TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La prepotenza di Agnelli, il prossimo caos e la ripartenza della Juventus

Il mandato di Andrea Agnelli come presidente della Juventus è stato contato dopo una serie di battute d’arresto. Annuncio lunedì sera per il 46enne Fogliame Insieme al resto il tabellone bianconero continua ad essere uno shock.

Le accuse di falso in bilancio tra il 2018-2020, su cui sta indagando la Procura italiana, sono state al centro delle defezioni. Agnelli, il vicepresidente Pavel Nedved e altri 13 amministratori e membri del consiglio di amministrazione della Juventus sono sotto inchiesta preliminare, secondo La Gazzetta dello Sport.

Inoltre, il club è accusato di manomissione durante il Covid, quando, secondo i vertici dell’istruttoria, i giocatori della Juventus rinunciano a una sola mensilità invece delle quattro che il club aveva annunciato in borsa quando la pandemia ha colpito. L’annuncio di ieri è un terremoto di cui nessuno conosce la forza, che più di una volta mette alla prova la legittimità del calcio italiano.

Sui social media si può vedere cinica gioia per le dimissioni del consiglio, anche tra la Juventus. Agnelli era così svuotato di fiducia che era solo questione di tempo prima che gettasse la spugna. L’enorme lavoro svolto nel corso di molti anni si è concluso con un’ignominiosa rinuncia.

Per molto tempo è sembrato che il figlio dell’ex base della Juventus Umberto Agnelli fosse il leader di cui il club aveva bisogno. Quando Andrea Agnelli ha assunto la presidenza nel 2010, la squadra è arrivata settima in Serie A e aveva superato Calciopoli quattro anni prima.

Il prossimo grande allenatore dell’Italia, Agnelli, troverà in Antonio Conte e in uno dei migliori allenatori del paese, Pepe Marotta. Due anni dopo l’arrivo di Agnelli, i torinesi riconquistano la massima serie e iniziano un campionato che si ferma a nove scudetti consecutivi.

READ  Tokelska, la stella inaspettata del Barcellona - arrabbiata per la regola (!) che ha governato la Spagna: "Non è giusto"

Nel frattempo, hanno ingaggiato Cristiano Ronaldo come parte della trasformazione della Juventus in un club all’avanguardia, compreso il controverso passaggio dallo stemma del club allo stemma della giornata. Ma l’affare Ronaldo e lo stipendio astronomico hanno lasciato un buco nero nelle casse del club, e la squadra non è migliorata con il portoghese in campo.

Nella primavera del 2021, Agnelli guidava il progetto della Premier League per cui si candidava Florentino Perez del Real Madrid. Qui Agnelli era vicepresidente dell’ECA e allo stesso tempo si è dimesso dall’incarico di presidente dell’organizzazione dei club europei ECA.

La Juventus era diventata troppo grande per la Serie A e Agnelli ha preso in giro l’Atalanta quando era durante la primavera del Corona domanda Il posto del club rivale in Champions League “dopo una sola buona stagione”.

Tuttavia, l’orgoglio viene prima di una caduta. Negli ultimi due anni, la Juventus è riuscita a raggiungere di poco la Champions League ed è molto indietro rispetto all’élite europea.

È stato recentemente riferito che Agnelli desiderava un lavoro più prestigioso alla Ferrari, che fa parte del gruppo di holding Exors oltre alla Juventus. Questa ambizione, per ovvie ragioni, appare ancora più dubbia oggi, quando la Juventus è caduta allo sbando.

Il nuovo consiglio sarà nominato in un’assemblea degli azionisti rinviata il 18 gennaio, due settimane prima che la Juventus, terza classificata, riprenda la stagione di Serie A. È chiaro che la colpa è delle turbolenze nel mercato dei trasferimenti-d’altra parte il club non ha un disperato bisogno di rinforzi, ma sta aspettando un gruppo di giocatori infortunati.

READ  Migliori serie su Viaplay - Top List gennaio 2023

Il 2023 significherà la ripartenza di cui la Juventus ha bisogno ma ora avrà paura. La nuova Giunta affronta le accuse di cui sopra e una nebbia più fitta di quella che abitualmente avvolge Torino quest’anno. La Juventus si rialzerà, per quanto severa sia la punizione, ma ha bisogno di una modesta ripresa sotto le macerie del regime di Andrea Agnelli.