TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“La discussione è stata trasmessa su un grande schermo nella sala del personale.”

“La discussione è stata trasmessa su un grande schermo nella sala del personale.”

Analista biomedico

La ricerca di Anna Lindblad potrebbe contribuire a trovare nuove strategie di trattamento per le infezioni del tratto urinario causate dal batterio Escherichia coli. Foto: proprietà e Getty Images

Anna Lindblad, direttrice dell'Unità diurna presso il Centro di medicina di laboratorio dell'ospedale di Visby, ha recentemente completato il suo dottorato di ricerca presso l'Università di Örebro. “È divertente dimostrare che è possibile combinare il lavoro clinico con la ricerca”, afferma.

La tua tesi riguarda le infezioni del tratto urinario e il complesso sistema immunitario che si attiva quando i batteri attaccano la vescica. Perché hai voluto cercarlo?

Le infezioni del tratto urinario rappresentano un grave problema per molte donne e la resistenza agli antibiotici è elevata tra i ceppi di E. coli. C’è una grande necessità di trovare nuove strategie terapeutiche antimicrobiche.

Di cosa tratta la tua ricerca più specificatamente?

La maggior parte delle infezioni del tratto urinario sono causate dai batteri Escherichia coli, che attivano il nostro sistema immunitario. Una parte importante della nostra difesa contro l’Escherichia coli è ciò che viene chiamato inflammasoma NLRP3. È costituito da due componenti: un sensore che identifica batteri o altre sostanze che potrebbero rappresentare una minaccia e un enzima. Quando le diverse parti vengono assemblate, l'enzima viene attivato e si formano citochine e chemochine. Il corpo lo usa per eliminare i batteri. Questa tesi indaga il modo in cui tre diverse proteine ​​associate all'inflammasoma influenzano la difesa della cellula ospite contro i batteri durante l'infezione del tratto urinario e il loro ruolo nelle infezioni ricorrenti del tratto urinario.

Come procedere?

Abbiamo generato linee cellulari epiteliali della vescica prive di proteine ​​associate all'infiammazione utilizzando il metodo CRISPR/Cas9. Abbiamo stimolato le cellule con E. coli e misurato, tra le altre cose, l'espressione di diverse citochine, chemochine e peptidi antimicrobici. Abbiamo anche studiato come le proteine ​​associate all’infiammazione influenzano l’effetto antimicrobico dei globuli bianchi (neutrofili). Abbiamo anche studiato un possibile collegamento tra NLRP3 ed estrogeni.

Quali sono i risultati principali?

-Possiamo vedere che le proteine ​​legate all'infiammazione sono coinvolte nella secrezione di citochine e chemochine e nelle funzioni antimicrobiche dei neutrofili durante l'infezione del tratto urinario. Possiamo anche vedere che NLRP3 sembra avere una funzione regolatrice nella segnalazione degli estrogeni e nell'espressione dei peptidi antimicrobici.

Come possono trarne vantaggio gli analisti biomedici professionisti?

– Clinicamente è troppo presto per dirlo. Ha bisogno di ulteriore sviluppo e valutazione.

Tu sei il responsabile dell'unità diurna di medicina di laboratorio. Come sei riuscito a conciliare questo lavoro con i tuoi studi di dottorato?

– Era un mistero. Quando ho iniziato la mia ricerca, lavoravo come analista biomedico in microbiologia qui in ospedale. Nel corso degli anni sono stato in vacanza per periodi più brevi, ho frequentato l'università a Örebro nel tempo libero e ho scritto molto da remoto. È interessante dimostrare che è possibile combinare il lavoro clinico con la ricerca se si dispone di manager comprensivi.

I dipendenti erano coinvolti in qualche modo a Visby?

– no scusa. Siamo a corto di personale da diversi anni, quindi non è stato fatto in modo tempestivo. Ma la tesi veniva visualizzata su un grande schermo nella sala docenti.

Come sei cresciuto come analista biomedico PhD?

– La professione diventa più piacevole e poiché l'argomento mi sta a cuore, è bene contribuire alla ricerca.

READ  Collegamento tra gli interventi chirurgici per l’obesità più comuni – Sahlgrenska Academy, Università di Göteborg