TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

MMEA detiene nave cisterna registrata italiana per ancoraggio illegale

Kota Dingi: una petroliera registrata in Italia è stata arrestata per ancoraggio illegale nelle acque di Johor.

Secondo il primo ammiraglio Noorul Hisham Zakaria, direttore della Johor Malaysian Maritime Enforcement Agency (MMEA), la nave è stata trovata a 12,6 miglia nautiche a est di Thanjavur alle 14:45 di sabato (3 aprile).

“I test hanno rilevato che la nave, che è stata registrata a Torre del Greco, in Italia, non era stata autorizzata dal dipartimento marittimo per l’ancoraggio nelle acque malesi.

“Il comandante e l’ufficiale capo della nave sono stati portati all’ufficio marittimo di Tanjore Cedley per essere interrogati.

“Potrebbero essere multati fino a 100.000 RM o incarcerati per più di due anni”, ha detto.

Ha detto che la nave, detenuta durante le operazioni Junger Haram, è stata la diciannovesima nave ad essere detenuta dal 24 marzo.

“Dall’inizio del 2021, abbiamo arrestato un totale di 37 navi per varie attività illegali e continueremo a farlo poiché c’è un’ancora illegale nei gravi crimini su cui ci stiamo concentrando”, ha detto.

Noorul Hisham ha sottolineato che la comunità marittima deve rispettare le leggi e i regolamenti locali prima di procedere con le proprie attività.

Chi ha informazioni su tali attività può contattare il Johor Maritime Operations Center al numero 07-219 9404.

READ  Uno dei migliori gruppi di ristoranti di SF apre a Risotto, in Italia