TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Macron visita la famiglia della vittima GP

Emmanuel Macron, che si trovava in Ciad al momento dell’assassinio, ha scritto su Twitter che la Francia non si sarebbe mai sottomessa al “terrorismo islamico”. Il paese è stato oggetto di numerosi atti estremisti negli ultimi anni.

Sabato, Macron ha visitato la famiglia della vittima.

Venerdì, una donna di 49 anni che lavorava nell’amministrazione è stata uccisa all’ingresso del suo posto di lavoro in una stazione di polizia a Rambouillet, fuori Parigi.

L’incidente è indagato come reato terroristico, secondo i pubblici ministeri, che stanno indicando quali dichiarazioni l’autore deve aver fatto in relazione all’attacco.

L’autore è stato ucciso a colpi d’arma da fuoco sulla scena del crimine. Il 36enne tunisino era precedentemente sconosciuto alla polizia o ai servizi di intelligence.

Ancora una volta, la repubblica è stata attaccata. Ancora una volta, lo stato francese era minacciato. Non lasceremo che ciò accada, ha detto il primo ministro Jean Castex in una conferenza stampa.

Poi si è svolto un incontro di crisi con una serie di altri ministri a Parigi.

Dopo l’attacco, tre persone sono state prese per interrogatorio. Un’altra persona è stata arrestata sabato. Sono state effettuate diverse ispezioni domestiche.

Il ministro dell’Interno Gerald Darmanen ha affermato che la sicurezza nelle stazioni di polizia in tutto il paese sarebbe stata rafforzata.

Il presidente francese Emmanuel Macron. Galleria fotografica. Foto: Mark Schiefelbein / AP / TT

READ  Nathan Shahar: il grande gioco di scommesse di Hamas - Il veto di Gerusalemme