TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La gravidanza aumenta il rischio di contrarre il virus COVID-19

Da allora, le donne incinte dopo la 20a settimana sono considerate a rischio di covid-19. La valutazione del National Health and Welfare Council di quasi due anni fa si basava principalmente su studi che mostravano che le donne che contraggono il Covid durante la fine della gravidanza sono a maggior rischio di parto pretermine.

Nel corso del tempo, gli studi hanno indicato che il COVID-19 durante la gravidanza aumenta anche i rischi per la salute sia della donna che del bambino.

Ora è stato confermato da un nuovo studio approfondito nell’area.

Aumento del rischio di terapia intensiva

I ricercatori dietro lo studio, che è stato pubblicato sulla rivista scientifica BMJ, hanno analizzato 12 studi che hanno coinvolto più di 13.000 donne incinte provenienti da Ghana, Cina, Italia, Kenya, Nigeria, Sudafrica, Spagna, Svezia, Repubblica Democratica del Congo e Turchia . Uganda e Stati Uniti.

La buona notizia è che, contrariamente a quanto suggerito da alcuni primi rapporti, i ricercatori non hanno visto che il virus sembrava aumentare il rischio di natimortalità.

Tuttavia, i risultati mostrano che le donne infette da COVID-19 durante la gravidanza hanno maggiori probabilità di ammalarsi gravemente. Tra le altre cose, era quattro volte più comune per le donne incinte con covid-19 finire in una situazione in cui avevano bisogno di cure intensive, rispetto alle donne non infette della stessa età. Un altro esempio è che le donne incinte infette avevano una probabilità cinque volte maggiore di sviluppare pericolosi coaguli di sangue.

Allo stesso tempo, le donne in gravidanza hanno otto volte più probabilità di morire a causa della malattia, sebbene i decessi siano ancora molto rari.

READ  "Posso bere il mio sangue mestruale"

Javascript deve essere abilitato per riprodurre il video

La dottoressa Margarita Danielius spiega quali affermazioni sul coronavirus sono vere e quali no. immagine: svt/storyblock

L’importanza delle vaccinazioni

I ricercatori sperano che lo studio più completo fornisca maggiore chiarezza su questo tema, sul quale non sempre c’è stato un consenso in tutto il mondo. Soprattutto, i benefici della vaccinazione.

Ad oggi, più di 80 paesi sconsigliano alle donne incinte e che allattano di ricevere la vaccinazione contro il COVID-19, nonostante innumerevoli segnalazioni dimostrino che non vi è alcuna indicazione che il vaccino influisca negativamente su una donna incinta o sul feto.

Al contrario, il vaccino non solo protegge le donne incinte da malattie pericolose, ma riduce anche il rischio di parto prematuro.

“I risultati sottolineano la necessità di ulteriori sforzi in tutto il mondo per prevenire il COVID-19 durante la gravidanza attraverso sforzi di vaccinazione mirati”, hanno scritto i ricercatori in un comunicato stampa.

In Svezia, l’Agenzia per la sanità pubblica raccomanda la vaccinazione dopo la 12a settimana di gravidanza.