TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

"L'aumento dei tassi di interesse potrebbe mettere sotto pressione i margini".

“L’aumento dei tassi di interesse potrebbe mettere sotto pressione i margini”.

L’aumento dei tassi di interesse non colpisce gravemente le famiglie, perché non si tratta di abitazioni ipotecate in modo significativo. Tuttavia, secondo il capo economista di SBAB, Robert Puig, potrebbe aumentare la concorrenza tra le banche.

Giovedì 28 aprile, Riksbank ha alzato il suo tasso repo allo 0,25% e il tasso è ora sopra lo zero% per la prima volta dal 2014. Non ci sono stati interessi da gennaio 2020.

Robert Puig, capo economista di SBAB, si aspettava che Riksbank aumentasse il tasso di riferimento.

Lei ha parlato della necessità di un rapido cambiamento della politica monetaria a dicembre e quando di recente diversi membri dell’Executive Board si sono espressi per indicare una variazione del tasso, cosa insolita, ho pensato che fosse probabile che ci fosse già un aumento Aprile.

Ti aspettavi un aumento maggiore?
– Sarei sorpreso se il tasso di interesse fosse aumentato ulteriormente. Di recente, a febbraio, la Riksbank ha dichiarato che non ci sarà alcun aumento del tasso chiave fino alla fine del 2024, fino a quando non cambierà idea ora e non aumenterà già ad aprile 2022. Quindi ci vorrà molto per alzare due gradini contemporaneamente.

Alla conferenza stampa, Stefan Ingves ha annunciato che potrebbero esserci 2-3 rialzi dei tassi già quest’anno e il tasso potrebbe essere di poco inferiore al 2% nel secondo trimestre del 2025.

L’andamento dei tassi è più o meno in linea con le ultime previsioni di SBAB. Secondo Robert Puigy, la banca ha effettuato un calcolo leggermente inferiore con due aumenti dei tassi di interesse quest’anno, due nel 2023 e due l’anno successivo.

L’inflazione è salita al livello più alto dagli anni ’90, con l’inflazione dell’indice dei prezzi delle materie prime che ha raggiunto il 6,1% a marzo. Ci sono stati diversi segnali di un aumento dei tassi di interesse durante la primavera. I tassi di interesse sui mutui fissi sono aumentati nei primi mesi dell’anno, perlopiù su periodi più lunghi.

READ  L'ala svilupperà droni più grandi. La compagnia di droni di Alphabet ha sviluppato una "libreria per droni".

Quando SBAB stabilisce la sua previsione sui prezzi delle case, ci sono due fattori principali che influenzano i prezzi delle case, il tasso di interesse reale e il reddito reale delle famiglie. Nella loro ultima previsione, si presume che i prezzi delle case siano abbastanza stabili durante l’anno e che scendano del 10% in totale fino alla fine del 2024.

– Ci sono diversi fattori che influenzano i prezzi delle case che non abbiamo preso in considerazione nel calcolo. Ciò vale soprattutto per come evolvono i prezzi dell’elettricità e cosa succede se cambiano le preferenze di consumo residenziale. Durante la pandemia, i prezzi delle case sono saliti alle stelle con l’aumento dell’importanza di vivere bene. Non sappiamo se i prezzi delle case scenderanno ora che la pandemia è finita. È difficile quantificare questi effetti nelle previsioni.

Secondo Robert Puigy, la gamma di case è molto ampia se si include il nuovo fenomeno del “presto in vendita”, in cui le case non sono ancora vendute, ma stanno per vendere, testando il mercato prima di vendere. Un aumento del tasso di interesse può cambiare il comportamento prima che una casa venga acquistata o venduta.

– Sospetto che coloro che hanno pianificato di vendere, ma non avevano fretta, si affrettino quando i prezzi scendono. Poi l’offerta aumenta. Coloro che intendevano acquistare potrebbero invece aspettare che il prezzo scenda, quindi chiedere di scendere. Un aumento dell’offerta contestualmente a una diminuzione della domanda ha un effetto di pressione sui prezzi. Oltre ai calcoli meccanici del tasso di interesse e degli effetti sul reddito, questo comportamento può anche influenzare il quadro dei prezzi nel breve periodo.

Le statistiche di Booli, che possiede SBAB, mostrano che i premi alle offerte e il numero di offerenti sono leggermente diminuiti di recente, ma da allora il mercato si è stabilizzato su livelli costantemente elevati.

READ  Zlatan celebra il record di fan damallsvenska di Hammarby

– Una diminuzione dei premi di offerta e del numero di offerenti può essere il primo segnale di un certo raffreddamento del mercato, ma allo stesso tempo va ricordato che in questo caso avviene da livelli molto alti.

In che modo un tasso di interesse più elevato influirà sul mercato dei mutui?
Un certo numero di famiglie che hanno acquistato case costose e hanno contratto ingenti prestiti potrebbero trovarlo in difficoltà, il che potrebbe in una certa misura aumentare le perdite di credito nelle banche, afferma.

Secondo Robert Puig, affinché l’economia svedese si trovi in ​​una situazione davvero difficile, la disoccupazione deve aumentare notevolmente. SBAB prevede una crescita del PIL del 3 per cento e la disoccupazione del 7,3 per cento.

Crediamo che si continuerà a costruire alloggi a basso reddito e che il motore della crescita continuerà ad essere il consumo privato. Poi vedremo come si svilupperanno l’inflazione ei prezzi dell’elettricità e come ciò accadrà. Abbiamo interrotto il consumo pubblico dato che è un anno elettorale.

I tassi ipotecari più elevati non influiranno sui consumi delle famiglie?
– Un terzo di loro vive in immobili in affitto e non ne risente, ed è facile pensare che molti di loro siano indebitati, ma c’è anche chi non ha prestiti. Il rapporto prestito/valore medio nel titolo è di circa il 50%. Ma è chiaro che un aumento del tasso di interesse incide in una certa misura sui consumi.

Il settore bancario è stato caratterizzato da anni di bassi tassi di interesse e Robert Puig ritiene che tassi di interesse più elevati possano aumentare la concorrenza tra le banche.

Le persone potrebbero non essere state così attive nel cercare di ottenere tassi di interesse il più bassi possibile quando i tassi di interesse erano già bassi, ma ora che i tassi di interesse stanno iniziando ad apparire di più, è probabile che i mutuatari siano più consapevoli di se stessi e dell’ambiente circostante. Ciò può in qualche modo aumentare la concorrenza tra le banche. Se ciò accade, metterà sotto pressione i margini delle banche.

Ora che i tassi di interesse stanno iniziando a sentirsi di più, è probabile che i titolari di mutui siano più consapevoli di se stessi e di ciò che li circonda.

La Riksbank ha alzato il tasso repo per evitare che l’inflazione elevata prendesse piede.

READ  Si è arreso dopo aver perso il Barcellona - ieri sera ha affrontato la crisi

L’inflazione è diventata significativamente più alta a causa della guerra e rimarrà alta a causa di essa per un po’. Inizialmente abbiamo avuto una situazione pandemica che ha portato a picchi inflazionistici e al deterioramento delle catene di approvvigionamento. Quando le cose iniziarono a migliorare, scoppiò la guerra in Ucraina, facendo aumentare e prolungare nel tempo questi problemi.

Quali sono gli altri effetti della guerra in Ucraina sull’economia svedese?
La guerra in Ucraina è orribile e una tragedia umana in primo luogo. Ma anche a livello economico ha avuto terribili conseguenze. Rispetto a molti altri paesi, gli effetti economici della guerra in Ucraina sono stati relativamente limitati. La Svezia ha una piccola borsa commerciale con Russia e Ucraina. L’economia svedese non è esposta allo stesso modo, ad esempio, dell’economia italiana o tedesca, ma risente indirettamente dell’elevata inflazione e della bassa crescita globale.

Robert Puig avverte di uno scenario terrificante: la stagflazione.
Ciò in cui è difficile trovarsi è un’economia stagnante mentre l’inflazione rimane alta. È una situazione molto difficile per la Riksbank gestire la politica monetaria. Fornirà inoltre sfide importanti per la politica fiscale poiché la politica fiscale diventerà quindi un complemento più importante della politica monetaria. Preferiremmo non essere lì, ma se la guerra dovesse intensificarsi, potremmo finire lì se non fossimo così fortunati.