TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La prevalenza del vaiolo delle scimmie continua ad aumentare

Al 28 luglio, in Svezia sono stati confermati 85 casi di vaiolo delle scimmie. Un aumento di 8 casi rispetto alla settimana precedente. I casi sono stati segnalati in diverse regioni, ma la maggior parte è stata segnalata nella regione di Stoccolma.

L’aumento era previsto e il numero di casi continuerà ad aumentare, secondo Anders Sonnerborg, professore di virologia al Karolinska Institutet. Ma con le misure di controllo delle infezioni in atto, non vede il pericolo di uno sviluppo incontrollabile in Svezia.

– Poi penso che ci siano alcuni che hanno sintomi molto lievi. Può essere facile non vederlo ed è qui che sta la grande sfida diagnostica.

Potrebbe esplodere in tutto il mondo

Da una prospettiva globale, la situazione è un po’ precaria, secondo Anders Sonnerborg.

– Sarà importante nelle prossime settimane per vedere se può esplodere in modo significativo o fermarsi.

Un totale di 17.800 casi di vaiolo delle scimmie sono stati rilevati in 70 paesi, secondo le ultime statistiche dell’OMS (27 luglio). Il numero di nuovi casi raddoppia ogni due settimane, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, che stima che il numero di casi supererà i 27.000 il 2 agosto.

Gli scienziati consultivi dell’OMS hanno avvertito che potrebbe essere troppo tardi per fermare la diffusione, scrive Reuters.

La maggior parte dei casi, 13043, è stata segnalata in Europa. Più della metà dei casi europei sono stati segnalati da Regno Unito, Germania e Francia.

Da una prospettiva globale, non sappiamo dove finirà. Pertanto, è importante che i vaccini siano sviluppati e valutati in modo da poter controllare l’epidemia, afferma Anders Sonnerburg.

READ  Rischio di demenza con funzionalità renale compromessa |

La vaccinazione è iniziata

La vaccinazione contro il vaiolo delle scimmie è iniziata nelle aree metropolitane di Stoccolma, Göteborg e Malmö. Sono le persone che sono state a stretto contatto con persone con un’infezione confermata a cui viene somministrata la vaccinazione per precauzione.

Il vaccino aiuta a ridurre il rischio di infezione e combatte il rischio di malattia.

Anche se si tratta di un’infezione autorigenerante, è spiacevole prenderla. Ma la cosa importante è che una persona che è stata esposta al vaiolo delle scimmie non abbia contatti fisici con nuove persone. Se si astiene, il virus non si diffonderà ulteriormente, afferma Anders Sönnerholm.

La maggior parte delle persone contagiate finora sono uomini di età compresa tra 20 e 65 anni. Poche persone si sono ammalate gravemente di vaiolo delle scimmie. Cinque persone sono morte nell’attuale focolaio, tutte in Africa, secondo Reuters.