TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le donne che hanno aperto la strada al primo ministro

Karen Cook è stata la prima donna nel paese a intraprendere una carriera scientifica come economista. Ha difeso la sua tesi nel 1929 ed era un noto personaggio pubblico al tempo della seconda guerra mondiale.

– All’epoca, era conosciuta allo stesso modo di Gunnar e Alpha Myrdal. Era anche una buona amica e ha collaborato con entrambi, dice Kirsti Niskanen, professoressa emerita di storia all’Università di Stoccolma che ha scritto un libro su Karin Kock.

Era sposata con l’allora famoso avvocato Hugo Lindberg, che ha partecipato come osservatore svedese ai processi di Norimberga dopo la seconda guerra mondiale, tra le altre cose.

– All’epoca erano una coppia popolare, dice Kirsty Niskanen.

donna donna

Karen Cook era anche una donna – quella che oggi chiameremmo femminista – e ha lavorato attivamente per i diritti delle donne e per un posto più grande per le donne nel settore pubblico.

“Il movimento delle donne si è rallegrato quando sono diventata Segretario di Stato”.

– C’era una forte opinione dopo la seconda guerra mondiale che ci dovesse essere una donna al governo e lei era come la candidata del movimento delle donne. Il movimento femminista ha applaudito quando è diventata segretario di Stato, afferma Kirsti Niskanen.

Aveva vantaggi rispetto alla maggior parte. Prima di diventare ministro, Karen Cook è stata attiva come professore di economia. È stata anche la segretaria generale della commissione che ha lavorato su come sarebbe stata l’economia dopo la guerra ed è stata coinvolta in un gran numero di indagini governative.

Quando Karen Cook divenne ministro nel 1946, le donne avevano il diritto di voto per 25 anni. Ci sono sempre state donne in Parlamento: la prima donna deputata al Parlamento, Christine Hesselgren, è stata eletta nel 1921.

READ  Tagikistan - Il paese che nacque quando morì l'Unione Sovietica - Studio One

Oggi, 75 anni dopo, tutti i nostri vicini del nord hanno avuto un presidente e due governi. La Svezia sta ancora aspettando.

Kirsti Niskanen afferma che, dopotutto, sono successe molte cose lungo la strada. All’inizio c’erano poche donne in politica e di solito avevano a che fare con questioni più morbide. Ma gradualmente è cambiato: abbiamo donne come ministri degli esteri, ministri delle finanze e ministri della giustizia.

– Ora abbiamo donne in tutte le posizioni di vertice in politica, e in questo modo lo schema è stato rotto. Al lavoro è peggio.

Tuttavia, ci è voluto molto tempo prima che una donna diventasse primo ministro. Cosa ne pensi?

– C’è un posto fantastico nei grandi partiti con il potere. E quando si tratta di socialismo democratico, la classe è la categoria sociale primaria. Era difficile nei socialdemocratici accettare che le donne come gruppo potessero rivendicare la politica.

Riscritto per guardare

L’altra cosa è che le donne in posizioni di rilievo sono esposte in modo diverso rispetto agli uomini. Sono attentamente esaminati e gestiti.

– Era lo stesso con Karen Cook negli anni Quaranta. Commenta cosa ha fatto, cosa non ha fatto, il suo aspetto e le sue relazioni familiari. Agisce come un filo rosso attraverso la storia.

aspetto esteriore?

– Sì sì sì. È stato meticolosamente controllato e riscritto per quello che sembra e cosa indossa, ad esempio quando ha prestato giuramento. Questo è qualcosa a cui le donne sono state continuamente esposte nell’era moderna.

Quanto sono importanti Karen Cook e gli altri suoi predecessori?

– Penso che fossero molto importanti. Non si tratta solo di donne e uomini, ma anche di recitazione. Il genere è un gruppo sociale, come la classe o l’età. Diversi gruppi sociali sono rappresentati a tutti noi. È importante che i giovani vedano che le donne possono ricoprire posizioni elevate come le ragazze.

READ  Karen Erickson: la crisi politica di Biden sta crescendo

“deve apparire”

Quando il Centro femminile della contea di Stoccolma voleva che Karin Soder, allora politico municipale di Täby, si candidasse per il Parlamento alle elezioni del 1970, lei esitò. Chiamò sua madre Lily a casa, che disse: “Se una donna ti vuole, è tuo dovere venire”.

– Era qualcosa su cui era tornata. Doris Gunnarsson, che ha lavorato come esperta politica per Karin Söder nei primi anni ’80, ha affermato che molti doveri e responsabilità le hanno fatto assumere incarichi.

Negli anni ’70, la politica era ancora un regno molto patriarcale. Quando si formò il primo governo borghese tripartito dopo le elezioni del 1976, il Partito popolare inizialmente non propose un solo ministro donna. E solo dopo che il primo ministro entrante Thorbjorn Walden ha riferito la questione al leader del Partito della Libertà Per Ahlmark, il partito ha scelto Birgit Frigebeau.

Rompere diverse barriere

Il partito di centro avrebbe ottenuto la carica di ministro degli esteri e il vicepresidente del partito, Johannes Antonson, era aperto al suo interesse, ma Thorbjorn Walden pensava che Karin Sodder fosse più adatta. In passato, questo era considerato un evento importante. Mai prima d’ora una donna ha ricoperto un incarico ministeriale così pesante.

Maud Olofson e Annie Love con Karen Sodder durante un party meeting nel 2013. Foto: Henrik Montgomery/TT

Karen Sodder infrangerà ancora più barriere.

Doris Gunnarson afferma che Karen Sodder aveva già intenzione di lasciare la carica di vicepresidente nel 1985, dopo 15 anni alla guida del partito. Ma poi Thorbjörn Fälldin ha improvvisamente annunciato che si sarebbe dimesso con effetto immediato.

Era un dramma, e poi c’erano molte persone che volevano che lo prendesse, dice Doris Gunnarson.

Dovere e responsabilità, come mi sono candidato alle elezioni parlamentari.

– Era preoccupata per una spaccatura nella festa, quindi ha detto di sì. È stata una grande affluenza. La festa è stata sollevata dal fatto che lei volesse assumersi il compito.

La festa lo voleva

Doris Gunnarson descrive Karen Sodder come una conversatrice coraggiosa, schietta e intelligente. Ha spiegato che è arrivata al punto di dire che il partito vedeva la sua competenza e la voleva nelle posizioni di vertice – e che suo marito, Gunnar Soder, era straordinariamente uguale per il suo tempo.

Come funzionava?

– molto bello. Divertente e sempre attento. Nonostante avesse un carico di lavoro molto grande, si è sempre presa cura dei suoi dipendenti.

Era un modello forte, non da ultimo nel suo partito. “

Cosa pensi che significhi per le altre donne?

– Era un modello forte, non da ultimo nel suo partito. Era un’insegnante sia per Maud Olofson che per Annie Love, l’hanno detto loro stessi.

ultima barriera

Molti hanno seguito le orme di Karen Sodder. Oggi, tutti i partiti parlamentari, ad eccezione del partito SD, includono una o più donne leader di partito. Ma nessuno ha raggiunto la carica di primo ministro.

Fare l’ultimo passo e assumersi la responsabilità ultima è un altro ostacolo.

A Göteborg, ci è voluto fino al 2009 prima che una donna ottenesse il primo ruolo, quando Anneli Holthen ha assunto la carica di sindaco dopo Göran Johansson.

Non pensare che tutti la guardassero esattamente allo stesso modo.

Dovresti fare cose che gli uomini non dovrebbero. Ripara le cose. Non era insolito per me preparare il caffè per l’intera festa. Non credo che i miei rappresentanti lo abbiano fatto, dice Annelye Holthen.

“È bello non essere giovani”

Ha avuto una lunga carriera, servendo più di 20 anni come politico a tempo pieno al Parlamento europeo e al Parlamento europeo, e l’ha seguita quando è entrata in carica – e ricordando che “è stato bello che tu non fossi più giovane, perché c’è molto da evitare dopo”.

“È più facile per una festa liberarsi di una donna che di un uomo.”

In generale, lei crede che i suoi anni in politica – a parte “alcuni brutti incidenti” – siano andati bene.

– Ovviamente, come tutte le altre donne, nella vita lavorativa o altrove, ho passato cose come alcune che accadono spesso da qualche parte, molto vicine e tutte. Ma non mi sono sentito sottovalutato o trascurato.

Anneli Holthen con Mats R Pelheim, Thomas Martinson e Helen Odungong.  Foto: Orso Walberg

Anneli Holthen con Mats R Pelheim, Thomas Martinson e Helen Odungong. Foto: Orso Walberg

In Norvegia, la prima donna primo ministro si è insediata nel 1981 e durante il primo decennio del 21° secolo tutti gli altri paesi nordici hanno rotto l’ultima barriera. Ed è così che appare in sempre più paesi in tutto il mondo, anche paesi che non vediamo come la Svezia: Ucraina, Moldavia, Croazia, Thailandia, Polonia.

La sentenza si fa più stringente

Ma non la Svezia.

– È imbarazzante, dice Anneli Holthen.

Da cosa pensi dipenda?

– La sentenza contro di te può essere più dura perché sei una donna e la punizione diventa più severa in modo che sia più facile per le parti liberarsi della donna rispetto all’uomo.

Se alla fine diventassi primo ministro, che ruolo giocheresti?

– Simbolicamente, penso che abbia un grande valore. Tutti devono dare loro l’esempio. Allo stesso tempo, più spesso accade, meno importante è. Ed è quello che vogliamo ottenere, non è il sesso che conta ma l’efficienza.

Per saperne di più: Magdalena Anderson – Il nuovo Goran Persson

Altri pionieri

Christina Odenberg

Il primo vescovo della Svezia. Odenberg è stata ordinata nella Grande Chiesa di Stoccolma nel 1967. Trent’anni dopo, nel 1997, è stata ordinata vescovo della diocesi di Lund e il 5 ottobre 1997 è stata ordinata vescovo nella cattedrale di Uppsala. Christina Odenberg era politicamente attiva nei moderati ed è la sorella dell’ex ministro della Difesa Michael Odenberg.

Camilla Udnov

La prima governatrice donna del Paese. Nata nel centro storico di Göteborg, Camilla Udnov era una botanica prima di entrare in politica per i socialdemocratici. È stata la quinta donna ministro del paese responsabile delle questioni familiari nel governo di Crown Erlander dal 1967 al 1973 prima di diventare governatrice di Blekinge nel 1974.

Karen Farmfjord

Il primo capo della polizia svedese. Karin Farmfjord ha studiato avvocato e si è laureata a Stoccolma nel 1971. È diventata guardia di polizia a Ludvika nel 1975 ed è stata nominata capo della polizia nel 1981.

Sonya Kovalevsky

La prima professoressa donna in Svezia e la prima professoressa di matematica al mondo. Sonia Kovalevsky, nata Sofia Kryukovsky a Mosca, arrivò in Svezia e lavorò come insegnante all’Università di Stoccolma nel 1881, dopo aver studiato in Germania.

Nominata professoressa nel 1889. Fu ritratta nel film “Mountain on the Moon” e in un racconto del premio Nobel Alice Munro.

Vuoi saperne di più su come il GP lavora con il buon giornalismo? Leggi il nostro Codice Etico Qui.