TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le prestazioni di AMD Ryzen sono state ripristinate in Windows 11

Il 5 ottobre Microsoft ha rilasciato il suo ultimo sistema operativo Windows 11, che oltre a una nuova estetica e a severi requisiti di sicurezza include anche una serie di miglioramenti hardware, tra le altre cose, per la memoria e i processori core. Poco dopo il lancio, qualcosa sembrava andare storto, soprattutto per i processori Ryzen di AMD, che si sono rivelati aver perso fino al 15% di prestazioni.

► AMD: “Ryzen è fino al 15% più lento in Windows 11”

Questo si osserva principalmente nei giochi e in una certa misura anche le normali applicazioni hanno notato alcune perdite, specialmente quelle che richiedono una memoria estesa. L’errore è stato confermato da AMD e si è scoperto che è causato da due cose. Ciò è dovuto in parte al fatto che un bug ha causato la triplicazione della latenza della cache L3 e in parte al fatto che la funzione Collaborative Power Performance Control 2 (CPPC2) non funzionava correttamente. Le soluzioni ai problemi sono state promesse a ottobre e ora sono disponibili per gli utenti.

Cambiamenti di prestazioni noti

Effetto

Precisione

La latenza della cache L3 misurata e funzionale può aumentare di circa 3 volte.

  • Le applicazioni sensibili al tempo di accesso al sottosistema di memoria potrebbero essere interessate.

  • Un impatto previsto sulle prestazioni del 3-5% è nelle applicazioni interessate e il 10-15% di valori anomali è possibile nei giochi comunemente usati negli eSport.

È in fase di sviluppo un aggiornamento di Windows per risolvere questo problema con disponibilità prevista nell’ottobre 2021.

UEFI CPPC2 (“core preferito”) potrebbe non essere pianificato in modo preferenziale per i thread sul core del processore più veloce.

  • Le applicazioni che sono sensibili alle prestazioni per uno o pochi thread della CPU potrebbero mostrare prestazioni basse.

  • L’effetto sulle prestazioni potrebbe essere più rilevabile nei processori a 8 core con TDP superiore a 65 W.

È in fase di sviluppo un aggiornamento software per risolvere questo problema con una disponibilità prevista nell’ottobre 2021.

READ  Il modem 5G di Apple potrebbe apparire su iPhone nel 2023

Il bug che causa l’aumento della latenza della cache L3 è stato risolto tramite Windows Update, poiché l’aggiornamento “KB5006746” è stato rilasciato poco prima dell’aggiornamento regolare che di solito arriva il martedì. Puoi anche scaricarlo tu stesso Sito Web Microsoft.

La correzione CCP2 arriva direttamente da AMD sotto forma di nuovi driver e deve essere scaricata e installata da sola. L’aggiornamento è disponibile su Sito web AMDAMD promette anche che i due aggiornamenti Risolve completamente tutti i problemi. La stessa azienda ha verificato che tutti i modelli interessati, tra cui Ryzen 2000, Ryzen 3000, Ryzen 4000 e Ryzen 5000, funzionano correttamente quando si applicano le soluzioni.