TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Leader: Questo è il modo in cui lo Stato può svolgere il suo ruolo nella riduzione del prezzo dell’elettricità

Ci sono circa 170 società di rete elettrica in Svezia. Queste società non devono essere confuse con le società di commercio di energia elettrica. Le compagnie elettriche forniscono l’elettricità che usi. Puoi scegliere l’azienda da cui desideri acquistare l’elettricità. Pertanto è del tutto possibile per qualcuno a Kristinehamn acquistare elettricità da Gotlands Energi AB o Mellanskånes kraft AB.

Tuttavia, questa libertà di scelta non si applica alle società di rete elettrica. La rete elettrica è ciò che trasmette l’elettricità. Qui non puoi scegliere, sei indirizzato alla società proprietaria della rete elettrica del paese.

Trattandosi di una situazione di monopolio, al fine di tutelare i consumatori, l’Autorità di controllo dei mercati dell’energia adotta periodicamente decisioni in merito all’inquadramento delle entrate delle società di rete elettrica derivanti dai canoni di rete elettrica.

Le decisioni vengono prese sulla base delle informazioni delle società di rete elettrica in merito, tra l’altro, ai costi operativi e alle perdite di energia nonché agli investimenti pianificati. Le decisioni sui quadri delle entrate per il periodo 2024-2027 saranno prese a breve.

Ora, il gruppo Nils Holgersson, composto da Bostadsrätterna, i proprietari, HSB Riksförbund, l’associazione degli inquilini, Riksbyggen e Sveriges Allmännytta, sottolinea che molte società di rete elettrica hanno aumentato significativamente i loro prezzi prima delle decisioni imminenti.

Vattenfall, Ellevio ed EON detenevano il monopolio delle reti elettriche in 141 comuni, motivo per cui i cambiamenti si riflettono nel sondaggio. Vattenfall ha ridotto le sue commissioni in media del 2,1%. Ellevio, invece, ha aumentato le proprie commissioni dell’8,6 per cento e Eon del 20,3 per cento. In media, il costo della rete elettrica è aumentato del 9,5 per cento rispetto all’anno precedente, anche se le differenze sono significative.

READ  La Riksbank lascia invariato il tasso di interesse di riferimento e apre la porta a ulteriori tagli

Poiché ci sono ulteriori movimenti di prezzo prima e dopo le nuove decisioni, ad esempio EON ha effettuato un aumento simile prima del periodo in corso, non si può escludere che le società di rete elettrica si stiano preparando per un nuovo ciclo di decisioni. Qualcosa in questa situazione può passare ai clienti.

Allo stesso tempo, la situazione della rete elettrica svedese sta diventando sempre più difficile da navigare e, soprattutto, un orizzonte leggermente più lungo. Una parte ragionevole del motivo dell’aumento dei canoni di rete è probabilmente la mancanza di elettricità. Più trasporti portano a più sprechi.

Sebbene la rete elettrica statale svedese sia proprietaria della rete in cui si verifica la perdita, è responsabilità delle società elettriche acquistare abbastanza elettricità per compensare. Tra il sette e l’otto percento dell’elettricità acquistata viene persa in perdite di trasmissione. Qualcosa che diventa costoso man mano che i prezzi dell’elettricità salgono.

Svenska kraftnät ha sicuramente trasferito parte del denaro ricevuto l’anno scorso e ridotto alcune commissioni, ma è possibile che possano tagliare di più. Allo stesso modo, dovrebbe essere abolita la tassa di soffocamento Svenska kraftnät. Lo scopo era riconciliare le differenze di prezzo tra le regioni di prezzo dell’elettricità. Questo non è successo. Inoltre, le entrate non sono state utilizzate per abbassare i prezzi nelle aree in cui i prezzi dell’elettricità scarseggiano.

Per ogni addebito, ogni rischio e ogni costo, tutti i livelli aggiungono il proprio margine di sicurezza. Con un inutile aumento di prezzo per l’utente finale. Pertanto, lo stato deve ripulire e rimuovere le spese di soffocamento, l’imposta sul valore aggiunto, le tasse e tutto ciò che fa aumentare il prezzo dell’elettricità.

READ  Sempre più bambini sono contagiati dal virus COVID-19