TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Magnus Västerbro: Il tiranno Carlo XII ha trasmesso il terrore in Svezia

Magnus Västerbro: Il tiranno Carlo XII ha trasmesso il terrore in Svezia

Negli ultimi anni, abbiamo visto molti meravigliosi esempi di come uno stato repressivo possa agire brutalmente quando si sente minacciato. Un dittatore bielorusso ha costretto l’abbattimento di un aereo passeggeri per dirottare il giornalista dell’opposizione Raman Pratasevich. I governanti autoritari dell’Arabia Saudita sono andati anche oltre quando hanno inviato i loro inviati ad attaccare Jamal Khashoggi quando ha visitato l’ambasciata del paese a Istanbul: è stato soffocato e smembrato in un assurdo tentativo di nascondere ciò che era successo.

Entrambi questi esempi mi fanno pensare al tempo di Carlo XII. Più specificamente, mi fa pensare a Johan Schoonheit.

Non è ben noto, ma probabilmente dovrebbe esserlo. Perché il suo triste destino è un esempio della dura realtà che in realtà si celava dietro il termine neutrale “autocrazia”, ​​una bella rielaborazione del governo autoritario in Svezia all’epoca.

All’inizio del XVIII secolo Johan Schoenheit, un ex schieramento a Västerbotten, si è trasferito ad Amburgo per evitare la punizione per il crimine di censura. Aveva pubblicato il romanzo cristiano “Kiski Joseph” che aveva tradotto mentre era in prigione per un altro crimine, nonostante fosse stato bandito dalla censura svedese. Dal suo esilio ad Amburgo, Schönheit ha cercato di difendersi, tra l’altro, pubblicando un volantino che accusava diversi funzionari svedesi di corruzione. La sua critica ha attirato così tanta attenzione che è stato elaborato un piano per zittirlo – un piano presentato per la prima volta a Carlo XII, che ha dato la sua approvazione.

Dal suo esilio ad Amburgo, Schönheit ha cercato di difendersi, tra l’altro, pubblicando un volantino che accusava diversi funzionari svedesi di corruzione.

Sostenuti dal re dietro di lui, gli inviati svedesi hanno teso una trappola. Dato che Johan Schoenheit si manteneva come ragazzo di campo anche ad Amburgo, era facile mettersi d’accordo. Gli è stato detto che c’era un paziente alla periferia della città che aveva bisogno del suo aiuto. Quando è arrivato, tuttavia, è stato invece rapito e trasportato attraverso il confine nel ducato svedese di Brema-Verdun. Dopo un processo frettoloso, è stato condannato al carcere a Marstrand. Ma anche dalla prigione, Schoonheit ha continuato a scrivere testi che attaccano le autorità svedesi, la chiesa e l’assolutismo in quanto tali, che ha accusato di mantenere “il popolo svedese in una povera schiavitù”.

READ  Dov'è il limite di debito?

Johann Schoonheit fu quindi condannato a morte e giustiziato il 30 luglio 1706. Ma prima che gli venisse tagliata la testa, gli fu tagliata la lingua e la mano destra, con la mano che scriveva e la lingua che aveva pronunciato il suo criminale. . Testi. Sia la mano che la lingua sono inchiodate a un pilastro della vergogna, come monito di ciò che può accadere a chi si ostina a esprimere liberamente i propri pensieri.

Il caso di Johan Schoonheit lo è Insolito, almeno in qualche modo. La maggior parte delle persone che sono state accusate di quelli che in questo momento vengono chiamati dei crimini prestigiosi hanno fatto il possibile per evitare di essere uccisi scusandosi troppo. Questa tattica fu tentata, ad esempio, dal contadino Lars Larson a Overmo in Dalarna (che fu raccontato dallo storico Martin Lindy) quando fu condannato a morte nel 1710 perché, nel mezzo di una guerra furiosa, disse che non gli importava almeno se era Carlo II Dieci è vivo o no, e non aveva intenzione di pregare per la salute del re. Si è scusato per aver avuto un trauma cranico, quindi non ha sempre saputo cosa stava dicendo. Le scuse sono state accettate e la penalità è stata modificata nella seconda più grave: Lars Larson è stato costretto a correre non meno di nove giri.

Ritratto di Carlo XII del 1715.

album fotografico

Ma prima di essere decapitato, gli è stata tagliata la lingua e la mano destra, con la mano che scriveva e la lingua che pronunciava le sue parole criminali.

La minaccia di punizione per le trasgressioni di maestà giocò un ruolo importante nella costruzione dell’ordine che prevaleva nel paese durante il regno di Carlo XI e successivamente Carlo XII. Nello specifico, sotto il governo dei primi negli anni Ottanta del Cinquecento, fu introdotto un cosiddetto dispotismo, un sistema che significa che il re gode di “potere e violenza a suo piacimento”. Era una notizia storica, perché in precedenza i governanti svedesi dovevano sempre tenere conto di quanto approvato dal parlamento svedese, oltre che dai Riksdag, potenti signori nobili.

Questo è stato cambiato da Carlo XI, che avrebbe potuto usare la sua forte posizione di comandante militare per fare pressione sul Parlamento a sei partiti per garantirgli maggiori poteri. In primo luogo, le proprietà decisero che il re non aveva affatto bisogno di ascoltare il consiglio. Quindi concordano sul fatto che può anche legiferare da solo senza prima chiedere al parlamento svedese. Tutto è stato fatto con l’approvazione immobiliare. Passo dopo passo, hanno deciso di trasferire quasi tutto il loro potere al sovrano sovrano. Carlo XI assunse il controllo finale con il cosiddetto atto di veto del 1689, rendendo l’interrogatorio del re un reato penale, o addirittura avanzando qualsiasi suggerimento che potesse limitare il suo potere.

Ciò significa che Carlo XI Durante i suoi ultimi anni aveva il controllo quasi assoluto sul suo regno. È stato osservato. La Svezia nel 1690 era un paese in cui almeno una parte della popolazione viveva nella costante paura del proprio sovrano. Il marchese italiano Alessandro Peci ha scritto di come piegarsi in tribunale: “tutti hanno paura e nessuno osa dire una parola”. Un altro viaggiatore straniero ha detto che se vuoi guardare al “dispotismo nudo”, devi andare nei paesi nordici, perché la schiavitù delle persone lì è insolitamente visibile a tutti.

Ma la minaccia è stata sempre presente: chiunque si fosse lamentato troppo poteva essere punito.

Tuttavia, è possibile che in ogni caso l’autocrazia abbia inizialmente avuto un sostegno significativo in ampi circoli. Per l’ultima parte del regno di Carlo XI, significò un lungo periodo di pace, durante il quale si potevano attuare una serie di riforme di successo per l’amministrazione e l’economia del regno. In questo modo, viene confermato ciò che Aristotele scrisse quasi duemila anni fa: un re potente a volte può essere utile per un regno. L’unico problema è, come ha sottolineato anche Aristotele, che anche un re esperto deve alla fine consegnare il potere, e quindi c’è un alto rischio che le cose vadano male.

Nel caso della Svezia, questo divenne evidente quando Carlo XII divenne reggente. Forse sarebbe potuto diventare un sovrano capace in tempo di pace, ma non ha avuto il tempo di dimostrarlo. Invece, il giovane re fu gettato in una guerra devastante, quando nel 1700 la Svezia fu attaccata da tre dei suoi vicini. Prima di tutto, Carlo XII riuscì bene a difendere il suo regno, con l’aiuto del potente esercito che suo padre aveva costruito. È chiaro che le sue vittorie rapide gli hanno dato arroganza, che ha contribuito al suo rifiuto di tutte le possibilità di porre fine alla lunga guerra. E questo nonostante si sia presto scoperto che i nemici erano moltissimi, e nonostante il fatto che il popolo svedese, soffrendo per la crescente disperazione nelle loro voci, chiedesse la pace.

Ma per tutto il tempo c’è stato La minaccia c’è: chiunque si sia lamentato troppo potrebbe essere punito. Quando i parlamentari svedesi si incontrarono a Stoccolma nel 1710 e 1713 per discutere cosa fare in assenza del re – Carlo XII era all’epoca nell’impero ottomano dopo la perdita a Poltava – la minaccia della legge di veto incombeva su di loro, il legge che proibisce ogni libertà. Dibattito e tutte le proposte politiche che possono essere interpretate come una sfida al potere del re.

Questo di per sé non era esclusivo della Svezia. In effetti, un certo numero di paesi in Europa divenne autoritario nel XVII secolo. Ma allo stesso tempo apparvero anche forze opposte.

Questo di per sé non era esclusivo della Svezia. In effetti, un certo numero di paesi in Europa divenne autoritario nel XVII secolo. Ma allo stesso tempo apparvero anche forze opposte. In Inghilterra, l’influenza del Parlamento è cresciuta a scapito della monarchia. E nello stesso paese, il filosofo John Locke ha lanciato la sua idea che chi detiene il potere poteva farlo solo con il consenso dei loro sudditi – altrimenti il ​​popolo aveva il diritto di rovesciarli. Queste idee hanno avuto effetto anche in Svezia, ma solo dopo la morte di Carlo XII. Si è scoperto che silenziosamente l’opposizione alla dittatura era cresciuta enormemente durante gli anni della guerra.

Quando il re è caduto Così il 30 novembre 1718 la Norvegia subì un cambiamento radicale. Il governo autocratico è stato abolito e invece è stata introdotta una nuova costituzione che ha dato al parlamento del Riksdag un potere quasi completo. Ciò non significa che sia stata introdotta una democrazia moderna, perché questo Riksdag era dominato da pochi gruppi influenti. Ma la differenza rispetto al sistema autocratico era ancora enorme. Voltaire ha descritto questa nuova Svezia, ad esempio, come “il paese più libero del mondo” – guardando indietro, è chiaro che è stato compiuto un passo importante verso la democrazia che seguirà molto più tardi.

Ma non è stato un processo semplice, al contrario. Durante la seconda metà del Settecento tornò l’autocrazia, durante il regno di Gustavo III, che raccolse sempre più potere intorno a lui prima del suo assassinio da parte di un gruppo di nobili che si vedevano difendere la libertà e l’antica costituzione. Non è stato fino al 1809 che l’era del dispotismo in Svezia si è conclusa una volta per tutte, con la deposizione del figlio di Gustav III, Gustav IV Adolf. Poi seguì un’altra lunga lotta politica, fino al 1921 quando fu introdotto il suffragio universale per uomini e donne.

Penso a tutto questo quando arriva la notizia delle violazioni delle dittature contro il loro popolo in paesi come l’Arabia Saudita e la Bielorussia.

Da tutto questo si può Sai che ci vuole tempo per passare da un’apparente persecuzione a una democrazia funzionante – nel caso della Svezia duecento anni, se si conta dalla morte di Carlo XII. Ma una lezione è che tali cambiamenti sono, dopotutto, possibili e che nuovi modi di governare nel tempo possono diventare intuitivi.

Penso a tutto questo quando arriva la notizia delle violazioni delle dittature contro il loro popolo in paesi come l’Arabia Saudita e la Bielorussia. Prima o poi, probabilmente ci sarà anche un giorno in cui coloro che lottano per un governo più libero gioiranno come tanti in Svezia all’inizio del dicembre 1718, quando la notizia della caduta di Carlo XII si diffuse in tutto il paese.

Erik Benzelius, un bibliotecario dell’Università di Uppsala, era uno di quelli che era ubriaco di felicità quando ha saputo che il re era morto e che la tirannia sarebbe così caduta. Chi sa quanto sia difficile trattenere gli svedesi, scriveva nei suoi diari, e chiunque sa “ciò che è caro è la giusta libertà” può immaginare la felicità che prova ora. Ha scritto anche piangendo, ma sono lacrime di gioia, non lacrime di tristezza.

Leggi altri testi di Magnus Västerbro