TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’obesità è comune nella covidosi su iva

Le persone obese sono state identificate all’inizio dell’epidemia come un particolare gruppo a rischio per casi gravi di covid-19.

I risultati preliminari sono stati ora confermati da uno studio dell’Università di Göteborg.

Lo studio della Sahlgrenska Academy comprende più di 1.600 persone in Svezia che hanno avuto bisogno di cure intensive a causa del coronavirus durante la prima metà della pandemia.

Ciò corrisponde a poco più del 62 percento di tutti i casi di virus registrati nel registro svedese della terapia intensiva durante questo periodo.

Tra i pazienti, il 39,4 per cento ha manifestato obesità – la cosiddetta obesità – rispetto a circa il 16 per cento della popolazione (calcolata con un indice di massa corporea superiore a 30).

Ciò significa, tra l’altro, un aumento del rischio di morte per Covid del 50% rispetto al gruppo di peso normale.

Il nostro messaggio ai nostri colleghi caregiver è che c’è un motivo per cui l’obesità è il tuo fattore di rischio e che dovresti monitorare da vicino questi pazienti, dice Lovisa Sjögren, ricercatrice presso l’Accademia Sahlgrenska, a TT.

– Quindi il messaggio ai nostri pazienti è che quante più persone possibile cercano cure per la vaccinazione e che hanno anche diritto alle cure migliori possibili per la loro malattia di base.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista scientifica Plos One.

Fatti: studio

Lo studio, dell’Accademia Sahlgrenska dell’Università di Göteborg, ha incluso un totale di 1.649 pazienti curati nell’Unità di terapia intensiva (IVA) durante la primavera e l’estate del 2020.

Le materie prime contengono 2.628 pazienti, secondo il Registro svedese di terapia intensiva, che sono stati curati presso l’IVA per covid dall’inizio di marzo al 23 agosto 2020.

READ  Nessuna nuova restrizione in Danimarca nonostante un allarmante aumento di Corona

I ricercatori hanno quindi rimosso i pazienti poiché non era possibile ottenere dati attuali su peso e altezza, così come tutte le donne in gravidanza e le persone di età inferiore ai 18 anni.

Lo studio si è concentrato sull’esame dell’importanza dell’alto indice di massa corporea (BMI) e degli esiti negativi (morte o periodo di cura prolungato) in terapia intensiva per COVID-19.

Tra le condizioni studiate, il 39,4% dei pazienti aveva un BMI di 30 o più, rispetto al 16% della popolazione generale.

Fonte: Accademia Sahlgrenska