TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La mia parola è chiarita quando il classico di Natalia Ginsburg viene pubblicato in svedese – Sitsvenskan

Vero

Natalia Ginsburg

Enciclopedia familiare. Traduzione: Johanna Hedenberg. Editore di Albert Bonnier.

|| Questo è un articolo culturale. Analisi e valori appartengono all’autore.

Quando ero piccolo, mia madre scopriva ogni sera nuove favole fantastiche, mentre mio padre mi diceva sempre una cosa: quando la strega e Casper andavano su un’isola e il gigante mangiava i loro panini. Tutte le famiglie hanno parole, eventi e frasi che, come la loro lingua, si definiscono al mondo esterno, il loro dramma.

Natalia Ginsburg (1916-1991) scrive dei simboli che compongono una famiglia nel “Dizionario di famiglia”. Ho letto il romanzo molte volte negli ultimi trent’anni e sono lieto che i lettori svedesi possano conoscere questo tesoro in una nuova traduzione dal 1963 in poi. Prefazione a Elizabeth Asbring Una buona introduzione al copyright. Il “dizionario di famiglia” italiano è riuscito a trasformare il film epico “Heimat” di Edgar Reid in tedesco – una complessa storia di un paese progettato da una famiglia. Nella prefazione, Ginsberg afferma che tutto ciò che ha scritto è accaduto e non è stato scoperto nulla. Ma quando l’autobiografia del nostro tempo a volte appare nella vista dell’ombelico, Ginsburg dice di un tempo e di un paese: “Questa non è la mia storia, ma la storia della mia famiglia” e ogni famiglia è un microcosmo che riflette una grande cosa.

Colera E lo strano padre, il professore di anatomia Giuseppe Levy, perseguita la famiglia scalando la montagna e chiamando gli asini scontenti o il salame. Mamma Lydia è l’opposto di lui: adora andare ai social e al cinema. Incontriamo quattro fratelli e amici più grandi di Natalia. Crescendo, ha minacciato il fascismo, quindi il romanzo funge anche da pretesto per i fratelli chi-chi-chi si uniscono all’antimovimento italiano. In altre traduzioni, è inclusa una descrizione della galleria personale, che sarà anche più semplice per i lettori svedesi.

READ  EIMA punta a organizzare una fiera nel mese di ottobre

Il socialista Filippo si nasconde in un appartamento, gli amici lasciano il paese e Giuseppe Levy viene espulso perché ebreo. Natalia è sposata con Leon Ginsburg (uno dei fondatori del famoso editore Inadi) e hanno due figli. La famiglia è costretta all’esilio in Abruzzo, ma poi si reca a Roma e vi si nasconde fino a quando il marito viene arrestato e assassinato nel 1944.

Questa è l’Italia Storia oscura, ma soprattutto promettente. La vita va avanti e anche durante il fascismo c’era umorismo situazionale con parenti, sarto, bambini o un amico pazzo.

Tradurre testi scritti contemporaneamente con valori diversi è una sfida. Nel “dizionario di famiglia”, sono le formule e le espressioni standard che portano avanti la storia, il che è estremamente difficile. Il padre usa l’espressione “un Negro”, che Johanna Hedenberg traduce come “croato”. Oggi non usiamo correttamente la parola n. Ma mostra quanto sia difficile tradurre un testo sessant’anni dopo. L’antifascista Levy sceglie le parole più razziste, prendendo di mira coloro che non pensano come se stessi indipendentemente dal colore della pelle. Questo mostra un problema complesso: anche gli antisemiti del fascismo facevano parte di una visione del mondo odiosa. Scelte di traduzione più gentili come “croato” cambiano l’originale e i lettori perdono una dimensione, il testo è più innocuo e l’esplosione di Levi è ancora più bizzarra. Puoi o meno tradurre alcune parole direttamente, ma secondo la prefazione è difficile cambiare il testo che si sforza per la totale onestà. Altrimenti, questa è una traduzione migliore.

La famiglia si è mescolata Le rivelazioni vengono raccontate durante gli eventi e poi ritornano nel romanzo – noi lettori lo capiamo. Ci è stato permesso di entrare in questo dizionario di famiglia e abbiamo imparato la sua grammatica, anche compilando cose come “Mi piacciono ancora i miei figli quando hanno vestiti nuovi” o “Non riconosco il mio tedesco”. Personalmente, comincio a cercare altri ricordi dalla mia famiglia, rido degli idioti della mia famiglia e rifletto sulla storia dell’Europa nelle piccole cose. Il romanzo di Ginsburg riesce a raccontare qualcosa di estraneo, ricordando allo stesso tempo ciò che possiedo.

READ  "Non mi ero assolutamente reso conto di essere stato escluso"

Forse è solo quando non condividiamo più le parole che ci rendiamo conto dell’importanza di essere guidati ancora e ancora. Prima che sia troppo tardi, chiederò a mio padre di parlarmi di Strega e Caspar.

|| Margareta Flight è una scrittrice e revisore freelance.