TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

È così che Johann Arvidsson è passato dall’idea all’autore – Parte 1

Questo è un testo scritto personalmente su Kalmarposten. Le opinioni espresse sono quelle dell’autore.

sfondo

Johann Arvidson.

Johann Arvidson.Foto: Linus Gunnarson

Ciao a tutti. Mi chiamo Johan e vado all’avventura. Un’avventura che ho pensato di lasciarti seguire. Vedete, pubblicherò il mio primo libro quest’estate. Devo ammettere di buon grado che non ho idea di cosa andrò ad affrontare, ma è anche ciò che mi attrae. Hai lavorato come project manager in molte occasioni e credo fermamente che dovresti usare da vicino la tua esperienza. Sono i miei punti di forza e il tesoro della mia storia. Ma ora mi sto muovendo molto velocemente. Penso che alcune informazioni di base potrebbero essere in ordine qui.

Foto: privato

Sven-Johan Arvid Arvidsson è nato all’inizio degli anni ’80, due miglia a sud di Kalmar, nel villaggio di Hagby. Quando ero un ragazzino, ero molto attento, quasi quello che si potrebbe descrivere come un vero guardiano. All’epoca non ero affatto pronto per un’avventura, se non potevano coinvolgere i miei genitori e il fratellino. Mia madre ha dovuto passare molte notti in fredde tende esplorative per un picnic. Mio padre doveva essere di guardia se avevo freddo quando stavo per passare la notte con un amico o andare a un campo di calcio. Ma sentirmi pienamente supportato dalla mia famiglia mi ha permesso di crescere per essere una persona sicura di sé che ha osato fidarsi di me stessa perché ho sentito l’amore della mia famiglia dietro di me.

Stavo per iniziare la prima elementare quando, in fondo al mio giornale serale, ho decifrato il codice di lettura. Le lettere formavano parole e frasi logiche davanti ai miei occhi. Poi si è aperto un mondo completamente nuovo. La mia cara madre ha sempre lottato per mantenere gli interessi dei suoi figli nei libri. La domanda costante, molto tempo dopo essere stata lontana da casa all’età di diciannove anni, era: “Che tipo di libro stai leggendo adesso?” Sebbene questa domanda fosse talvolta seguita da silenzi imbarazzanti, oggi sono così grata che fosse così testarda che i suoi figli leggessero così tanto. Grazie ad esso, ho acquisito un vocabolario formidabile e la mia immaginazione è andata oltre i suoi limiti.

READ  Qui, un paziente su quattro con coronavirus viene assistito da un ventilatore

Nella biblioteca di Hagby c’era un tesoro di una fiaba di Astrid Lindgren, seguito dai libri storici per ragazzi di Olof Svild. Avevamo una bibliotecaria meravigliosa che aveva sempre qualcosa di nuovo ed eccitante da offrirmi quando venivamo ogni martedì. Fiction e storia, può migliorare?

Quando avevo 12 anni, mia madre mi regalò i tre libri che ancora oggi mi ispirano. Il Signore degli Anelli JRR Tolkien. Semplici libri blu impreziositi da scritte a zigzag dorate. La lingua potrebbe essere un po’ rumorosa per un dodicenne, ma ero incuriosito. Davanti ai miei occhi si è aperto un mondo magico di dimensioni mai viste prima. Ho letto tutti i libri innumerevoli volte, e quando è stato girato il primo libro, l’ho visto non meno di 7 volte al cinema.

Foto: privato

Ovviamente non puoi passare le tue giornate leggendo libri e andando al cinema, ma sicuramente sarebbe stato bello? Era giunto il momento per me di decidere cosa fare della mia vita. Sto studiando economia allo Stagneliusskolan, che in passato potrebbe sembrare una scelta strana. Ma non me ne pento per tutto nel mondo. Non dovresti mai rimpiangere le tue esperienze perché ti hanno plasmato nella persona che sei oggi. Ho trascorso tre anni meravigliosi e ho costruito legami di amicizia che dureranno per sempre.

Dopo aver studiato in Italia, periodo in cui dovevo proprio scrivere un diario qui a Kalmarposten, ho trovato la strada che volevo intraprendere. Uno dei miei amici più cari si stava allenando come parrucchiere e ha pensato che sarebbe stato adatto anche a me. Non avevo mai pensato a una professione di parrucchiere prima, ma sapevo che volevo lavorare con qualcosa di creativo e preferibilmente con le mie mani. Ero interessato alla falegnameria, all’interior design e ad altre professioni, ma è stata la professione di parrucchiere che alla fine ha attirato la mia attenzione.

READ  Acquista il nuovo lussuoso Bear Geisel, il SUV più veloce del mondo

Dopo un anno di addestramento, il carico utile in movimento è stato portato a sud a Kristianstad. Non solo ho lavorato come parrucchiere, ma ho anche lavorato come quello che l’industria chiama tecnico. Ciò significa che alleni e ispiri altri parrucchieri organizzando tour e corsi. Il tecnico è spesso affiliato a un particolare marchio di cura dei capelli o azienda specializzata in spettacoli. Il tempo a Kristianstad è stato breve perché avevo un’offerta per trasferirmi di nuovo a casa a Kalmar e aiutare ad aprire un nuovo salone. Non ho esitato un attimo. Mi sono spostato molto nel corso degli anni, ma mi rendo conto che parlo sempre di Kalmar come se fossi a casa. Penso che sia la città più bella della Svezia e desidero sempre tornare a casa, non importa dove mi trovo. Casa era il tuo cuore.

Due anni dopo, il carico in movimento è andato di nuovo a sud. Questa volta a Malmö dove ho ricevuto una fantastica offerta di lavoro che non potevo rifiutare. Malmö è diventata la mia seconda casa e, anche se ho impiegato molto tempo per abbracciare la città, ci sono rimasta.

C’è sempre un senso in tutto ciò che accade nella vita, anche se non è sempre facile leggere cosa sta succedendo. Impari, aggiungi un altro pezzo al tuo puzzle e cresci come persona. Le persone vanno e vengono nella vita ed è importante sapere a quali attenersi e quali navigare. Nei miei prossimi articoli, sentirai parlare di persone che ho incontrato lungo la strada. Le persone che mi hanno aiutato con questo progetto. Le persone di cui non posso fare a meno. Spero che ti unirai a me in questa avventura quest’estate.

READ  Morgan Stanley: Europe's Best District 2021 - Fornisce consulenza azionaria