TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’aumento dei contributi pensionistici è ingiusto nei confronti dei giovani

L’aumento dei contributi pensionistici è ingiusto nei confronti dei giovani

Negli ultimi anni le critiche al sistema pensionistico a reddito pubblico si sono fatte sempre più forti. È stato criticato per aver offerto un compenso troppo basso, molto al di sotto del precedente reddito dell'ATP del 60%. Pertanto, sono aumentate le richieste di aumentare le tasse per aumentare le pensioni in questo modo.

Jacob Lundberg, economista dell’Institute for Business Research (IFN), ritiene che questa sia la strada sbagliata da percorrere.

– In generale, aumentare le tariffe è una cattiva idea. Il mio messaggio principale è di restare fedeli al buon sistema pensionistico di cui disponiamo e ai principi su cui si basa. Aggiunge che in ogni caso non ci saranno ulteriori trasmissioni tra generazioni.

A questi politici Per chi ha creato il sistema pensionistico negli anni ’90, l’equità intergenerazionale è stata un’idea guida. Quindi, anche se sono i professionisti di oggi a pagare la pensione di reddito ai pensionati di oggi, il sistema è strutturato in modo tale che la pensione che il pensionato riceve è legata al suo impegno lavorativo.

Fu la lezione di come l’ATP svantaggiava le generazioni più giovani che indusse i politici dell’epoca a decidere che ci sarebbero stati “freni” anche nel sistema pensionistico. Se il totale delle attività è inferiore al totale delle passività, le pensioni e i diritti pensionistici non verranno calcolati come al solito – e potrebbero addirittura essere ridotti, come è accaduto.

Foto: Markus Mainka / Immagini dell'album scientifico

ATP, pensione integrativa generale, Hanno lasciato un “conto” enorme che le generazioni più giovani hanno dovuto pagare. È stato introdotto nel 1960 quando furono versati i primi contributi da parte dei datori di lavoro e il primo pagamento iniziò nel 1963.

READ  La crisi energetica in Europa è in aumento dopo il continuo aumento dei prezzi del gas

Fin dall’inizio, i pensionati anticipati sono stati sovracompensati, ottenendo dalle pensioni molto più di quanto versavano.

– All'inizio pagavano tariffe molto basse, il 2% all'anno, afferma Jacob Lundberg.

Ha studiato l’effetto dell’ATP su quello che ha chiamato trasferimento generazionale, ovvero che le generazioni più giovani pagano le pensioni delle generazioni precedenti. Ha concluso che le prime generazioni di giocatori ATP sono state i grandi vincitori di pensioni del ventesimo secolo. Sono usciti molto più di quanto si siano inseriti nel sistema.

– Si, esattamente. Dice che all'inizio bastava lavorare 20 anni per ottenere la pensione completa.

I maggiori vincitori in assoluto furono coloro che iniziarono a versare i contributi nel 1960 e andarono in pensione nel 1980.

Poiché le generazioni precedenti hanno ottenuto di più dalla pensione, le generazioni successive hanno dovuto pagare il conto.

Foto: Henrik Montgomery/TT

– Poi hanno ricevuto l'intero ATP, e quindi sono nati nel 1915. Allo stesso tempo, hanno pagato solo durante questi 20 anni e non molto. Tuttavia, durante i 15 anni meglio pagati sono riusciti a incassare il 60% dello stipendio, dice Lundberg.

Questo è ciò che ha portato ad una sovracompensazione – o “peccato ereditato” come lo chiama Lundberg. Poiché le prime generazioni ottenevano di più, le generazioni successive dovevano pagare il conto.

Per i nati nel 1924 Hanno poi fatto domanda per 30 anni di lavoro per ottenere la pensione completa e, per i nati intorno al 1938, l'indennità di cassa integrazione è stata sospesa. Le generazioni più giovani hanno dovuto pagare più di quanto avrebbero ricevuto se le generazioni precedenti non fossero state sovracompensate.

E non si tratta di cifre piccole: con il tasso di interesse utilizzato da Lundberg, il valore monetario totale ammonta oggi a 15.000 miliardi di corone svedesi, ovvero tre volte il PIL svedese.

Considerando il reddito complessivo, cioè tutto il reddito nell’arco di una vita, le prime generazioni hanno ricevuto fino al 13% in più a causa della sovracompensazione. Invece, i lavoratori oggi ricevono circa l’8% in meno di quanto avrebbero altrimenti.

Nel referendum ATP del 1957, gli oppositori sottolinearono che le generazioni più giovani avrebbero ricevuto meno delle precedenti generazioni di pensionati.

Perché è successo questo?

– In parte era intenzionale. L’altra parte ha criticato questo fatto nel referendum sulle pensioni degli anni ’50, vedendolo come una compensazione eccessiva, come lo chiamavano.

Inoltre, l’ATP non era concepito per essere quello che è noto come un sistema a capitalizzazione – in cui le risorse pensionistiche si accumulano nel tempo – sebbene i fondi AP siano stati creati per fornire al sistema una riserva.

– Fin dall'inizio era previsto che in futuro sarebbero state necessarie tasse per finanziare le pensioni pagate. Quindi per definizione ottieni il trasferimento. Quindi le prime generazioni ne traggono vantaggio, afferma Lundberg.

Anche se la maggior parte delle persone che ne hanno beneficiato sono morte da tempo, Lundberg ritiene che sia possibile imparare da quanto accaduto.

La pensione è sufficiente?  No, ci sono sempre più risposte, ma aumentare le tasse non è la strada giusta, dice Jakob Lundberg.

Foto: Henrik Isaksson/TT

-È di importanza storica – per scoprire come è successo e quanti soldi, dice Lundberg.

– E non ripetere più la stessa cosa. Non ripeteremo questo tipo di trasmissione generazionale. E aggiunge: In questo caso bisogna avere le idee chiare sulla questione e avere una giustificazione chiara.

Anche Jacob Lundberg ritiene che il nuovo sistema pensionistico sia più giusto.

-Ma stiamo ancora, in una certa misura, pagando il prezzo di questo “peccato originale”. Ma il peso viene distribuito di più, si livella, dice.

Ma oggi c'è Un ampio surplus nel sistema pensionistico, che ha spinto alcuni interlocutori e politici a chiedere il “gas”, dove parte del surplus viene utilizzato per aumentare le pensioni e i diritti pensionistici dei lavoratori.

Lundberg ritiene che questo sia un modo molto migliore per aumentare le pensioni.

– Si tratta di soldi che appartengono a coloro che hanno già versato contributi al sistema pensionistico. Allora il peso sulle generazioni future sarà in una certa misura ridotto, dice.

Per saperne di più: L'età pensionabile sta aumentando.