TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La squadra NBA Phoenix Suns sotto shock a causa del comportamento del proprietario

A tre settimane dall’inizio della stagione NBA, la Basketball League nei giorni scorsi ha organizzato i suoi incontri annuali di kick-off in cui giocatori e dirigenti hanno potuto parlare della prossima stagione.

Lunedì l’attenzione si è concentrata sui Phoenix Suns, il club la cui giornata mediatica è stata diversa dopo un periodo turbolento.

– Penso che questa sia la prima volta che la nostra squadra ha avuto la possibilità di incontrarsi di nuovo prima dell’inizio della pre-stagione domani, afferma il fuoriclasse Chris Paul secondo la CNN e aggiunge:

– Quello che è successo è davvero sfortunato.

L’argomento principale di conversazione questa volta non riguardava il basket, ma Robert Sarver, proprietario dei Phoenix Suns e del team WNBA Phoenix Mercury dal 2004.

Chris Paul, star dei Phoenix Suns, viene fotografato durante una giornata mediatica dell'NBA.

Foto: Christian Petersen/Getty Images

annunciato la scorsa settimana Sarfer Intende vendere a organizzazioni sia maschili che femminili. La decisione è stata presa una settimana dopo che la National Basketball Association ha multato il 60enne con la multa più alta che la lega potesse distribuire: 10 milioni di dollari, equivalenti a 113 milioni di corone al cambio odierno.

Inoltre, è stato sospeso per un anno da tutte le attività legate alla NBA e alla WNBA e gli è stato proibito di frequentare le strutture della lega come arene, uffici o strutture di allenamento.

La dura sentenza si basa su un’indagine di dieci mesi da parte di uno studio legale indipendente sui 18 anni di mandato di Robert Sarver come proprietario di maggioranza di Suns and Mercury.

320 interviste, tra cui con dipendenti attuali ed ex, e quasi 80.000 documenti (come e-mail, messaggi di testo e video) sono stati raccolti in un rapporto che mostrava comportamenti inappropriati associati a linguaggio irrispettoso, discriminazione e bullismo.

Robert Sarver è stato multato di oltre 100 milioni di corone per la sua condotta come proprietario dei Phoenix Suns e del Phoenix Mercury.

Foto: Ralph Freso/AP

incluso fu fondato Che Sarver abbia ripetuto la parola con la N in almeno cinque occasioni, fatto commenti inappropriati sui corpi delle lavoratrici, sottoposto ripetutamente i dipendenti di sesso maschile a avanzamenti fisici inappropriati e si sia impegnato nel trattamento umiliante dei lavoratori urlando e insultandoli.

“Quando ho letto il rapporto, non ero felice – francamente, ero disgustato”, ha detto l’allenatore dei Phoenix Suns Monty Williams della sua reazione alla compilazione del comportamento e del linguaggio di Sarver, non ultimo in riferimento alla parola N.

È una parola che non puoi mai usare.

– Penso ai miei figli. Ho una moglie bianca. La mia figliastra è bianca e ho cinque figli neri. Penso che vivano in un mondo in cui cose del genere mi danno ancora fastidio.

Monty Williams, capo allenatore dei Phoenix Suns.

Foto: Matt York/Associated Press

In concomitanza con Robert Sarvers ha annunciato che i club erano in vendita, si è lamentato di ciò che aveva detto e che le sue parole “hanno oscurato quasi due decenni di costruzione di un’organizzazione che ha unito le persone”.

Ha aggiunto in una dichiarazione che aveva sperato nel perdono e nel risarcimento per ciò che aveva fatto:

– Ma in un clima spietato, è diventato dolorosamente chiaro che ciò non era più possibile – e indipendentemente dalle cose buone che ho fatto e posso ancora fare, influiscono leggermente su ciò che ho detto in passato.

Poche voci sono apparse in difesa di Sarver – al contrario, figure di spicco hanno affermato che era scappato così a buon mercato.

Il portiere dei Phoenix Suns Chris Paul in una partita contro i Dallas Mavericks la scorsa stagione.

Foto: Matt York/Associated Press

Su Twitter, ha scritto Chris Paul “Questa violazione, in particolare dei diritti delle donne, non deve essere ripetuta”, ha aggiunto:

“Sono dell’opinione che la punizione non sia riuscita ad affrontare ciò su cui siamo tutti d’accordo fosse un comportamento ripugnante. Provo affetto per tutti coloro che ne sono stati colpiti”.

Paul è sostenuto dall’icona del basket LeBron James che chiede più potere dall’NBA:

“Non c’è posto per misoginia, sessismo o razzismo da nessuna parte. Non importa se possiedi una squadra o svolgi un ruolo. Il nostro ruolo dovrebbe essere un modello per i nostri valori e questo non è incluso”.


https://twitter.com/KingJames/status/1570184134827573248?s=20&t=sGhGrNox6BHQ7S4Z4Ekr0A

Indagine con Robert Sarver poi iniziato ESPN Lo scorso autunno ha pubblicato un articolo contenente pesanti accuse al titolare del club che si sono rivelate vere.

Lo studio legale ha anche concluso che c’erano più persone, la maggior parte delle quali era disoccupata al Phoenix Suns oggi, che si sono comportate in modo inappropriato all’interno dell’organizzazione. Successivamente, il nuovo responsabile del personale deve essere nominato e attuato “una serie di cambiamenti positivi sul posto di lavoro”, ha scritto la CBS.

L’anno scorso è stato senza dubbio un episodio tempestoso nella storia dei Phoenix Suns e il direttore generale del team James Jones crede che ci possa essere una ragione per l’intera organizzazione di guardarsi allo specchio.

Dice che è stato “il miglior risultato per tutte le persone coinvolte” che Robert Sarver abbia ora deciso di vendere i Soli e Mercurio.

– Mette fine a un lungo periodo di disagio e ansia, dice e aggiunge:

– Quando vedi cosa è venuto fuori da questo processo che abbiamo attraversato, ti rendi conto che non siamo stati all’altezza di questo in modo impeccabile. Ha detto a The Arizona Republic che questi comportamenti, non solo nello sport ma nella società in generale, sono inaccettabili e dobbiamo intensificare e proteggere coloro che non possono proteggersi.

Leggi di più:

Johann Kronmann: Un bel documentario sulla penetrazione del razzismo negli Stati Uniti

Compagni di squadra in una rissa dopo la partita di Coppa del Mondo

Un nuovo record di Coppa del Mondo quando gli Stati Uniti avevano uno stadio contro la Corea del Sud

READ  Lanciare la sua racchetta in tribuna: 'Ci si sente davvero male'