TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La NASS Bathing Association di Göteborg è entrata in spiaggia e ha infranto molte leggi

La NASS Bathing Association di Göteborg è entrata in spiaggia e ha infranto molte leggi

Il cartello indica che la Naset Bathing Association di Göteborg ha segnalato un biglietto d’ingresso di 70 SEK al giorno o 1.000 SEK per un abbonamento annuale. Ma dopo la decisione del comitato edile, anche lo striscione è stato alzato P4 Göteborg menzionato in.

Anna Anderson, un avvocato dell’ufficio urbanistico che si è occupato del caso, spiega che la decisione di non incriminare la Visitor Bathing Association dipende da diversi fattori.

L’avvocato del City Planning Bureau Anna Anderson ha indagato sulla questione se la Nassette Bathing Association potesse richiedere ai visitatori di pagare una quota d’ingresso.

– Il bagno è coperto da una planimetria dettagliata in quanto organizzato come spazio pubblico. Ciò significa che un’area del genere deve essere accessibile al pubblico, e quindi tale area non dovrebbe essere chiusa secondo il codice di pianificazione e costruzione, afferma Anna Anderson.

Permesso di costruire perso

Inoltre, è necessaria una licenza edilizia per apporre un segno in un luogo pubblico che l’associazione non aveva.

– Pensiamo che non sia probabile che abbiano ottenuto un permesso di costruire dopo quello.

Un’altra parte considerata dal comitato di costruzione è la protezione della spiaggia. L’area in cui si trova la spiaggia è protetta sulla spiaggia secondo la legge ambientale, il che significa che non può essere chiusa al pubblico. Come per la licenza edilizia, è possibile ottenere in seguito un’esenzione per proteggere la costa, ma il comitato edilizio ha ritenuto improbabile che una cosa del genere venisse concessa.

Poiché il bagno è coperto da una protezione a terra, il bagno è anche un’area importante per la vita all’aperto e l’accesso del pubblico. Se il pubblico ha il diritto di soggiornare liberamente in un’area, ad esempio per fare il bagno, il proprietario non può generalmente escludere il pubblico o addebitare un canone come condizione per l’utilizzo dell’area in questo modo.

Fonte: Anna Anderson, avvocato dell’Ufficio Urbanistica

Bene, per addebitare una tariffa ragionevole – in alcuni casi

Tuttavia, ci sono eccezioni in cui si può ritenere che i proprietari abbiano il diritto di addebitare un canone per l’accesso a un’area accessibile secondo il diritto comune.

– Se il proprietario dell’immobile ha pagato su questo sito attrezzature speciali, ad esempio per torri di salto, servizi igienici e spogliatoi, o se l’area è destinata, ad esempio, a parcheggio per roulotte.

Ma nonostante il fatto che l’Associazione balneare di Näset, ad esempio, stia effettuando lavori di manutenzione e che ci siano sia servizi igienici che attività di chiosco sulla spiaggia, il comitato edilizio ha ritenuto di non giustificare l’attuale tariffa per l’ingresso nell’area.

Il comitato per la costruzione non ha ritenuto che i lavori di manutenzione dell'Unione balneare presso il sito balneare fossero una giustificazione sufficiente per richiedere ai visitatori il pagamento di un biglietto d'ingresso.  Foto: Stephen Benhag

Il comitato per la costruzione non ha ritenuto che i lavori di manutenzione dell’Unione balneare presso il sito balneare fossero una giustificazione sufficiente per richiedere ai visitatori il pagamento di un biglietto d’ingresso. Foto: Stephen Benhag

Dopo che l’Associazione Balneare ha partecipato alla valutazione del comitato di costruzione, ha scelto volontariamente di rimuovere il cartello con le informazioni sul canone.

Partiamo dal presupposto che d’ora in poi seguano sia il Codice Urbanistico ed Edilizio che la Legge Ambientale.

L’Associazione Balneare rispetta la decisione

Se dovesse venire a conoscenza del comitato edilizio che l’Associazione balneare ha messo un nuovo voto, dovrà sollevare nuovamente la questione e fare una nuova valutazione basata sul nuovo voto.

Possono mettere su cartelli che devi pagare solo per usare le cose che la Bathing Association ripara, come i bagni o le docce?

– La domanda non è stata posta, ma si trattava di affiggere un cartello dove è richiesto il pagamento di una quota per entrare. Non siamo andati oltre e abbiamo considerato le questioni della speculazione.

Näsets badförening ha rifiutato di partecipare a un’intervista, ma il presidente Michel Maniscalchi ha scritto in una e-mail al GP di aver agito secondo i desideri del comitato di costruzione e di rispettare la decisione.

Non hanno ancora avuto il tempo di verificare se il reddito che l’associazione perderà ora influirà su come sarà gestita la zona balneare in futuro.

Leggi anche: Le associazioni accettano l’ingresso alle spiagge – vendono “Bath Cards” per 700 corone

Leggi anche: Grande interesse per le provviste in mare – ma regole rigide

Leggi anche: Più facile da costruire vicino alla spiaggia, in alcuni punti

Vuoi saperne di più su come funziona GP con un buon giornalismo? Leggi il nostro Codice Etico qui.

READ  Magdalena Anderson rischia di sentirsi a disagio nell'UE