TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“La Russia sta cercando di punire Zelenskyj” – DN.SE

Decine di migliaia di soldati erano al confine con armi pesanti e sono emerse dichiarazioni minacciose. La situazione ai confini orientali dell’Ucraina è instabile da due settimane.

Ciò che rende sospettosi esperti e analisti è che la Russia di solito non si comportava in questo modo prima dell’invasione. Quando l’esercito russo ha invaso la Crimea nel 2014, è successo rapidamente e senza preavviso. Ma ora, da più di due settimane, Mosca ha dato all’Ucraina il tempo di rafforzare le sue posizioni difensive.

L’unica cosa che indica che non ci sarà guerra è che tutto sembra molto chiaro. Invece, sembrano spostare tutto questo acciaio alle frontiere per attirare l’attenzione, come ha scritto il politico dell’opposizione russo Leonid Guzmán in Nova Gazeta. È a capo del partito “Unione di destra” che critica Putin.

Lo scorso fine settimana, l’Ucraina ha annunciato che circa 20.000 soldati russi si erano radunati al confine orientale del paese. Pochi giorni dopo, il comandante in capo delle forze armate ucraine Ruslan Chumchak ha detto Alla CNN Che il numero dei soldati russi è salito a 50.000. L’Ucraina potrebbe esagerare questo numero: alcune stime indipendenti devono ancora essere pubblicate. L’Ucraina si trova in una situazione molto critica, poiché non controlla gran parte dei suoi confini. La regione intorno a Donetsk e Luhansk è sotto il controllo dei separatisti sostenuti dalla Russia. Ciò significa che la Russia potrebbe facilmente inviare grandi forze attraverso il confine se lo volesse.

Questo è il presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelensky porta in primo piano il giornalista della CNN Può essere fotografato Correre in trincea è un messaggio chiaro per gli Stati Uniti. Zelensky dice alla CNN che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden dovrebbe fare di più per l’Ucraina.

READ  Un nuovo tuffo nel relitto del regista accusato in Estonia

Possiamo essere attaccati ogni giorno. Lo sappiamo dal 2014 “, afferma Zelensky.

Se gli Stati Uniti vogliono vedere l’Ucraina nella NATO, devono fare qualcosa al riguardo. Il presidente aggiunge che le parole non bastano.

Stati Uniti d’America: presidente Joe Biden.

Foto: J. Scott Applewhite / TT

In una conversazione telefonica con Vladimir Putin martedì, Joe Biden ha invitato Putin a ridurre le tensioni al confine ucraino. Nel frattempo, la TV russa ritrae Zelenskyj come un signore della guerra. Nella rivista settimanale di propaganda, il re Dmitry Kiselyov Vesti Nidelie Kiselyov dice che Zelenskyj sta visitando il fronte “per incoraggiare i macellai”.

In altre parole, la macchina della propaganda russa è in pieno svolgimento. Mentre i notiziari della televisione di stato riportano di un’Ucraina assetata di sangue che si prepara alla guerra, alti funzionari fanno osservazioni minacciose.

– Se la regione è minacciata da Srebrenica, dovremo intervenire. Tutto dipende dall’altra parte, Ora Dmitry KozakVice capo del personale di Putin, 8 aprile.

Ha anche detto che la guerra segnerà la fine dell’Ucraina come nazione.

Le azioni di guerra significano l’inizio e la fine per l’Ucraina. Cusack ha detto che non si trattava solo di sparare ai piedi, ma alla fronte.

Il giorno successivo, la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakarova gli ha prestato.

Se l’Ucraina diventa membro della NATO, non porterà alla pace. Al contrario, porterà a una pericolosa escalation nelle parti sud-orientali. Ciò potrebbe avere conseguenze irreversibili per lo Stato ucraino, Maria Zakarova ha avuto la meglio.

Pensavano che fosse debole e inesperto e che sarebbe stato facile da controllare. Al contrario, si è dimostrato estremamente testardo

È passato molto tempo La Russia ha usato questo linguaggio minaccioso contro l’Ucraina. Da quando Volodymyr Zelensky è diventato presidente dell’Ucraina nel 2019, le relazioni tra Mosca e Kiev non sono state normalizzate in alcun modo. In particolare, tuttavia, sono stati compiuti alcuni passi positivi Scambio di prigionieri Nel settembre 2019 sono stati scambiati 70 prigionieri, 35 per parte.

Zelenskyj ha sempre detto che il suo obiettivo è la pace nell’Ucraina orientale. 2019 anno Annuncia improvvisamente Accetta di concedere al Donbass dilaniato dalla guerra uno status speciale, secondo il cosiddetto modello Steinmeier.

Successivamente, i negoziati si sono interrotti, il che, secondo l’analista ucraino Volodymyr Fesenko, è dovuto al fatto che Zelenskyj non è morto di fame alle condizioni russe. Il Cremlino si aspettava qualcosa di diverso.

Mosca è insoddisfatta della sua incapacità di costringere Volodymyr Zelensky ad accettare i termini russi. Pensavano che fosse debole e inesperto e che sarebbe stato facile da controllare. Al contrario, si è rivelato molto testardo, dice Volodymyr Fesenko al telefono da Kiev. È un analista politico e dirige il Centro di ricerca Penta Kiev.

Note di Fesenko Le tattiche di intimidazione sono uno strumento collaudato per il Cremlino. La storia offre molti esempi. Prima che Stalin attaccasse la Finlandia nel 1939, un gran numero di truppe fu trasferito al confine finlandese mentre allo stesso tempo accusava la Finlandia di comportarsi in modo aggressivo. Poi Stalin ha attaccato, sostenendo che si trattava di autodifesa. Quando la Russia ha attaccato la Georgia nel 2008, ha inizialmente provocato disordini, tra l’altro consegnando passaporti russi a cittadini georgiani nell’Ossezia meridionale. Quando il presidente georgiano Mikhail Saakashvili inviò truppe a Chenvali, le forze russe entrarono immediatamente.

Fare Zelenskyj nello stesso modo in cui Saakashvili si lascia cadere in una trappola non sembra probabile al momento. Ma Fesenko sottolinea che quando la situazione si aggrava militarmente, a volte può portare entrambe le parti a perdere il controllo.

Guarda la prima guerra mondiale. Prima che scoppiasse, c’erano molti paesi che si spaventavano a vicenda, ma non volevano davvero la guerra. Ora che la Russia ha inviato le sue forze al confine, ovviamente, anche l’Ucraina deve rafforzare le sue posizioni. Questo porta all’automatismo, che è un rischio in sé e per sé.

Il presidente russo Vladimir Putin.

Il presidente russo Vladimir Putin.

Foto: Mikhail Metzel / AP

Fesenko sottolinea anche altri fattori che potrebbero aver influenzato la Russia.

Joe Biden è recentemente diventato presidente degli Stati Uniti e questo potrebbe essere un modo per metterlo alla prova. Inoltre, Zelensky ha recentemente chiuso Dei tre canali televisivi filo-russi in Ucraina, uno è di proprietà dell’amico personale di Putin, Viktor Medvedchuk. Ovviamente, questo non è stato apprezzato al Cremlino, che ha perso uno dei suoi strumenti più importanti per influenzare l’opinione pubblica ucraina.

Mosca non è in grado di occupare l’intera Ucraina. Questo porterà a una rabbiosa resistenza partigiana

Quante dimensioni Quindi, c’è il rischio che l’Ucraina venga ora spinta in guerra? Fesenko pensa che il rischio sia palpabile, ma lo considera comunque meno probabile e sottolinea che l’esercito ucraino è significativamente più forte oggi rispetto al 2014-2015. Nemmeno gli osservatori russi credono alla guerra a questo punto.

– Mosca non è in grado di occupare tutta l’Ucraina. Questo porterà a una rabbiosa resistenza partigiana. Gleb Pavlovsky dice a DN che parteciperanno Europa e Stati Uniti, e forse anche la Turchia. È a capo del think tank dell’Effective Policy Fund ed è stato in precedenza uno stratega politico del Cremlino.

Finché la situazione non si deteriora in guerra, il Cremlino può mantenere il controllo. Come ora, Mosca può governare. Ma questo non è più possibile quando la guerra diventa realtà e altri paesi intervengono, dice Pavlovsky.

L’analista militare russo indipendente Pavel Felgenhower afferma che la stagione non è molto favorevole per un’invasione.

Al momento, tutti i fiumi e torrenti allagano le loro rive nell’Ucraina orientale e le strade sono fangose ​​e fangose. Quindi non vuoi inviare grandi quantità di serbatoi. Non escludo un’infestazione, ma avverrà al più presto a metà maggio. Le strade dovrebbero essere asciutte e le truppe sono necessarie per le parate del D-Day del 9 maggio, ha detto Felgenhauer a DN.

Un soldato ucraino vicino a Donetsk, in Ucraina, all'inizio di questa settimana.

Un soldato ucraino vicino a Donetsk, in Ucraina, all’inizio di questa settimana.

Foto: AP

Conclusione comune Ciò che tutti gli esperti con cui ho parlato – che fossero a Kiev oa Mosca – facessero affidamento su quella guerra potrebbe, in pratica, scoppiare in qualsiasi momento. Tutto ciò che serve è che un certo numero di fattori corrisponda. In altre parole, è facile capire perché il presidente ucraino Zelensky abbia ripetutamente invitato gli Stati Uniti e i paesi della NATO a consentire all’Ucraina di diventare un membro della NATO. Le possibilità sono praticamente inesistenti, poiché l’adesione alla NATO non è stata approvata in situazioni di emergenza.

In questo caso, è estremamente importante avviare i negoziati di pace il prima possibile. Se c’è una guerra, né Putin né Zelenskyj possono controllare cosa succede. Questo è lo scenario peggiore di tutti. Non sono sicuro che lo capiscano al Cremlino. I politici russi sembrano aver perso la capacità di pensare in modo strategico, afferma Gleb Pavlovsky.