TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La polizia ha rilasciato la cauzione dopo le accuse di omicidio

La polizia che ha ucciso a colpi di arma da fuoco la ventenne Don Wright è stata rilasciata su cauzione dopo il suo arresto mercoledì.

È ufficialmente accusata di omicidio colposo di secondo grado a causa della sparatoria mortale ed è stata rilasciata su cauzione di $ 100.000, l’equivalente di circa $ 850.000.

La prima udienza del caso si terrà giovedì alle 13:30, ora locale.

Anche se apprezziamo che il procuratore generale si spinga oltre in materia con correttezza Un demoneL’avvocato della famiglia, Wright, ha detto: “Nessuna condanna può restituire la famiglia ai propri cari”. Ben Crump Dopo l’arresto della polizia.

Dopo la micidiale sparatoria di domenica, Minneapolis è stata nuovamente scossa dalle proteste. Per la quarta notte consecutiva, i manifestanti e la polizia antisommossa si sono scontrati mercoledì al calare dell’oscurità. La polizia ha sparato gas lacrimogeni per disperdere i manifestanti fuori dalla stazione di polizia del Brooklyn Center, il sobborgo in cui Don Wright è stato ucciso a colpi d’arma da fuoco.

Il ventenne stava guidando la sua ragazza al Brooklyn Center domenica, quando la polizia ha fermato l’auto per un’infrazione stradale e poi ha scoperto che Wright era ricercato. Durante l’intervento sono scoppiati disordini e sono stati sparati colpi di arma da fuoco. Wright si allontanò ferito e si schiantò a pochi isolati di distanza.

La polizia che ha sparato a Wright ha affermato che la sparatoria è stata un incidente e che le è capitato di sparare con la sua arma di servizio quando, in effetti, avrebbe usato un’arma a scossa elettrica. Le registrazioni rilasciate dalla telecamera del suo corpo sembrano supportare questa affermazione.

READ  Seggi aperti alle elezioni francesi

Lei e il capo della polizia hanno presentato istanza di licenziamento, ma l’amministrazione comunale ha avuto tempo prima di decidere che avrebbero dovuto essere licenziati.