TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La seconda dose del vaccino Pfizer può proteggere da altri virus

E a velocità record, l’azienda farmaceutica americana Pfizer è riuscita a sviluppare un vaccino contro il Covid-19, pochi mesi dopo la diffusione del virus in tutto il mondo. Oggi, il vaccino Pfizer è utilizzato in molte parti del mondo e attualmente ci sono due dosi che si applicano per la migliore protezione.

Un nuovo studio della Stanford University ha ora dimostrato che la seconda dose del vaccino fornisce una protezione molto diversa contro il virus rispetto a quanto precedentemente noto.

Lo studio ha esaminato 56 persone sane in diverse occasioni prima e dopo le due dosi. Si è concluso che la seconda dose influisce non solo sui livelli di anticorpi nel corpo, ma anche sulle cellule immunitarie del corpo. Scrive per The Scientist.

Risultati sorprendenti

I ricercatori dietro lo studio hanno concluso che la seconda dose del vaccino ha aumentato i livelli di anticorpi nel sangue in modo significativamente maggiore rispetto alla prima e ha anche causato un brusco aumento di un gruppo insolito di cellule nel sangue.

Il gruppo è chiamato monociti e rappresenta tipicamente lo 0,01 percento del sangue del corpo e ha alti livelli di geni antivirali. Dopo la seconda dose del vaccino, la popolazione di monociti è aumentata in modo così drammatico che ora rappresentano fino all’1% delle cellule del sangue, ha scritto The Scientist.

Può proteggere da altri virus

Bali BolendranD., professore di patologia alla Stanford University, è uno dei ricercatori dietro lo studio. Ha scritto in un comunicato stampa che i risultati indicano che il vaccino Pfizer non solo fornisce una protezione efficace contro SARS-CoV-2, ma può anche proteggere da altri virus.

READ  Il vaccino Pfizer può fornire protezione per diversi anni

– La cosa sorprendente è stata che questa massa (monociti ndr) è aumentata di cento volte al giorno dopo la seconda iniezione rispetto all’occorrenza un giorno dopo la prima iniezione, ha detto Bolendran al giornale. il mondo.