TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Ekblom è andato nell’Italia dei suoi sogni

Proprio la scorsa settimana è arrivata la notizia: Viktor Ekblom lascia Landskrona Bois e Super One per Sivo-Zona. La nave è già partita lunedì e ora è sbarcata in Italia per iniziare la sua avventura.

Benvenuto al lancio? Una pelle scamosciata termica a 40 gradi.

– Piccante. Fa molto caldo. Oggi (giovedì) sono stati registrati 40 gradi. La gente qui dice che è stato il giorno più caldo degli ultimi 40 anni. Quindi sono sessioni di allenamento difficili, sei un po’ sopraffatto dal caldo e dall’intensità. Tutto aumenta di dieci volte. “Ci alleniamo dalle 9:00 alle 12:00, quindi ci sono lunghe sessioni al sole e poi sei piuttosto stanco”, dice Ekblom a Fótbolskanalen.

In altre parole, non è ora di dare un’occhiata in giro per la città?
– non ancora. Non funziona, fa troppo caldo. Sono uscito con un paio di compagni di squadra la sera quando sono “solo” 30-32 gradi. Poi siamo usciti fuori e siamo andati a fare una breve passeggiata. Si dice generalmente che farà caldo fino ad agosto e poi si raffredderà. Puoi stare lì, ma allo stesso tempo non mi lamento!

Chivo-sona, sì. Il Chievo classico, che si era qualificato per la Champions League alla fine della stagione 2006/07, era stato dichiarato fallito prima della scorsa stagione. Il club è stato retrocesso dalla Serie B a causa di problemi finanziari e, sebbene l’icona del club Sergio Bellissiere, insieme a due investitori locali, abbia cercato di salvare l’esistenza del club, non è stato trovato alcun acquirente, relegandolo così in Serie D. Una lettera per posta.

Molto è nuovo. L’intero team è cambiato e ci sono ancora alcune cose amministrative intorno al team che non sono ancora a posto. Ma c’è Victor Ekblom.

Come avviene effettivamente?

– Darko Lukanovic è stato il mio primo allenatore all’Österlen ed è diventato il mio agente quando ho compiuto 18 anni. Ci siamo piaciuti all’istante e ha detto che se lavoro sodo posso avere successo. È stato lui a darmi la speranza per primo. Da allora abbiamo lavorato insieme ed è stato lui ad aiutarmi con la selezione per Landskrona, dice Ekblom e continua:

READ  Rivela: il talento di MFF si sposta in Birmania

– Penso di aver consegnato quando mi è stato permesso di giocare (a Landskrona), ma allo stesso tempo ho avuto molti problemi con le ossa rotte e un infarto. Non ho avuto alcuna continuità, ma ho dovuto dare più di quanto avessi la possibilità di mostrare. Ho già ricevuto offerte da altri club e le ho rifiutate perché volevo continuare. Ma alla fine non potevo giocare molto e quando la situazione era così ho capito: “Accidenti, ho bisogno di un calcio”. Quindi quando Darko ha chiamato e ha detto che il Chievo era da titolare in serie D e mi voleva, è stato qualcosa di nuovo ed emozionante. Un viaggio straordinario di cui far parte.

Non c’è dubbio che Sevo-Sona abbia del potenziale, dice Ekblom. Se tutto va a posto.

– Non ero il più grande seguace del calcio italiano, ma conoscevo il Chievo. È un azzardo, assolutamente. Ma non sai mai come andranno le cose. Questo potrebbe essere l’inizio di qualcosa di grande, motivo per cui ho voluto entrare.

Quanto ne sai di cosa otterrai?
– Non so di più che saremo nella stessa struttura del Chievo in Serie A. So che il club vuole vincere la Serie D a titolo definitivo e andare dritto. Ora che sono a posto, vale la pena notare che il club vuole costruire e fare qualcosa di grande. Ci sono molti buoni giocatori qui anche alcuni sono nuovi e non ancora chiari. Come accade quando un club inizia, ci sono molti processi intorno allo stadio, nome e così via. Cosa puoi e non puoi fare. Ma in quel caso io e noi non ci concentriamo sulla squadra, stiamo allenando tutto.

È improbabile che il 24enne Victor Ekblom ne veda molti diretti in Italia. All’inizio del 2021 è passato dalla Divisione 1 al Landskrona Bois. In totale, ha segnato due gol in 16 partite, ma il suo tempo allo Skåneklubben è stato segnato principalmente da infortuni e malattie.

– Non sono passati molti anni da quando ha giocato a quattro anni e si è seduto in panchina. Forse 5 anni. È andata molto velocemente quando ho compiuto 18 anni e ho iniziato a fare l’attaccante, poi ho trovato quello giusto e ho sentito subito che era la mia posizione. Ho sempre lavorato sodo e creduto in quello che faccio. Ho avuto amici e familiari che mi hanno sempre sostenuto e creduto in me quasi più di me. Senza quel supporto, nulla avrebbe funzionato, dice e continua:

READ  Recensione del film: "Gotha Channel: vinci o fallisci"

– Ma sono sempre molto serio. Tutto da allenamento, dieta, recupero. Questa è la mia firma. Se ti rompi un osso del gomito e qualche mese dopo ti rompi un osso della mano, sei un po’ vuoto. “Dannazione”, più o meno. Non è qualcosa che può essere evitato. Ho mangiato male, quindi ho il conto al gomito. Qualcosa che era difficile da digerire quando eri seduto su una bicicletta.

Ha avuto un infarto alla fine della scorsa stagione.

– Ho avuto la febbre per una settimana e ho saltato l’ultima partita casalinga. E poi ho iniziato a migliorare, anche se probabilmente non avevo 100 anni. L’ultima partita della stagione è stata abbandonata e… tu la vuoi così tanto. Così ho pensato: “Wow, ho avuto il raffreddore prima al lavoro, cosa fa?”. Ma poi durante l’allenamento ho avuto palpitazioni cardiache e ho dovuto sdraiarmi. Poi sono stato in ospedale per otto giorni. Non ne vale la pena. Non lo farò mai più. Se sono malato, sono malato, dice Ekblom.

– Era incerto per i primi giorni. Ti chiedevi cosa fosse successo, e se c’era qualcosa che non andava nel tuo cuore, significava che non potevi più suonare. Temevo quello Ma i medici si sono presi cura di me e hanno subito stabilito che non era altro che un’infiammazione. Ho dovuto riposare per un po’, ma non sarebbe stato per tutta la vita.

Victor Ekblom si è fatto avanti di nuovo, dopo aver impressionato nella pre-stagione quest’anno ed è pronto per assicurarsi un posto da titolare nella Super-One Premiership. Ma ancora una volta è successo l’incidente.

– Ho dovuto iniziare con le corde pubbliche dopo aver giocato due belle partite. Poi ho preso una buona palla in profondità e l’ho colpita sulla schiena. Quindi mi sento come se fossi sempre pronto per i tempi sbagliati a Landskrona. Quando ho avuto opportunità, ho attraversato l’inferno con infortuni e malattie. Quindi no, non è un giro tranquillo qui. Ma ho fatto del mio meglio e ho lavorato sodo. Spero che questo sia l’inizio di qualcosa di buono.

READ  Lugi ha 58 rivali in Coppa dei Campioni

Molti grandi club italiani come Juventus, Napoli e Palermo hanno dovuto partire dalle serie minori per poi risalire. Victor Ekblom spera di fare lo stesso viaggio con Sevo-Sona, mentre i suoi obiettivi in ​​carriera non si fermano qui.

– Mi rifiuto di accontentarmi di essere qui. Questo non dovrebbe essere l’apice della mia carriera. Dovrebbe essere un trampolino di lancio, un’opportunità per fare ciò che amo. Immagino che sia allora che inizia davvero. Ora sono fuori dalla mia zona di comfort, nuova lingua e nuovo paese. Ora devo dimostrarlo.

Qual è stato il più grande aggiustamento per te finora?
– La differenza più grande è il tempismo e l’impostazione. C’è anche un po’ di Manana-Manana qui. È una cultura completamente diversa da quella a cui sei abituato. Ma posso imparare a piacermi. Anche se mi atterrò alle mie routine che hanno funzionato per me, dovrò adattarmi. Per esempio, mentre ero a letto in Svezia, tu stai cenando qui alle otto. Poi esci e mangi qui. Anche gli italiani non sono molto contenti della colazione. È uno spuntino e un po’ di cereali, poi esci e fai pratica per tre ore. Ma l’ho fatto in modo da poter cucinare comunque la farina d’avena per colazione.

Assicurati di portare la farina d’avena in Italia!
– I miei compagni di squadra mi hanno guardato un po’ strano stamattina quando ho versato la farina d’avena nella mia ciotola invece dei cereali, ahah. Quindi vedremo. Se non posso fare una colazione normale, perderò dieci chili qui in due settimane…, conclude Victor Ekblom.