TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La delusione del portiere finlandese ai Mondiali di IIHF

Lo storico oro olimpico della Finlandia a Pechino è stato seguito da una celebrazione festosa, ma la situazione della politica di sicurezza mondiale presto smorza l’umore anche tra i leoni finlandesi.

Dopo l’invasione russa dell’Ucraina, nel mondo dell’hockey infuriò la polemica sulla “selezione” di giocatori stranieri per completare la stagione nel KHL. Molti di loro hanno violato il contratto a causa di quanto accaduto dall’altra parte del confine a sud-ovest, mentre molti altri sono rimasti e hanno continuato a giocare nelle qualificazioni alla Coppa Gagarin.

Frans Tohima era finlandese Terzo portiere alle Olimpiadi e vicepresidente della Finnish Players Association. Lui stesso è riuscito a rompere con la squadra del suo club Neftechimik Nizhnekamsk subito dopo l’inizio della guerra, ma per altri è stato molto più difficile. Tohima crede che la negatività dell’IIHF abbia reso la situazione più difficile per coloro che volevano lasciare le loro squadre russe.

– Sono l’apice dell’hockey su ghiaccio in tutto il mondo e secondo me dovrebbero scegliere da che parte stare. Tutti sanno chi è la parte giusta, non la Russia. Dovrebbero difendere questo aspetto e dire qualcosa. Spetta all’IIHF fare in modo che i giocatori vadano dove vogliono senza essere penalizzati. Questa è la mia opinione, dice Tohima e continua:

Se non vuoi tornare alla sua propaganda, nessuno dovrebbe sentirsi obbligato a farlo. Lì, l’IIHF dovrebbe essere più utile.

Frans Tohima è riuscito a separarsi dalla sua squadra russa, Nevtechhemek Nizhnekamsk.

Frans Tohima è riuscito a separarsi dalla sua squadra russa, Nevtechhemek Nizhnekamsk.

Foto: Notizie Cina / TT

L’IIHF ha escluso la Russia dalla Coppa del Mondo E anche il paese è stato escluso dall’ospitare il campionato del prossimo anno a San Pietroburgo, ma in termini di status dei giocatori nella KHL, la situazione era calma.

Tohima ritiene che la FIFA avrebbe dovuto seguire le orme della FIFA e dare ai giocatori stranieri nel paese la possibilità di annullare almeno temporaneamente i loro accordi.

Sei frustrato con l’IIHF?

– Sì, un po. Non ci è voluto molto alla FIFA per apportare modifiche alle loro regole e non so davvero quale sia la differenza. L’IIHF non ha ancora detto nulla al riguardo e mi aspetto che lo facciano.

Mikko Littonen ha dovuto pagare 20 milioni di corone svedesi per rompere il suo accordo con lo SKA San Pietroburgo.

Mikko Littonen ha dovuto pagare 20 milioni di corone svedesi per rompere il suo accordo con lo SKA San Pietroburgo.

Foto: Maxim Konstantinov/TT

Il caso più controverso in Finlandia riguardava Mikko Lehtonen. La collina di 28 anni voleva lasciare lo SKA San Pietroburgo, ma poi ne aveva bisogno Sostituendo la squadra del club con 20 milioni di corone svedesiSecondo l’agente Mika Rautakalio.

– Non abbiamo molti soldi. Alcuni potrebbero giocare il loro primo anno nel KHL e non avere quel tipo di soldi, e non possono riscattarsi dal loro contratto. Alcuni potrebbero averlo, dice Tohima, aggiungendo:

– Ma se l’IIHF non ha preso una decisione su questo tema, come ci si può aspettare che gli individui prendano queste decisioni molto difficili? Molti anche in Finlandia e Svezia hanno preso decisioni difficili e si sono allontanati da lì. È bello da vedere.

Lehtonen è rimasto nel KHL Anche la sua squadra è stata eliminata dai playoff in semifinale, ma non ha intenzione di tornare per la prossima stagione. Ora lui, proprio come Tuohimaa, è a Stoccolma per giocare le partite di Beijer Hockey, ma non vuole rispondere a domande sulla Russia o sul KHL.

– Non so com’era in Svezia, ma in Finlandia è stato descritto da alcuni media come lo stesso in tutte le squadre, dice Frans Tohima, che è più esplicito su questo tema.

Da parte sua, gli è stato permesso di rescindere il suo contratto con Neftechimik Nizhnekamsk senza essere tenuto al rimborso. L’unica cosa che ha perso sono stati i suoi stipendi rimanenti.

Ci sono molti giocatori di altre squadre che sono finiti in situazioni più difficili di quella in cui mi trovavo io. Ecco perché non voglio giudicare nessuno. Tohima dice che è stato più facile per me rispetto ad altri.

Leggi di più:

Voleva lasciare il KHL: il club ha chiesto 20 milioni

E gli svedesi del KHL hanno parlato delle loro decisioni, quando alcuni sono rimasti e altri sono scomparsi

Walmark sulla partenza: “Il club è strettamente legato al sistema”

Svedesi non esclusi da KHL al Tre Kronor: ‘I soldi prima della morale’

READ  I migliori film di Hasse Ekman - 10 consigli taglienti!