TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L'erede di Mussolini punta alla vittoria elettorale dell'Italia

L’erede di Mussolini punta alla vittoria elettorale dell’Italia

Alle elezioni del 2018, i Fratelli d’Italia hanno ricevuto il 4,4 per cento del sostegno degli elettori. Oggi il partito sostiene quasi un elettore italiano su quattro, in vista delle elezioni del 25 settembre appena annunciate dopo un lungo periodo di turbolenze politiche. Il caos è giunto al culmine il 21 luglio quando il presidente del Consiglio Mario Draghi ha rassegnato le dimissioni e il presidente Mattarella ha sciolto il Parlamento, dopo che tre partiti della coalizione avevano perso la fiducia in Draghi.

Forza Italia, Lega e Movimento Cinque Stelle hanno rovesciato il governo, afferma Anders Bergmann, esperto, storico e autore di diversi libri sulla politica italiana.

Fai una brusca destra

Draghi continuerà ora a guidare un governo di transizione, ma a detta di tutti, questo sarà un passaggio al potere con una forte svolta a destra dopo le nuove elezioni con una possibile coalizione di tre partiti all’estrema destra. C’è il populista di destra di Silvio Berlusconi Forza Italia, che rappresenta circa il 7-8 per cento dell’opinione pubblica. Il secondo partito più grande è la Lega Conservatrice Nazionale, guidata da Matteo Salvini, che rappresenta la linea fermamente anti-immigrazione. Attualmente raggiungono circa il 13-15 percento nelle misurazioni.

Ma di gran lunga i fratelli italiani Fratelli d’Italia, il cui leader del partito, Giorgia Meloni, divenne una stella splendente e splendente nei cieli della politica italiana.

– È vista come una figura carismatica, che ha guadagnato grande popolarità perché si è trovata fuori dal governo e, come oppositore, è stata l’unica in grado di criticare il governo per due anni.

L’erede di Mussolini

I Fratelli d’Italia si sono formati nel 2012, ma il partito discende direttamente dal successore di Benito Mussolini nel partito fascista MSI. In un editoriale su Dagens Nyheter il liberalismo è descritto come segue:

READ  Luca's Disney Review + Una deliziosa e nostalgica cartolina dall'Italia

“Puoi chiamare i fratelli d’Italia conservatori sociali o populisti nazionali o puoi essere chiaro su cosa sia veramente: un partito di estrema destra che discende direttamente dal partito di Mussolini.

Il simbolo del partito è un cenno evidente, così come la tendenza dei membri a commemorare eventi storici fascisti come la Marcia su Roma del 1922”.

Anders Bergmann pensa che un partito neofascista come i Fratelli Italiani sia così popolare non è una sorpresa.

C’è una forte opinione in Italia di questo tipo di estrema destra, c’è sempre stata. Adesso cresce perché l’economia è in caduta libera e perché ha accolto tanti profughi in questi anni, ma soprattutto perché non ha mai fatto i conti con il suo passato fascista.

Già fascista da adolescente

La leader del partito Giorgia Meloni è una veterana del movimento neofascista italiano. All’età di quindici anni Meloni aderì al sindacato giovanile del MSI, il partito fascista filo-Mussolini fondato nel 1946.

– Si descrive come una specie di femminista fascista, anche se non usa lei stessa quel termine, lo dice tra le righe. Anders Bergman dice che è profondamente radicato nella storia del suo partito e che i rapporti con Mussolini non possono essere ignorati.

Giorgia Meloni è diventata la leader della Confraternita d’Italia nel 2014.Foto: Andrea Medicini/AP/TTAP

Politicamente, Meloni è di estrema destra. Impone severe restrizioni all'”immigrazione di massa”, non crede che i figli di genitori immigrati debbano poter diventare cittadini italiani e vuole schierare l’esercito contro i criminali. In precedenza ha criticato l’aborto, qualcosa che ha recentemente minimizzato, ma si oppone ancora al matrimonio gay, e in un discorso a una manifestazione di giugno, ha gridato “Sì alla famiglia normale! No alla lobby LGBTQ”, secondo The Guardian.

READ  McDonald's chiude il suo primo ristorante

Sarebbe un disastro per tutti i gay e le lesbiche se diventasse primo ministro in Italia, dice Anders Bergmann.

profonda crisi economica

L’Italia è la terza economia più grande dell’Unione Europea, ma negli ultimi decenni ha attraversato una crisi più profonda di qualsiasi altro Paese dell’UE con tre recessioni e un PIL più basso oggi rispetto al 1999. La disoccupazione per gli italiani di età compresa tra i 24 ei 34 anni si avvicina Di il 30 per cento e dal 2008 tra 250.000 e 300.000 giovani italiani sono emigrati ogni anno.

La situazione economica dovrebbe peggiorare con un governo instabile di estrema destra, che potrebbe avere ripercussioni in tutta Europa.

– Sì, influenzerà molto in tutta l’Unione europea. I tassi di interesse sono aumentati e la borsa di Milano è in calo.

Con il successo dei fratelli italiani, le relazioni tra i partiti di estrema destra in Europa e negli Stati Uniti dovrebbero rafforzarsi.

Giorgia Meloni ha ripetutamente espresso la sua simpatia per Donald Trump ed è stata catturata in una foto che abbracciava l’ex capo stratega di Trump Steve Bannon.

Ha davvero sostenuto Donald Trump e ha detto che il suo ruolo nell’assalto al Campidoglio era esagerato.

Alleanza con Urban

Il partito spagnolo di estrema destra Vox ha invitato Meloni a parlare alle manifestazioni e il leader nazionalista ungherese Viktor Orban è un altro alleato.

Urban spera che possano andare avanti in Italia, così da poter costruire alleanze. Quello che Urban ha detto sulla mescolanza etnica, ad esempio, probabilmente avrebbero potuto firmare anche molti dei fratelli d’Italia.

I Democratici svedesi hanno anche legami con i Fratelli d’Italia. Siedono nello stesso gruppo di partito al Parlamento europeo e durante l’inizio della pandemia di Corona nella primavera del 2020, Meloni è stato intervistato da Jimmie Åkesson sul canale YouTube di SD.

READ  Molti hanno una sensazione istintiva durante il reclutamento

Andavano molto d’accordo, sembravano divertirsi insieme e sembravano molto affezionati l’uno all’altro, dice Anders Bergmann.

Jimmy Meloni
Nella primavera del 2020, Jimmie Åkesson ha rilasciato un’intervista a Meloni sul canale YouTube di SD.Foto: screenshot del canale YouTube dei Democratici svedesi

Dopo dieci minuti di videochiamate sul caso Corona, Meloni si chiude con la telefonata di Åkesson.

“Spero di vederti presto qui in Italia”, disse allegramente.

“Quando ricominceranno i voli, ci sarò”, rispose Jimmy O’Keison, e si augurarono il meglio “a te e al tuo paese”.

– Vi sono chiari legami tra SD ei Fratelli d’Italia. Anders Bergmann dice che condividono la storia con l’eredità dell’estrema destra postfascista.

– Non si sono occupati affatto dell’eredità fascista in Italia, è un grosso problema. Confronta con la Germania dove i criminali di guerra furono assicurati alla giustizia al processo di Norimberga, in Italia invece andarono direttamente all’apparato statale. Molti fascisti divennero pubblici ministeri, giudici e agenti di polizia o entrarono nei servizi di sicurezza. Ancora oggi all’interno del partito, Fratelli d’Italia, sono tanti i nostalgici che celebrano l’eredità fascista. Ma il pubblico non sembra pensare che sia un grosso problema perché è comunque così grande.