TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L'ingiustizia economica guida il traffico di specie selvatiche

L’ingiustizia economica guida il traffico di specie selvatiche

Negli ultimi 20 anni, più di 420 milioni di animali e piante selvatici sono stati catturati in 226 paesi per l’esportazione. I ricercatori affermano in un nuovo studio che il commercio avviene principalmente in paesi con grandi differenze economiche.

Le rane selvatiche catturate in Madagascar vengono poi vendute negli Stati Uniti e il pesce selvatico catturato in Thailandia finisce spesso a Hong Kong. Questi sono due esempi di fauna selvatica nella maggior parte dei casi cacciata in paesi a basso reddito e venduta illegalmente a paesi con un tenore di vita più elevato. Lo hanno affermato, tra gli altri, ricercatori dell’Università di Hong Kong e dell’Università Nazionale di Singapore studi.

I ricercatori hanno utilizzato i dati sulla fauna selvatica catturata dalla CITES e dalla Convenzione sul commercio delle specie minacciate di estinzione e li hanno confrontati con i fattori socioeconomici nei paesi in cui il commercio di specie selvatiche è diffuso. Indonesia, Giamaica e Honduras hanno esportato la maggior parte della fauna selvatica tra il 1998 e il 2018. La stragrande maggioranza degli animali è finita negli Stati Uniti, seguita da Francia e Italia.

Il commercio internazionale di animali e piante è una delle maggiori minacce per le specie in via di estinzione. Un problema, secondo i ricercatori, è che ci sono pochissimi incentivi finanziari per frenare il commercio illegale negli accordi internazionali che sono stati firmati. Quindi suggeriscono che i paesi in cui viene catturata la maggior parte degli animali dovrebbero ricevere aiuti finanziari, a condizione che riescano a ridurre il commercio.

Crediamo che i soldi dovrebbero provenire da paesi ad alto reddito. In parte perché hanno la responsabilità attraverso gli obiettivi globali delle Nazioni Unite e in parte perché svolgono un ruolo sproporzionatamente importante nel commercio globale di animali, afferma Jia Huan Liu, che ha guidato lo studio, a notizie della BBC.

READ  Il dato sull'inflazione pesa sulla borsa di Stoccolma | GP

Ci sono diverse indicazioni che il commercio illegale di fauna selvatica sia diminuito durante la pandemia, in parte a causa del divieto imposto dalla Cina al consumo di fauna selvatica.

Ora abbiamo l’opportunità di sfruttare la consapevolezza delle persone sui pericoli di questo commercio e quindi evitare che tutto torni alla normalità dopo l’epidemia, dice Jia Huan Liu.


Ellen Fikston testo