TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La polizia è sotto inchiesta a Minneapolis per l’omicidio

Le condanne contro Chauvin nel caso della morte di George Floyd hanno dominato il flusso delle notizie americane. Tuttavia, il giorno dopo il processo, è giunta la notizia dal governo di Washington, DC, che l’indagine sul lavoro della polizia a Minneapolis era stata estesa.

“È stato annunciato oggi (mercoledì) che il Dipartimento di Giustizia sta avviando un’indagine civile per indagare se il Dipartimento di Polizia di Minneapolis – sistematicamente o praticamente – sta svolgendo attività incostituzionali o illegali”, ha detto il ministro della Giustizia Merrick Garland.

Secondo Reuters, l’indagine civile è diversa dall’indagine penale sulla morte di Floyd.

La lettera è stata accolta con favore dall’amministrazione comunale e dal distretto cittadino del Minnesota.

Domanda di cambiamento

L’annuncio può essere visto come la volontà del governo di perseguire le accuse di modelli pericolosi di lavoro di polizia. L’indagine ha fatto seguito a un commento del presidente degli Stati Uniti Joe Biden subito dopo il verdetto:

È stato un omicidio in pieno giorno e ha fatto a pezzi i paraocchi per il mondo intero. Biden afferma che il razzismo strutturale inquina l’anima di una nazione.

Chauvin, 45 anni, è sotto processo da due settimane e 45 testimoni sono stati ascoltati.

La giuria, composta da sette donne e cinque uomini, ha discusso per un totale di nove ore prima di annunciare la colpevolezza di Chauvin su tutti e tre i capi: omicidio non intenzionale di secondo grado inglese, omicidio di terzo grado e omicidio colposo di secondo grado.

La pena massima per questi crimini è rispettivamente di 40 anni, 25 e 10 anni di reclusione.

I media di Minneapolis hanno citato il giudice dicendo che il verdetto sarebbe stato annunciato entro otto settimane.

READ  Assassinio del presidente haitiano: tra gli indagati politici, preti e un uomo d'affari

Le proteste sono iniziate

L’intervento contro Floyd è stato filmato a Minneapolis nel maggio dello scorso anno e la sua morte ha scatenato un’ondata di proteste contro il razzismo e la violenza della polizia in tutto il mondo.

Il presidente Biden ha detto nel suo discorso alla Casa Bianca che il paese non aveva sperimentato nulla di simile dal movimento per i diritti civili degli anni ’60.

Niente può restituire loro il fratello e il padre, ma questo potrebbe essere un grande passo avanti verso la giustizia negli Stati Uniti.

Ha anche invitato gli Stati Uniti a restare uniti.

Ci sono quelli che cercheranno di approfittare dello stato emotivo adesso: istigatori ed estremisti che non si preoccupano della giustizia sociale. Non dobbiamo permettere loro di avere successo.

‘Respira di nuovo’

Secondo i media locali, diverse città degli Stati Uniti si sono preparate a possibili disordini riguardo al verdetto. Minneapolis aveva chiamato la Guardia Nazionale per pattugliare alcune parti del centro città prima della sentenza.

Ma quando il verdetto è stato annunciato, sono risuonati dei canti, sia nella folla fuori dal tribunale che in molte altre parti del paese. Molti piansero di sollievo.

“Oggi possiamo respirare di nuovo”, ha detto all’AFP Philones Floyd, fratello di George Floyd.

Grim Berglund / TT

Emma Gilstad / TT

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha parlato dalla Casa Bianca dopo che è stato annunciato il verdetto contro l’ex agente di polizia Derek Chauvin. Foto: Evan Vucci / AP / TT

Il fratello di George Floyd, Philones Floyd, durante una conferenza stampa dopo l'annuncio del verdetto.

Il fratello di George Floyd, Philones Floyd, durante una conferenza stampa dopo l’annuncio del verdetto. Foto: John Minchillo / AP / TT

In tutti gli Stati Uniti, le persone si sono radunate, e qui ci sono attivisti a Detroit per quanto riguarda la pubblicazione del verdetto.

In tutti gli Stati Uniti, le persone si sono radunate, e qui ci sono attivisti a Detroit per quanto riguarda la pubblicazione del verdetto. Foto: Jacob Hamilton / AP / TT

La sera del 25 maggio 2020, la polizia ha arrestato George Floyd, 46 anni, a Minneapolis, Minnesota, dopo che un impiegato del negozio lo aveva accusato di aver tentato di acquistare sigarette con una valuta contraffatta di 20 dollari.

Le mani di Floyd erano legate, ma quando la polizia ha cercato di farlo salire in macchina, ha reagito, finendo sul pavimento e affrontando la strada.

Gli astanti hanno filmato l’ufficiale di polizia Derek Chauvin che metteva il ginocchio sulla testa e sul collo di Floyd per più di nove minuti. Nel video, puoi sentire come Floyd dice più di 20 volte che non può respirare prima che il suo corpo diventi molle.

Floyd è stato annunciato morto in ospedale poco dopo.