TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La terza ondata sarà l’ultima

Mesi dopo che l’infezione si è diffusa in modo significativo, potrebbe esserci una clearance in vista. Il Tasso di riproduzione nazionale, Numero R, era inferiore a 1 per dieci giorni consecutivi, secondo i calcoli dell’Agenzia di sanità pubblica. L’agenzia stima che il numero di nuovi casi sia diminuito di circa il 10% la scorsa settimana.

L’epidemiologo di stato Anders Tegnell ha annunciato che è troppo presto per dire che l’evoluzione è in fase di stallo. Ma il governo ha ora incaricato l’autorità di sviluppare un piano nazionale su come allentare le restrizioni.

Questo è esattamente ciò che tutti bramano e vogliono, dice il ministro degli Affari sociali Lena Hallingren (S) a TT.

Andando verso tempi migliori

Alla fine della settimana, è arrivata anche la notizia che il 17 maggio il governo avrebbe presentato una proposta per aumentare il tetto a 500 spettatori, se la diffusione dell’infezione lo permette.

Per Joakim Esbjörnsson-Klemendz, professore associato di virologia all’Università di Lund, è chiaro che siamo diretti verso tempi migliori.

Tra un mese potremo vedere i numeri calare. Ma dice che dipende dalle persone che continuano a seguire le raccomandazioni.

Oltre al rispetto delle raccomandazioni, osserva che il rilascio della vaccinazione è fondamentale per lo sviluppo.

Stiamo già assistendo a un effetto positivo delle vaccinazioni in alcuni paesi e regioni, che è andato anche oltre nel lancio della vaccinazione, dice.

È supportato da Joachim Dillner, professore di epidemiologia delle infezioni presso il Karolinska Institute, che indica gli sviluppi in Israele.

Lì, hanno iniziato a notare l’effetto della copertura vaccinale del 40 percento. Quando la copertura raggiungeva il 60%, l’infezione è scomparsa molto rapidamente, dice.

READ  Voti alti, pubblicato domani: ecco il trailer di lancio di Resident Evil Village

2,5 milioni di persone hanno ricevuto la loro prima dose

Finora, 2,5 milioni di svedesi hanno ricevuto la prima dose. Rappresenta il 29,3% della popolazione adulta del paese. E ora le regioni del Paese stanno lavorando per aumentare il tasso di vaccinazione.

Penso che dovremmo vedere una forte riduzione della prevalenza delle infezioni quando la copertura vaccinale raggiunge il 60% con la prima dose, afferma Joachim Dillner e dice:

Se i vaccini si sviluppano a una buona velocità, abbiamo visto la fine dell’epidemia.

Sottolinea inoltre che l’estate che si avvicina favorisce lo sviluppo. L’anno scorso si è ritenuto che il cambio stagionale avesse abbassato la diffusione dell’infezione.

Più recentemente, ci sono state analisi sistematiche formali che stimano che il rischio di contrarre un’infezione all’aperto sia solo del 5% rispetto al rischio di contrarre un’infezione indoor. Quando entrambi andremo verso l’estate e allo stesso tempo avremo un’elevata copertura vaccinale, il virus non avrà alcuna possibilità, afferma Joachim Dillner.

Quindi il virus non avrà alcuna possibilità

Nonostante le preoccupazioni iniziali sulla capacità di molte nuove varianti virali di eludere gli anticorpi, Joakim Esbjörnsson-Klemendz pensa che non lo faranno.

Le prime edizioni (gli studi non sono ancora stati rivisti. Nota) sono iniziate indicando che i vaccini sono efficaci anche contro nuove varianti. Quindi la mia stima è che vedremo un effetto molto positivo del lancio del vaccino, nonostante il fatto che diverse varianti siano cicliche, dice.

A condizione che l’implementazione della vaccinazione continui come previsto, Joachim Dillner stima che non ci sarà una quarta ondata questo autunno.

In autunno, ammettiamo di essere praticamente al chiuso, ma dopo dovremmo avere una grande protezione dalla vaccinazione. Non credo che il virus tornerà dopo. Ma dipende anche dal fatto che disponiamo di procedure per evitare che le infezioni si ripresentino, afferma, e sottolinea le restrizioni sugli arrivi.

Leggi di più: Un aumento significativo di iva: la terza ondata è peggiore
Leggi di più: Previsioni: “La terza ondata è l’ultima”
Coordinatore svedese del vaccino: “Nel peggiore dei casi quest’anno”.