TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le borse di oggi, 3 marzo 2022. L'Unione Europea elenca la chiusura con un forte calo, ...

Le borse di oggi, 3 marzo 2022. L’Unione Europea elenca la chiusura con un forte calo, …

Milano Le borse europee hanno chiuso ai minimi livelli con forti tensioni nel settore delle commodities, mentre gli investitori osservano con ansia l’evolversi della situazione in Ucraina con i previsti colloqui tra le delegazioni di Kiev e Mosca. dove Borsa di Mosca Ancora chiuso: questo è il quarto giorno consecutivo. Milano Il calo si estende all’ultima fase della seduta e alla fine si osserva -2,35%, mentre Tim annega dopo Visualizza piani e account. Stessa dinamica degli altri: Parigi Ha perso l’1,84% a 6.378 punti. Londra 2,55% a 7240 punti Madrid 3,64% a 8017 punti Francoforte 2,09% a 13.707 punti. anche Wall Street In rosso dopo un inizio positivo: il Dow Jones ha perso lo 0,3%, il Nasdaq invece l’1,25%.

Il settore energetico è rimasto sotto i riflettori dopo il rush delle ultime sessioni, con forti oscillazioni dei prezzi. Il Brent si avvicina ai 120 dollari, il WTI raggiunge punte superiori a 116: il livello più alto dal 2008 per la qualità statunitense dopo che l’OPEC+ ha deciso di continuare la crescita della produzione come se nulla fosse. Poi durante il giorno i prezzi scendono. Persino Gas Permangono forti tensioni: ad Amsterdam, mercato di riferimento per l’Europa, il gas naturale vede 200 euro per megawattora, livelli mai raggiunti prima. Nel caso del petrolio, il prezzo viene ribaltato fino a scendere di circa 30 punti percentuali a 116 euro. La corsa ai prezzi dei generi alimentari sui mercati internazionali non è finita: grano, mais e soia hanno registrato incrementi significativi.

Materie prime, forti tensioni sui prezzi. Record di benzina, torna a salire la benzina. Anche i cereali sono sotto pressione

READ  L'Italia perde molto a causa della perdita del turismo



Tesoro USA Bloomberg racconta come MSCI e FTSE Russell hanno tagliato le azioni russe dai loro indici, Il settore dei fondi di investimento è strettamente monitorato: quindi, il radar del fondo ha oscurato le azioni di Mosca. MSCI ha affermato che per la stragrande maggioranza degli investitori, il mercato russo non è attualmente investibile e pertanto le sue azioni saranno rimosse dall’indice dei mercati emergenti il ​​9 marzo. FTSE lancerà la riduzione del peso zero per i componenti russi il 7 marzo. Con il congelamento delle riserve valutarie, sette banche hanno rotto con SWIFT, i controlli interni sui capitali, le grandi aziende hanno rotto i ponti e l’isolamento dell’economia russa è continuato.

Chiusura positiva anche questa mattina TSE Che ha seguito la ripresa dell’indice azionario statunitense, con gli investitori concentrati sul passo successivo Riserva federaleLe possibilità di un rialzo dei tassi sono più modeste del previsto: Powell ha detto che sarebbe opportuno farlo, ma solo di 25 punti rispetto ai 50 previsti. La giornata si è chiusa così a +0,7% per il Nikkei. Vedi altri asiatici: Hong Kong Chiuso dello 0,55% durante Shenzhen scende dello 0,83% e Shanghai Diminuisce dello 0,09%.

Sul fronte dei titoli di stato lo è identificazione a 155 punti base a un tasso a 10 anni dell’1,604%. l’Euro È sceso contro il dollaro a 1,1062 e 127,88 yen. Il rublo riduce il declino Rispetto al dollaro, il tasso di cambio è nell’intervallo 105.

Tra le inchieste pubbliche che rischiano ancora di essere superate dagli eventi recenti,Indice dei servizi alle PMI Nell’eurozona a febbraio è salito a 55,5 da 51,1 di gennaio. Le aspettative indicavano una crescita del 55,8. L’indice composito finale è arrivato a 55,5 contro 52,3 di gennaio e prevedeva 55,8. L’allentamento delle restrizioni epidemiche ha portato nuovamente alla crescita dell’Italia, con l’indice del terzo settore che sale da 48,5 a 52,8 punti, sempre al di sopra della soglia dei 50 che separa la contrazione dall’espansione economica.

READ  Attenzione: un conto di risparmio può essere costoso per te