TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Makoto Asahara all’Inter-Barcellona in Champions League

L’Inter esegue un piano competitivo al punto e perfetto, condito con qualche vantaggio arbitrale, e riesce a surclassare il Barcellona.

Una capolista italiana si è voltata e ha schiacciato l’Ajax con uno spettacolo offensivo come nessun altro.

La rappresentanza della Serie A in Champions League è finalmente tornata a fare i conti?

È passata meno di un’eternità dai giorni di gloria europea del Milan e dall’intertriplo di Jose Mourinho. Di un’epoca in cui i migliori giocatori di Serie A (a parte alcune versioni Juventus) erano davvero da non sottovalutare nei migliori quarti di Coppa dei Campioni.

No, certo che dovremmo sederci in silenzio sulla barca. Dopotutto, sta ancora cadendo.

Ma quando è stata l’ultima volta (a parte questa edizione della Juventus) che sembrava così promettente per i rappresentanti della Champions League italiana?

Ad esempio, un anticipo può essere classificato come una piccola sorpresa.

Un “gruppo di morte” finora è andato come previsto.

Vittoria storica della fase a gironi

Né il Barcellona né l’Inter sono riusciti a superare il Bayern Monaco nelle prime partite contro i favoriti del girone. La borsa da stiro Viktoria Plzen in dotazione è una grande borsa da stiro come previsto.

È stato facile fare l’equazione per due scontri diretti tra grandi club dell’Europa meridionale.

Inter o Barcellona. Ottavi di finale di Champions League o playoff di Europa League.

Con in mente l’apertura del campionato, quest’ultimo club ha preso la grande opzione in anticipo. Non solo la forma in sub-campionato dell’Inter, ma anche la storia. Dopotutto, l’Inter non è riuscita a battere il Barcellona nella fase a gironi del CL in otto tentativi.

READ  La mossa del Manchester United - Nominati tre allenatori mondiali dopo l'esonero di Ole Gunner Soulscare

Ora l’hanno fatto.

Giovanni Di Lorenzo del Napoli festeggia durante la partita contro l'Ajax.
Giovanni Di Lorenzo del Napoli festeggia durante la partita contro l’Ajax.

Sicuramente dovrebbero essere puniti…

Ovviamente il Barcellona aveva più palla, e ovviamente il tre uomini di centrocampo dell’Inter (con Hakan Calhanoglu, Nicolò Parella e Henrich Machidarjan) ha faticato a prendere il controllo del talentuoso e ben equilibrato Tito del Barcellona.

Certo, il Barcellona avrebbe comunque avuto un rigore nei tempi supplementari (anche se la “scontrino” di Petri poco prima sembrava giustamente annullata).

Ma la difesa blu-nera è rimasta ferma. Robert Lewandowski, uno dei migliori marcatori del mondo, è rimasto anonimo. Ousmane Dembele, uno dei giocatori tecnicamente più dotati al mondo, era tanto inetto quanto divertente. I margini erano dalla parte dell’Inter.

Ma soprattutto, è stato uno sforzo tatticamente perfettamente eseguito, condito dalla gamba finale dichiaratamente clinica di Kalhanoglu, che è stata la chiave della vittoria.

Può anche rivelarsi la chiave per il progresso.

Quando le squadre si incontreranno di nuovo al secondo turno al Camp Nou la prossima settimana, è l’improvviso leader della Liga a premere. Non solo punti interrogativi in ​​termini di gioco, ma gravi problemi di infortunio difensivo.

È l’Inter a tirare il vento nella ricerca della promozione.

Napoli? D’altra parte, sono portati avanti dai venti degli uragani.

Più accattivante del Liverpool Crush

Quando l’Ajax ha preso un vantaggio iniziale ad Amsterdam, la reazione iniziale è stata che sarebbe stato difficile per il Napoli ottenere la terza vittoria consecutiva nella fase a gironi.

È stata dura per l’attacco azzurro, che ora è uno dei più caldi d’Europa.

READ  Il classico grande club ora vuole nominare la stella della nazionale svedese - si sono già sentiti

Una vittoria per 6-1 per l’Ajax è stata, oserei dire, più brutale e strabiliante del loro shock contro il Liverpool all’inizio di questo autunno. Ed è innegabilmente accattivante.

Questo è un Napoli che può non solo guidare la Serie A, ma anche dimostrarsi solido e dominante sulla scena europea.

Avrebbe potuto perdere ogni lealista immaginabile in estate, ma invece ha ottenuto un attacco inarrestabile dell’uragano del Napoli.

Poi di nuovo, è ancora autunno e non dovremmo aspettarci troppo successo nella prossima fase a eliminazione diretta.

Tuttavia, con il vento che soffia qui e ora, tutti dovrebbero preferire evitare il Napoli (o l’Inter) agli ottavi.

Perché è di nuovo primavera per il Calcio.