TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Unione europea ha deciso di introdurre un passaporto per un vaccino comune

Certificazione dell’Unione Europea che prende il nome dal “certificato verde” Entrerà in uso il 26 giugno in tutta l’Unione europea. Deve essere applicato in tutti i paesi dell’Unione europea e può essere applicato anche a Norvegia, Islanda, Svizzera e Liechtenstein. Dovrebbe essere gratuito, disponibile sia in formato digitale che cartaceo e può essere rilasciato in tutte le lingue ufficiali dell’Unione europea.

Gli Stati membri hanno deciso che, oltre alla vaccinazione, dovrebbero essere registrate anche le informazioni sugli anticorpi e sui recenti test di incoronazione in modo da poterle visualizzare facilmente rispetto ai viaggi all’interno dell’Unione europea.

In Svezia, l’agenzia digitale La direzione (Digg) è stata precedentemente incaricata di sviluppare le certificazioni digitali dei vaccini che saranno disponibili dal 1 ° giugno. Ora hanno un disperato bisogno di aggiungere anche gli altri due pezzi. Il ministro della digitalizzazione Anders Leighman (S) non pensa che dovrebbe esserci un problema.

Siamo in prima linea perché abbiamo già preparato questo estratto del libretto di vaccinazione. Il 26 giugno, speriamo che tutti gli svedesi ottengano la certificazione verde nel proprio telefono cellulare, ha detto a DN.

Il Parlamento non ha avuto il tempo di votare sulla mozione, ma dovrebbe farlo entro la fine del mese. Secondo Egeman, il messaggio del giorno era significativo.

Ci saranno maggiori informazioni su come ottenere un permesso di vaccinazione entro questa primavera e secondo Ygeman ci sarà un servizio clienti speciale per tutti coloro che vogliono porre domande.

Il governo ha stanziato 30 milioni di corone svedesi Sviluppare l’infrastruttura digitale richiesta. A livello di Unione Europea sono stati stanziati un milione di euro, che gli Stati membri possono richiedere a tal fine.

READ  Spread Omikron - Il Regno Unito attiva il piano B

Anders Ygeman ritiene che un’Europa in cui le persone viaggiano come prima della pandemia si senta distante nella situazione attuale quando le autorità lanciano l’allarme sulla continua e pericolosa diffusione dell’infezione.

Ma devi avere due idee nella tua testa allo stesso tempo. Se al momento non investiamo per ottenere questa certificazione, non ci sarà quando saremo pronti a viaggiare di nuovo. All’inizio dell’anno, l’Unione Europea prevede che il 70% della popolazione riceva almeno una dose del vaccino. Si spera che questo influenzerà la diffusione dell’infezione, afferma Anders Ygeman.