti d’opera più anziani, hanno molto da trasmettere.

Vuoi saperne di più su come un medico di base lavora con un buon giornalismo? Leggi il nostro codice etico Qui.