TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La sonda cinese è atterrata sulla Luna

Aggiornato il 01.34 | Inserito il 01.09

Il razzo che trasporta la sonda spaziale Chang'e 6 decollerà a maggio.  Immagine gentilmente concessa dall'agenzia di stampa statale cinese Xinhua.

La Cina sta facendo progressi in una corsa allo spazio sempre più complessa.

La navicella spaziale Chang'e 6 ha completato con successo un atterraggio sul lato posteriore della Luna, difficile da raggiungere, dove raccoglierà campioni.

La sonda è atterrata nell'imponente bacino di Aitken, uno dei più grandi crateri vulcanici del sistema solare, domenica mattina, ora di Pechino. Lo ha affermato la New China News Agency (Xinhua), controllata dal regime.

La missione, iniziata all'inizio di maggio e che dovrebbe durare 53 giorni, è la sesta del programma Chang'e, che prende il nome dalla dea cinese della luna. Dotato di un braccio meccanico e di un trapano, Chang'e 6 raccoglierà circa due chilogrammi di campioni dalla superficie della Luna e dall'interno della Terra, che verranno poi riportati sulla Terra per l'analisi.

Molti paesi hanno investito nella ricerca lunare quest’anno. La Cina è ora in competizione con gli Stati Uniti, che rimangono leader quando si tratta di spazio. Negli ultimi anni anche il Giappone, l’India e una serie di società private hanno lanciato sensori spaziali.

L'obiettivo della Cina è mandare l'uomo sulla Luna entro il 2030. Anche gli Stati Uniti prevedono, per la prima volta in 50 anni, di mandare nuovamente gli astronauti sulla Luna.

Gli Stati Uniti hanno avvertito che il programma spaziale cinese viene utilizzato per nascondere obiettivi militari ed è un tentativo di imporre l’egemonia extraterrestre.

READ  A Bristol, la battaglia per il diritto all'aborto è giunta al culmine

I viaggi verso la parte posteriore della Luna sono più complessi dei viaggi verso la parte anteriore, perché non è rivolta verso la Terra, il che rende più difficile mantenere le comunicazioni. La speranza è che i campioni prelevati dalla sonda possano fornire informazioni sulle differenze tra il retro e il primo piano della Luna.

Nessun essere umano è più sbarcato sulla Luna dai tempi del programma americano Apollo dal 1968 al 1972.