TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Italia concorda con l’UE sul più ampio piano di ripresa: Corona riceve quasi 200 miliardi di dollari in sussidi e prestiti attraverso i finanziamenti | Straniero

L’Italia ha concordato con la Commissione Europea un piano di ripresa per far fronte agli effetti della crisi Corona. Il paese riceverà enormi sussidi e prestiti attraverso i fondi di recupero.

Ieri il governo italiano ha fornito un pacchetto da 222 miliardi di euro per i prossimi cinque anni. La maggior parte, 192 192 miliardi, è finanziata dal fondo di recupero di 50 750 miliardi dell’UE.

Un portavoce del governo ha detto che l’Italia ha dato il via libera al suo piano dopo aver tenuto colloqui nel fine settimana con il primo ministro Mario Draghi e il presidente della Commissione europea Ursula van der Leyen.

Successivamente, il piano sarà esaminato dal Parlamento e dal Senato lunedì e martedì. L’Italia vuole presentare formalmente il suo piano di risanamento entro il 30 aprile, quando scade il termine della commissione.

Investimenti in donne, giovani e digitalizzazione

Il progetto propone investimenti significativi sia per i giovani uomini che per le donne, in particolare i due gruppi più gravemente colpiti dall’epidemia. Il progetto mira anche a ridurre il divario economico tra il Sud Italia e il resto del Paese.

Secondo le linee guida della Commissione Europea, un terzo del denaro va a scopi che promuovono il cambiamento verde. Tra le altre cose, vogliono investire in collegamenti ferroviari più veloci e in un maggiore riciclaggio.

Il progetto prevede anche importanti investimenti nella digitalizzazione. Circa ில்லியன் 50 miliardi verranno utilizzati per espandere le connessioni Internet standard e aggiornare la rete 5G.

Il governo di Roma stima che il PIL italiano crescerà del 3,6 per cento entro il 2026, grazie agli investimenti e alle riforme strutturali che daranno forma al piano di ripresa.

READ  I jeans più caldi di questo autunno vengono dall'Italia

Allo stesso tempo, il piano di ripresa ha portato a polemiche politiche in Italia. L’ex presidente del Consiglio Giuseppe Conte si è dimesso a gennaio dopo una disputa su come utilizzare il denaro.

Una misura della credibilità dell’Unione europea nella lotta alle epidemie

Uno dei fattori che ha portato l’UE ad accettare di istituire uno storico fondo di sostegno per la corona quest’estate sono le preoccupazioni su come l’Italia affronterà la crisi della corona.

Il piano di ripresa può essere visto come una misura generale di come l’UE ha gestito le conseguenze economiche dell’epidemia di corona.

Il termine per tutti i paesi dell’UE per presentare i loro piani alla Commissione scade alla Walbergis Night. Finora, solo il presidente dell’UE Portogallo ha presentato formalmente il suo piano.

Si prevede che più nazioni seguiranno l’esempio del Portogallo questa settimana. Allo stesso tempo, la Commissione stima che gli Stati membri perderanno metà del loro tempo.

La Finlandia aveva precedentemente annunciato che il piano di ripresa non sarebbe stato completato in aprile.

Primi pagamenti a luglio

I ritardi all’interno della commissione non sono considerati un problema importante, dando priorità al contenuto dei progetti in modo tempestivo.

Tuttavia, se i paesi non presenteranno i loro piani entro le prossime settimane, sarà difficile per la Commissione e i ministri delle finanze dell’UE avere il tempo di rivedere i piani prima di luglio, quando dovrebbero essere effettuati i primi pagamenti.

Urgente anche l’approvazione nazionale del pacchetto di sostegno Corona.

Nove paesi, compresa la Finlandia, non hanno ancora approvato un pacchetto che autorizzi la Commissione a prendere in prestito 750 miliardi di dollari per finanziare il fondo.

READ  Ladri che prendono di mira i micro negozi di liquori italiani di San Francisco

La barriera all’approvazione è stata rimossa la scorsa settimana quando la Corte costituzionale tedesca ha stabilito che non c’erano ostacoli legali al riconoscimento dei fondi nel Bundestack tedesco.

Fonti: Commissione Europea, AFP, Reuters, RAI