TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le proteste in corso danno speranza dopo i colpi di stato violenti

Le proteste in corso danno speranza dopo i colpi di stato violenti

Il processo democratico avviato in Sudan dopo la caduta del dittatore Omar al-Bashir nel 2019 deve ricominciare.

È quanto ha affermato Hamada, 26 anni, attivista per i diritti umani nella capitale, Khartoum, dove la paura per lo sviluppo di questa settimana è alta.

Ha detto in un’intervista a TT pochi giorni dopo che l’esercito ha preso il potere dalla coalizione congiunta: “Se non si fa nulla al riguardo e l’esercito viene stabilito al potere, ci aspettiamo che il regime islamico ritorni dall’era di al-Bashir. ” Il regime civile-militare che ha sostituito il dittatore.

Sulla scia del colpo di stato di lunedì, l’esercito guidato dal maggiore generale Abdel Fattah al-Burhan ha ridotto l’accesso a Internet e represso i manifestanti a favore della democrazia. Molti sono stati fucilati per le strade e altri attivisti sono stati arrestati nelle loro case.

“Tutti i progressi che abbiamo fatto in materia di diritti umani, diritti LGBT e uguaglianza di genere negli ultimi anni sono stati distrutti”, ha affermato Hamadeh.

chiudere i collegamenti

Kristian Björnskov, professore di economia all’Università di Aarhus in Danimarca, che ha condotto una ricerca su come i paesi sono stati colpiti dai colpi di stato, è d’accordo con Hamada.

– È particolarmente preoccupante quando un colpo di stato militare prende il potere da un regime sull’orlo del cambiamento in direzione democratica. Quello che abbiamo visto è che questo cambiamento rischia di richiedere più tempo dopo, dice.

Il Sudan ha una ricca storia di una società civile forte che in diverse occasioni dopo l’indipendenza nel 1956 è passata alla democrazia. Ma i successi in molte occasioni da allora sono stati sconfitti da dittatori e colpi di stato militari.

READ  Catherine Marsal: Gli scaffali vuoti trasformano i camionisti in una cava calda

– Quello che vediamo in Sudan è un tipo speciale di colpo di stato, in cui l’esercito, che è già al potere, esegue un colpo di stato per impedire, ad esempio, ai civili o ad altri tipi di interessi di acquisire maggiore influenza, afferma Bjornskov.

Gran parte dell’esercito sudanese è strettamente legato al deposto regime di Bashir.

Hamada teme che l’esercito rafforzi la presa sul Paese più di Bashir.

– Capisco le sue preoccupazioni, dice Bjornskov e continua:

Due anni fa, il Sudan si stava muovendo verso un governo civile. Durante quel periodo, i militari hanno imparato molto sulla società in Sudan e da dove potrebbe provenire la resistenza.

Continuano le proteste

L’indagine di Christian Björnskov sui colpi di stato in più di 160 paesi mostra che i colpi di stato aumentano la corruzione, indeboliscono le istituzioni e riducono i vincoli legali al potere, specialmente se i militari sono al comando.

È molto comune che segua un’altra inversione e si ottiene come una marea di inversioni. Il primo può portare il paese in una direzione progressista, e poi un altro arriverà e farà crollare quello sviluppo, dice.

Tuttavia, questo non significa necessariamente che la speranza per la democrazia sudanese sia finita.

– Dico che le possibilità di sopravvivenza del regime militare sono 50-50. C’è un vero risentimento tra la gente e la storia attesta l’esistenza di una società civile attiva in Sudan. Bjornskov dice che c’è motivo di essere ottimisti.

Per Hamada, che ha iniziato la sua settimana con le proteste nelle strade di Khartoum, la dura repressione militare sui manifestanti lo ha costretto a cercare rifugio nella sua casa.

READ  Morto il talento laziale Daniel Guerini - L'Italia in lutto: "sconvolta"

– Durante lo stato di emergenza imposto dai militari, non c’è modo di essere al sicuro per le strade.

Ma dice che il popolo sudanese continua a resistere. Con la disobbedienza civile, le manifestazioni notturne nel quartiere e la creazione di ostacoli sulle strade, che rende più difficile per le forze dell’ordine organizzare assembramenti.

– Protestiamo finché non vediamo cosa succede con gli stessi metodi che abbiamo usato nel 2019, dice.

I sudanesi, sotto il governo militare guidato dal generale Abdel Fattah al-Burhan, rischiano di diventare come il dittatore Omar al-Bashir. Foto dalla conferenza stampa del giorno dopo il golpe di lunedì. Foto: Marwan Ali/AP/TT

Mappa del sito

Immagine della mappa del sito: Johan Hallnäs

Fatti: Sudan

Il Sudan ha un passato di colonia britannica. Attraverso il Nilo, lo stato ha svolto un importante ruolo geostrategico, tra l’altro, per l’irrigazione in Egitto.

Il Sudan ha ottenuto l’indipendenza nel 1956, seguita da decenni di conflitti e guerre civili. Nel luglio 2011, il paese è stato diviso e si è formato il Sud Sudan. Disaccordi e disordini hanno continuato a devastare la regione.

Nel 2019, l’attuale presidente Omar al-Bashir, che governa il paese dal 1989, è stato estromesso dopo diffuse proteste. E la Corte penale internazionale ha accusato al-Bashir di aver commesso crimini di guerra nella regione del Darfur.

Dopo la caduta di Omar al-Bashir, è stato formato un governo di transizione sotto forma di consiglio civile-militare e governo civile.

Il 25 ottobre, l’esercito ha organizzato un colpo di stato e ha rovesciato il governo civile.

La popolazione del Sudan ricco di petrolio è di circa 43 milioni. La capitale si chiama Khartum.

Fonte: UI/Landguiden