TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le vendite di processori desktop hanno toccato il fondo

I computer in generale e le varianti desktop in particolare sono stati segnalati come sbiaditi diverse volte, poiché i servizi cloud, i telefoni e i tablet diventano sempre più potenti. Ma durante la pandemia, la tendenza al ribasso si è invertita, con il lavoro, l’istruzione e l’intrattenimento che si spostano sempre più nei regni digitali. Ora che la situazione sta tornando alla normalità, la domanda è di nuovo in calo, motivo per cui i produttori di PC stanno tirando il freno a mano per ridurre le loro scorte.

I dispositivi di Tom Scrivo sull’ultimo rapporto di Mercury Research, un’azienda che da 28 anni segue il mercato dell’hardware. Nel secondo trimestre del 2022, si dice che le vendite di processori abbiano fatto un serio passo indietro, toccando il minimo di tre decenni. È stato anche descritto che il calo rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso è il più grande osservato da Mercury Research e che probabilmente soddisfa solo la sua sovraperformance di metà degli anni ’80.

Si può vedere che questi tempi difficili possono essere visti in diversi luoghi, non da ultimo nei rapporti trimestrali di Nvidia e Intel, che rispettivamente mancano obiettivi e mostrano numeri di perdite straordinarie. Al contrario, il concorrente dell’azienda, AMD, sta facendo solidi progressi, e questo è menzionato anche nell’articolo di Tom’s Hardware. Nonostante il mercato freddo, l’azienda ha guadagnato quote di mercato sia nel settore consumer che in quello dei server. Quando il rapporto tra AMD e Intel viene riassunto nel mercato x86, il primo in un anno si è avvicinato a 8,9 punti percentuali da Intel, occupando attualmente il 31,4% del mercato.

READ  Si dice che la mancanza di circuiti mantenga in vita la Playstation 4

Anche i dati aggregati sono suddivisi in diversi segmenti e, rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, la quota di AMD nel mercato desktop è aumentata di 3,5 punti percentuali, al 20,6%. Sul lato mobile, è stata vista una mossa di 4,8 punti percentuali e ora si dice che la società detenga il 27% del mercato, un nuovo record. Sul lato server, l’aumento è stato quasi altrettanto ampio, 4,4 punti percentuali, ma con questo la quota di mercato raggiunge solo il 13,9%. Il futuro ci dirà se AMD sarà in grado di mantenere i trend rialzisti anche in futuro.