TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le aziende non stanno investendo in più istruzione durante la pandemia

Le aziende non stanno investendo in più istruzione durante la pandemia

Per la federazione, il più grande sindacato svedese, lo sviluppo delle competenze è sempre stato una questione importante. Investimento significativo nell’istruzione aggiuntiva È stata una grande ragione per sostenere il grande accordo che la federazione dei colletti bianchi PTK ha stretto con la federazione delle imprese svedese lo scorso autunno.

In un nuovo sondaggio, metà dei 1.200 sindacati locali hanno risposto a un sondaggio sull’occupazione a breve termine. 577 di loro erano stati da tempo licenziati con cure statali a causa della pandemia. Hanno anche ricevuto più istruzione? La semplice risposta è: non molto.

Solo il 18% dei club ha riferito Lo sviluppo delle capacità è stato implementato. Tra i motivi per cui non è apparso in modo più evidente era che era difficile mantenere la formazione durante i periodi del virus e che le aziende non avevano le risorse. Ma il motivo più importante, uno dei club citati nelle risposte al sondaggio, è che non esiste un piano per l’istruzione aggiuntiva richiesta.

– Ciò indica un doppio errore. Sappiamo già che molti datori di lavoro non hanno una struttura chiara su come aumentare l’efficienza nelle aziende, diventa molto chiaro durante l’occupazione a breve termine, quando ci sono opportunità di ulteriore istruzione, commenta Martin Linder.

“Aumentare le tue abilità è più importante che intagliare sotto il portico o coltivare pomodori”. Ecco cosa ha detto l’autunno scorso a DN il segretario all’istruzione Anna Eckström Parla del nuovo sostegno statale per i datori di lavoro che addestrano maggiormente i loro dipendenti durante il lavoro a breve termine. Crede che questo dia al datore di lavoro dipendenti più informati e aumenti le possibilità del dipendente di mantenere il lavoro.

READ  Sempre più case vengono vendute in modo anonimo su Hemnet

Ministro della pubblica istruzione Anna Extrom

Foto: Niklas Thegerstrom, Niklas Thegerstrom

Il supporto è ora disponibile per la presentazione all’Agenzia svedese per la crescita economica e regionale. I datori di lavoro che offrono un lavoro a breve termine da 1 a 4 giorni alla settimana possono ricevere un compenso per l’istruzione o la convalida, ovvero la conoscenza del dipendente viene valutata e documentata. Tuttavia, lo stato rappresenta il 60 percento del costo, con un massimo di 10.000 SEK per dipendente nel periodo dal 1 ° gennaio al 30 giugno di quest’anno.

– È così poco, è praticamente sufficiente per qualche giorno di allenamento. Non voglio dire un importo esatto, ma pensiamo che debba essere molto più alto se vuoi accelerarlo durante la pandemia, dice Martin Linder.

Continua:

Nessun tetto è richiesto per compensare. Non credo che ci sia alcun rischio che i datori di lavoro prendano i soldi e li mettano nelle cose sbagliate – e qui c’è il freno che rappresenteranno il 40% del costo.