TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Unione Europea ha approvato leggi sul clima per ridurre le emissioni di anidride carbonica

L’Unione europea sta aumentando gli standard climatici, ma la comunità imprenditoriale avverte di sfide significative quando i nuovi obiettivi saranno raggiunti.

I negoziati sulla legge sul clima nell’Unione europea sono stati accelerati per essere pronti per il vertice sul clima di giovedì con il presidente degli Stati Uniti Joe Biden.

Dopo la maratona di trattative Mercoledì mattina presto il Parlamento europeo e gli Stati membri hanno approvato la nuova legge sul clima. Entro il 2030, le emissioni di anidride carbonica saranno ridotte del 55% rispetto al livello del 1990. L’obiettivo precedente era del 40%.

Inoltre, l’Europa sarà il primo continente climaticamente neutro entro il 2050 e successivamente avrà un impatto climatico positivo. Per raggiungere questo obiettivo, la Commissione europea proporrà ora a giugno un obiettivo per il 2040.

“Mi dispiace per questa gestione un po ‘imbarazzante, ma sono almeno felice dopo un anno intenso con la legge sul clima e ora anche 14 ore di trattative stasera. Abbiamo finito alle 5 di questa mattina, che vedo come un segno di determinazione. che tutte le istituzioni devono avere successo tra Overnight e ottenere il miglior contenuto possibile per questa legge sul clima “, ha dichiarato mercoledì mattina il rappresentante dei socialdemocratici Getty Gotland, capo negoziatore del Parlamento europeo sulla questione, in una conferenza stampa.

Dopo l’approvazione di una decisione in ottobre, il Parlamento europeo ha avviato i negoziati, chiedendo una riduzione del 60% delle emissioni di anidride carbonica. A dicembre, dopo difficili negoziati al vertice, le nazioni dell’Unione Europea hanno accettato l’obiettivo del 55 per cento, che ora è uscito vittorioso dalla battaglia.

READ  Macron visita la famiglia della vittima GP

“Non è un segreto che mi sarebbe piaciuto di più, ma è un buon inizio. Abbiamo costruito un edificio nella legge sul clima che lo rende molto forte. È come un neonato. Diventi sempre più forte per essere una persona importante, “dice Getty Gotland.

Anche il Parlamento ha ricevuto Abbandona il requisito che l’obiettivo di zero emissioni per il 2050 si applichi a ciascuno Stato membro separatamente e non solo all’Unione europea nel suo insieme.

“Mi sento meno a mio agio con la mancanza di obiettivi vincolanti per le emissioni di CO2 degli Stati membri. Ci siamo seduti con loro durante la notte ma non siamo arrivati ​​da nessuna parte. Gli Stati membri erano feroce opposizione. Non sarebbe stato meglio se ci fossimo seduti per un’altra settimana o mese. “

Mercoledì c’è stata una forte pressione sul tempo per preparare la legge sul clima.

“È un ottimo momento prima del vertice internazionale con l’Unione europea e gli Stati Uniti di giovedì. Faremo da apripista prima del vertice internazionale che si terrà a Glasgow a novembre. Sono orgoglioso che esista una legge sul clima che deve essere introdotto “, ha detto.

Soddisfatta anche Jessica Boulevard, moderata, membro della commissione per l’ambiente del Parlamento europeo.

“Abbiamo spinto per l’obiettivo del 55%, e questa era anche la linea del nostro gruppo di partito del PPE. È una posizione equilibrata. È importante che la comunità imprenditoriale abbia il tempo, non gli obiettivi ambiziosi”.

Dice che nuove soluzioni tecniche aumentano la possibilità di raggiungere i nuovi obiettivi.

“Questo mostra non da ultimo il lavoro della Svezia sulla produzione di acciaio fossile”, afferma Jessica Bollviard.

READ  La principessa Latifa viene rilasciata dagli arresti domiciliari

Jessper Gyberg, l’ufficiale Per quanto riguarda la politica climatica al SED, ritiene che sia positivo che il Parlamento e gli Stati membri abbiano concordato un ambizioso obiettivo netto per il 2030.

“Il grande business sarà quello di implementare l’obiettivo preciso”.

Allo stesso tempo, ritiene che sia importante mantenere la competitività delle aziende svedesi.

“Abbiamo bisogno di aziende redditizie che possano permettersi la transizione”, afferma Jesper Gyberg.

È positivo che l’Unione europea abbia approvato una legge sul clima, afferma Johan Rockstrom, presidente dell’Istituto di ricerca sul clima di Potsdam, ma l’ambizione non è sufficiente.

“Con una riduzione del 55 per cento, sembrerebbe che l’Unione europea abbia maggiori responsabilità rispetto al resto del mondo. Ma poiché l’Unione europea ha già ridotto le sue emissioni di circa il 24 per cento dal 1990, la decisione odierna significa solo emissioni effettive tagli di solo il 30 per cento tra il 2020 e il 2030. Questo è molto poco, purtroppo, ”

Gli interessi ampiamente divergenti degli Stati dell’Unione europea hanno spesso ostacolato i negoziati, con la grande industria automobilistica tedesca e la dipendenza della Polonia dal carbone come solo due esempi.

Il ministro dei trasporti tedesco Andreas Scheuer della conservatrice CSU ha messo in guardia l’Unione europea contro la fissazione di limiti di emissioni che l’industria automobilistica non può rispettare.

“Devi essere coraggioso con i requisiti, ma tieni presente il principio della tecnologia che è possibile. Non dobbiamo perdere l’industria automobilistica in Europa, perché poi si sposterà altrove”, ha detto all’inizio di aprile secondo Dr. News AgencyAutorità Palestinese.

Il clima può essere uno Una questione controversa nel prossimo governo tedesco sul fatto che la CDU e il suo partito gemello CSU abbiano bisogno dell’aiuto dei Verdi per mantenere il potere quando Angela Merkel si dimette.

READ  Biden chiede cooperazione in un momento critico

Il nuovo candidato alla cancelliera del partito CDU / CSU, Armin Laschet, sta cercando di difendere i resti dell’industria del carbone nel suo stato, il Nord Reno-Westfalia. I Verdi stanno lavorando con la migliore candidata Analina Burbock su requisiti di emissioni più severi.

L’equilibrio del potere potrebbe ribaltarsi anche dopo le elezioni di settembre. I Verdi sono ora il partito più numeroso, secondo un sondaggio condotto martedì, dopo che i due sono stati nominati cancellieri. I Verdi sono al 28% e CDU / CSU al 21%, secondo il loro sondaggio Forsa.