TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Amanda Jahui critica l’associazione e la scelta di Victor Godfors

Nel marzo dello scorso anno, LT ha pubblicato un’intervista con il giocatore di basket della nazionale svedese Viktor Gadefors, che ha discusso le differenze tra i campionati di basket francese e italiano.

Nell’intervista, LT è stato rilasciato in seguitoGaddefors ha detto che mentre il campionato italiano ha un grande gioco, il campionato francese ha più giocatori di colore e quindi più atleti.

Il rapporto è stato condannato da più parti.

– Non penso che Victor Gadefors sia un razzista, ho giocato con lui e ho passato molto tempo con lui. È una dichiarazione sciocca, ha detto l’ex star della nazionale Jeffrey Taylor nel podcast BC-Luleå.

Nel novembre dello scorso anno, Godfors è tornato in nazionale e venerdì è stato chiamato a far parte della rosa per le qualificazioni ai Mondiali di fine agosto.

Amanda Jahui, la più grande star del basket svedese, ha recentemente completato il suo primo ritiro in nazionale in due anni.

“Mi disgusta che la nazionale svedese porti qualcuno che parli apertamente e con orgoglio dei neri, che esponga apertamente il razzismo sulla stampa. Odio vedere Viktor rappresentare il nostro paese e un sindacato che parla così fortemente di ‘uguaglianza’. Il il paese vive del mio successo, ma accettano un simile comportamento”, scrive Jahui su Twitter.

“Mostra davvero i veri valori della nazionale maschile”.

Amanda Jahui si infuria contro il sindacato

L’anno scorso, la Swedish Basketball Association, lo stesso Gaddefors e il suo club Södertälje hanno preso le distanze dai rapporti ed hanno espresso autocritica.

– Prendiamo le distanze dalla dichiarazione fatta da Victor in un’intervista e la condanniamo fermamente. “Abbiamo scelto di sostenere le questioni educative e altre iniziative necessarie a Viktor e al club”, afferma Fredrik Zulamo, segretario generale della Swedish Basketball Association, dopo le nuove critiche di Amanda Jahoo.

READ  I sapori peruviani di Hagsätra sono presenti nella guida alternativa

– Amanda ha espresso come si sente riguardo alla situazione e, se la conosci, è il tipo di persona che dice quello che pensa.

Parlerai con Amanda Jahui?

– Noi e il nostro direttore sportivo contatteremo Amanda e le chiederemo se vuole dirci qualcosa in questa situazione, ed è chiaro che cerchiamo sempre di dialogare quando i giocatori della nostra nazionale sono insoddisfatti di qualcosa.

– È passato un po’ di tempo da quell’incidente con Victor, siamo stati lontani dalla Federazione e abbiamo preso le distanze in modo netto. C’è stata qualche reazione da parte di altri, ad esempio, la nazionale femminile, che era nelle qualificazioni agli Europei, ha riferito che eravamo in ritardo.

Qual è la giustificazione per permettergli di giocare in nazionale?

– Siamo stati chiari sul fatto che prendiamo le distanze dalle dichiarazioni e dichiarazioni che ha fatto, non dalla persona Victor Godfors. Abbiamo avuto una conversazione con lui e abbiamo scelto di ritirarlo, e poi siamo stati chiari sul fatto che non vogliamo essere un’unione che etichetta nessuno, ma piuttosto siamo molto chiari su ciò che pensiamo. Abbiamo anche risposto che non etichetteremo nessuno in modo permanente.

Godforce: “Può dire la sua”

Lo stesso Gaddefors ha avuto poche parole quando SportExpressen lo ha raggiunto.

– Può avere la sua opinione e può difenderla un po’. Ci sono stato e non posso davvero entrarci di nuovo. Mi sento come se non potessi fare molto, sono un po’ fuori. è diventato Lei può dire la sua.

Cosa pensi che la più grande star svedese sia rimasta delusa dalla scelta personale di te?

READ  L'Argentina domina Wembley - batte l'Italia in "Finalisima"

– Non è molto divertente. Non è divertente per qualcuno pensarlo, direi. Ma non posso fare molto ora. È quello che è, è ciò che sente e pensa, potrebbe piacerle e non andrò contro.

– Me ne sono allontanato, e ora ne sono un po’ lontano. Sembra un capitolo chiuso da parte mia.