TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’inazione del governo sta peggiorando la crisi occupazionale

Le torte morali per i disoccupati non risolvono il problema

Martedì una manifestazione per chiedere un aumento dei lavori in piazza Sergel.

La disoccupazione è in aumento. Negli ultimi mesi del 2023, 418.000 svedesi erano disoccupati. 37.000 in più rispetto al trimestre precedente, secondo i dati di Statistiche della Svezia. Ciò causerebbe grattacapi a un intero gruppo di ministri.

Se ricalcolato e corretto, ciò significa che il tasso di disoccupazione è dell’8%. Nel prossimo futuro, si prevede che sempre più persone perderanno il lavoro.

– Alla pari della Spagna e della Grecia, ha esclamato il Ministro del Mercato del Lavoro Johan Persson.

Il confronto è debole

Il paragone di Pearson è ovviamente debole. La Svezia è uno dei paesi dell’Unione Europea con la più alta percentuale di popolazione attiva. Nel 2022 il tasso di occupazione ha raggiunto il 69%.

La Grecia non ha nemmeno raggiunto il 53%. Confrontare i due paesi è come paragonare il motore di una Volvo allo scooter che noleggi in spiaggia.

Tuttavia, 418.000 disoccupati sono un numero allarmante. Soprattutto perché molti settori testimoniano quanto sia difficile ottenere le giuste competenze.

READ  Dairy appeal agli allevatori: meno latte

Necessità di dipendenti

Si è detto recentemente Consiglio dell'industria Sulla necessità per le aziende di assumere 300.000 persone nei prossimi tre anni, pari al numero degli studenti delle scuole superiori del Paese. L'assistenza agli anziani avrà bisogno di più di 100.000 nuovi dipendenti nei prossimi dieci anni, solo per citarne alcuni.

Il fatto che la forza lavoro non soddisfi i bisogni non è una novità e non è colpa di Johan Persson. Profili negativi e morali hanno caratterizzato la politica del mercato del lavoro sotto vari governi.

Tuttavia, Johan Persson è responsabile di ciò che sta accadendo ora. Non molto, a quanto pare. La responsabilità torna all’individuo.

-Se perdi il lavoro, devi essere pronto a trasferirti o a ricevere un'istruzione Pearson Chiamata sfacciata.

La Svezia è in fiamme

Tuttavia, la disoccupazione non è legata solo alla politica negativa del mercato del lavoro. Ciò è dovuto anche al fatto che Elisabeth Svantesson e la Riksbank hanno deliberatamente messo la Svezia in uno stato di austerità. Gli alti tassi di interesse e un bilancio pubblico rigoroso per combattere l’inflazione hanno questo effetto.

Qui il governo può fare la differenza, se lo vuole.

È impensabile che ora le Regioni siano costrette a licenziare gli operatori sanitari. Aumentare il sostegno del governo è la soluzione. Al massimo, avrà un effetto marginale sull’inflazione. L’assistenza sanitaria non è l’unico settore in cui le competenze stanno inutilmente scomparendo in questo momento.

18.000 nomi

Preso martedì scorso Il ministro dell'edilizia abitativa Andreas Carlsson Ha ricevuto 18.155 firme in piazza Sergel. Costruttori e lavoratori delle case in legno vogliono vedere investimenti nell’edilizia abitativa, che è in fase di stallo da quando i tassi di interesse sono aumentati.

Carlson, ad esempio, potrebbe adottare la proposta dei socialdemocratici Incentivi alla costruzione Ai comuni in rapida crescita. Inoltre, sarà effettivamente più semplice per i disoccupati rispondere all'appello del Ministro del Lavoro e trasferirsi dove ci sono opportunità di lavoro.

READ  "Un posto nell'accademia di F1 non significa solo ricevere"

La disoccupazione è in aumento e il ministro del Mercato del lavoro Johan Persson esorta i disoccupati ad agire. È sufficiente questa risposta? Esistono sufficienti misure di politica del mercato del lavoro? È ragionevole che gli operatori sanitari e gli operai edili diventino disoccupati per combattere l’inflazione?

Nella chat, Ingvar Persson discute con i lettori della politica del mercato del lavoro.

  • Ingvar Persson

    Ieri09.32

    È l'una e mezza, è ora di chiudere la chiacchierata. Voglio ringraziare tutti coloro che hanno contribuito con idee e opinioni.

  • Se il governo vuole licenziare le persone dopo la disoccupazione o la malattia, deve anche garantire che i datori di lavoro più grandi siano obbligati ad assumere queste persone. Oggi, i datori di lavoro non vogliono gestire i disoccupati o i lavoratori in congedo per malattia di lungo periodo con guanti e pinze. Se anche tu hai più di 50 anni e non hai una formazione universitaria recente, verrai espulso. I datori di lavoro utilizzano la manodopera con sussidio salariale per rimandare indietro i disoccupati. Estrema rabbia per il disprezzo del governo nei confronti di coloro che sono fuori dal mercato del lavoro. La stragrande maggioranza non desidera altro che fare la cosa giusta da sola e avere un posto di lavoro dove andare!

    Vigilia

    Ciao Eva.

    Forse è questo il nocciolo del problema. Noi come esseri umani siamo diversi, ma il mercato del lavoro spesso richiede che non solo siamo uguali, ma anche che soddisfiamo richieste impossibili.

  • Benvenuto!

    Si dice che dovremmo lavorare più a lungo ed istruirci per soddisfare le esigenze del mercato del lavoro. Ma nessuno parla di ageism in Svezia. Mia moglie ha continuato gli studi fino a tarda età e sta cercando lavoro, adesso ha quasi 60 anni ed è aggiornata, ma riceve sempre un no. Poi ritornano gli stessi servizi. Quindi è una specie di ombra. Perché nessuno fa nulla per questo problema?

    Michael Vogelstrom

    Ciao Michael.

    Non ho una risposta alla tua domanda, ma hai chiaramente ragione. L’ageismo è un grave problema sociale.

  • Si dimentica anche che l'agenzia di collocamento viene utilizzata come discarica dai datori di lavoro quando si considera che coloro che sono in congedo per malattia hanno il 100% di capacità lavorativa, ma attraverso l'assistenza i datori di lavoro sono considerati malati al 100% per tutti i posti di lavoro attuali nell'intero mercato del lavoro. . Ciò significa che non esiste un piano riabilitativo attivo da parte del datore di lavoro, ma la persona in malattia viene indirizzata oltre che ai servizi sociali anche all'agenzia per il lavoro. Sarà quindi interessante dove sono le statistiche che mostrano la realtà degli iscritti l'agenzia per il lavoro… Iscritta con disabilità A causa di una malattia che riduce la capacità lavorativa del 100%…

    helena_m_andersson2

    Ciao Elena.

    Ovviamente hai ragione. C’è stato un libro recente sull’assicurazione sanitaria in particolare, “We Are Not Machines”. Ne ho scritto l'altro giorno.

    https://www.aftonbladet.se/ledare/a/5BxAgm/mobbningen-av-sjuka-maste-inte-fortsatta

  • C'è anche una grande responsabilità personale quando si diventa disoccupati. Che potresti seguire una formazione in aree in cui c'è carenza di manodopera, che sei disposto a trasferirti lì, ecc.

    Partito laburista

    Ciao P.T.

    Assolutamente sì, e il punto è che anche le persone in generale hanno la responsabilità. La domanda è quali condizioni ottieni. Ci sono corsi di formazione? Ci sono alloggi in luoghi con carenza di manodopera? Ricevi supporto per affrontare altre responsabilità nella vita, come la famiglia?

    Moralizzare la disoccupazione come risultato della pigrizia suona vero 100 anni fa.

READ  La peggiore siccità nell'Europa meridionale in 1.200 anni dopo l'ondata di caldo