TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Ljunghäll ha sostituito il grande deficit, quindi il 2021 sarà la grande azienda


Anders Melin è il CEO di Lunghall a Sotra Vi. Foto: Simon Henriksen

Dopo una serie di anni forti con profitti di oltre 100 milioni, sia il 2019 che il 2020 sono stati difficili per il più grande datore di lavoro privato del comune. Ljunghall ha perso oltre 240 milioni di vendite tra il 2019 e il 2020.

SEK ha speso 91,9 milioni l’anno scorso dopo la produzione finanziaria netta. Entro il 2021, nonostante il perdurare dell’epidemia, Ljunghall sembra essere riuscita a invertire la tendenza.

– Quest’anno siamo migliorati. Certo, dipende da quale fine si sta parlando, ma quando si tratta di risultati aziendali si finisce intorno alla linea dello zero, afferma il CEO Anders Melin.

Come sei riuscito a girarlo?

– Abbiamo avuto due anni difficili, ma abbiamo sia produttività che prestazioni eccellenti. In primavera ne avevamo una buona quantità, ma in autunno siamo stati colpiti da una carenza di semiconduttori per impedirci di raggiungere il giusto livello. Ciò significa che da settembre ad oggi non siamo nella posizione precedente di quest’anno.

Per aumentare le vendite

Le vendite nel 2020 sono state inferiori a 1,1 miliardi. Sembra che aumenterà del dieci per cento nel 2021.

– Scende a circa 1,2 miliardi di corone svedesi. Il nostro piano per il prossimo anno è di 1,45 miliardi di corone svedesi. Se arrivano i blocchi, ci sono le condizioni per questo, ma se i blocchi sono dove sono ora, ovviamente il risultato non sarà abbastanza alto. Ma ci aspettiamo un risultato chiaro.

Quali segnali ricevi per il 2022?

READ  Il libro di scuola italiano prende in giro la ragazza cinese

– Quest’anno è molto difficile affrontare le fluttuazioni e gli arresti improvvisi. Ci aspettiamo che tutti i clienti rispondano con incertezza nel primo trimestre, ma i libri degli ordini successivi andranno bene per i nostri clienti. Speriamo di raggiungere il livello previsto e di aumentarlo l’anno prossimo.

Ci sono 530 dipendenti

L’azienda italiana Gnutti Carlo ha acquisito Ljunghäll sette anni fa. Certo, non erano contenti dei risultati degli ultimi due anni.

– I proprietari sono contenti che stia andando nella giusta direzione, ma non sono contenti del risultato. Non puoi avere un business che non unisci, sono molti soldi che hanno investito, continua Anders Melin:

– Misuriamo molto l’EBITDA, che è l’utile operativo meno l’ammortamento, e dovrebbero esserci percentuali fino a due cifre. Ci andiamo e speriamo di farlo l’anno prossimo.

Södra Vi a Ljunghäll ha circa 530 dipendenti ed è improbabile che ne avrà molti di più l’anno prossimo.

– Probabilmente non aumenteremo sul lato statico. Quando si tratta del lato in movimento, potremmo dover assumere. Ma diventa rilevante solo quando accade.

Ci sono grossi investimenti in corso?

– Abbiamo introdotto molti nuovi prodotti con i nostri clienti. Nel prossimo anno cresceremo molto con Scania. Abbiamo anche un investimento entusiasta in nuove tecnologie, che sarà un chiaro vantaggio. Facciamolo nel 2022.