TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La pizzeria italiana è stata sanzionata dal governo degli Stati Uniti con la “falsa identità”.

Donald Trump ha accidentalmente inserito un proprietario di pizzeria italiano nell’elenco degli embarghi mentre cercava di rovesciare il governo venezuelano.

Trump ha imposto sanzioni a gennaio nei suoi ultimi giorni in carica contro i sostenitori del presidente venezuelano Nicolas Maduro, che è stato accusato di corruzione, violazioni dei diritti umani e brogli per la sua rielezione nel 2018.

Alessandro Pasoni, proprietario di un ristorante a Verona, è stato preso di mira in un caso di falsa identificazione per aver condiviso il suo nome con qualcuno associato alla compagnia petrolifera statale venezuelana.

Il signor Pasony ha capito che la sua azienda AMG SASD Alessandro Pasony & C era ora sulla lista nera quando ha visitato la sua banca, e ora il presidente Biden sta entrando in carica.

Lo ha detto al quotidiano italiano Courier della sera: “Quando ho saputo che i miei conti correnti erano bloccati, ho pensato che fosse uno scherzo.

“Questi sono già tempi difficili per i proprietari di ristoranti e l’ultima cosa che volevo era che i miei account venissero bloccati”.

Reuters riferisce che l’amministrazione voleva prendere di mira un altro Alessandro Pasoni che si dice sia legato a una rete che cerca di aggirare le sanzioni sul settore petrolifero venezuelano.

Il problema è stato risolto dopo che Bassoni ha inserito i suoi dati in una piattaforma digitale del governo degli Stati Uniti.

È stato ammesso anche un altro Alessandro Bassoni, che gestisce una società di progettazione grafica chiamata Serigraphic Lab in Sardegna. Difensore Annunciato.

L’elenco dei ricoveri è stato aggiornato il 31 marzo ed entrambi i signori italiani Pasonis sono stati espulsi.

READ  La pop art italiana resta per le strade: mostra di Mario Shifano a Sima

Un funzionario del tesoro ha confermato Montagna: “Dopo aver seguito i post e ottenuto ulteriori informazioni, [Office of Foreign Assets Control] Abbiamo deciso che le società erano di proprietà di Alessandro Pasoni che era diverso dalla persona che avevamo nominato.

“Di conseguenza, abbiamo immediatamente rimosso entrambe le società dal nostro elenco per evitare di danneggiare inavvertitamente parti innocenti”.

Sebbene il signor Bassoni, il pizzaiolo, non si sia scusato, ha ringraziato il governo degli Stati Uniti per essere “efficace” nel risolvere il problema.

leggi di più

Il presidente venezuelano Nicolas Maduro ha emesso una sospensione di Facebook di 30 giorni dicendo che può curare il timo.

Secondo il Tesoro, Alessandro Pasoni, che voleva essere preso di mira, è stato nominato “per operare nel settore petrolifero dell’economia venezuelana” e ha fornito “materiale, aiuto, assistenza finanziaria, o supporto finanziario, materiale o tecnico, o servizi. o il sostegno alla compagnia petrolifera o petrolifera, i Patriolios de Venezuela “.

A gennaio ha dichiarato: “Petroleum de Venezuela, SA (PTVSA) continua a utilizzare il regime illegale di Maduro come principale fonte di corruzione per sfruttare e trarre profitto dalle risorse naturali del Venezuela”.