TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Danimarca ritira la protezione dai siriani

Recentemente, 94 siriani residenti in Danimarca sono stati informati di non avere più il diritto di vivere nel paese. Presto, diverse centinaia di siriani potrebbero essere raggiunti attraverso lo stesso messaggio. Questo da quando le autorità danesi hanno iniziato a classificare il Governatorato del Rif, dove si trova la capitale Damasco, tra le altre cose, come sicuro in cui tornare.

La Siria è ancora in guerra in molti modi. Ma ci possono essere parti del paese in cui la situazione è diversa e quali autorità qui sono considerate un rifugio, come ha recentemente annunciato il ministro degli Esteri danese Gebe Kovoud (S) Intervista al quotidiano Politiken.

Sono passati dieci anni La guerra civile è scoppiata in Siria. Da allora, circa 1,5 milioni di siriani hanno chiesto asilo in Europa. 35.000 di loro vivono in Danimarca e molti sono titolari di permessi di soggiorno temporanei secondo una legge introdotta dal precedente governo socialdemocratico nel 2013. Ciò significa che solo chi fugge a causa di persecuzioni personali può ottenere un permesso di soggiorno permanente – e non ci sono condizioni come la guerra civile nel paese.

Controlli di frontiera alla stazione di Hyllie a Malmö nel novembre 2015.

Foto: Anders Hanson

Il fatto che il governo danese stia ora iniziando a ritirare la protezione dai rifugiati siriani è stato accolto con aspre critiche, tra le altre cose UNHCR E il Amnesty International Chi crede che Damasco continui a essere testimone di un alto livello di violenza in generale e che chi torna corra il rischio di violare i propri diritti umani.

Siamo molto preoccupati per la situazione, non c’è stato un drastico miglioramento nell’area di Damasco, ci sono arresti arbitrari e sparizioni di persone, ma nonostante questo il governo danese sostiene che la situazione non è abbastanza grave da giustificare un permesso di soggiorno, afferma Lisa Plinkenberg, consulente senior di Amnesty International in Danimarca.

E crede che la situazione sarà particolarmente problematica se le altre nazioni cominceranno a mettersi al passo.

– I paesi vicini come la Turchia hanno accolto diversi milioni di rifugiati siriani. Come dovrebbero comportarsi quando un paese piccolo e ricco come la Danimarca ha questa posizione?

Con sede a Copenaghen L’avvocato Niels Eric Hanson ha seguito molti casi in cui i permessi di soggiorno ai siriani sono stati revocati e ritiene che il governo danese manchi di solidarietà, sia con i gruppi di rifugiati siriani che con altri paesi in Europa.

Ho clienti che sono stati costretti a lasciare la Danimarca e sono invece passati a paesi come Germania e Francia. Lì, le autorità hanno risposto con sgomento: “Cosa? Non è questo il modo per farlo!” Quindi si assumono la responsabilità mentre il governo danese fugge. Dice di essere totalmente antipatico.

Raggiungere il ponte Öresund tra Svezia e Danimarca.

Raggiungere il ponte Öresund tra Svezia e Danimarca.

Foto: Liselotte Sapro / AFP

La Danimarca è l’unica finora Il Paese in Europa che ha iniziato a ritirare il permesso di soggiorno per i profughi siriani.

Il governo danese spera che i siriani lasceranno volontariamente il paese quando non avranno uno status legale. L’espulsione forzata non è attualmente il caso perché non c’è accordo con la Siria e il governo non dice di voler collaborare con il presidente siriano Bashar al-Assad.

Diverse organizzazioni per i diritti umani Crede che i siriani colpiti finiranno ora in un limbo.

Le famiglie ben funzionanti perdono il lavoro ei bambini vengono portati fuori dalla scuola e costretti ad andare nei centri fuori città in tutto il paese dove devono aspettare che avvenga la deportazione, dice Michala Clante Bendixen di Refugees. benvenuto.

I manifestanti danesi manifestano per evacuare i bambini dal campo profughi di Moria distrutto.  Ora, invece, la Danimarca vuole riportare i profughi a Damasco.

I manifestanti danesi manifestano per evacuare i bambini dal campo profughi di Moria distrutto. Ora, invece, la Danimarca vuole riportare i profughi a Damasco.

Foto: Emil Helms / AP

A gennaio, ha annunciato il primo ministro Mette Frederiksen (S) che l’obiettivo del governo è quello di non avere richiedenti asilo. L’anno scorso, 1.547 persone hanno chiesto asilo nel Paese, una cifra storicamente bassa che può essere spiegata dalla pandemia Corona, ma anche dalla rigida politica di immigrazione del governo.

Il governo ha ora iniziato a lavorare attivamente con il cosiddetto “sostegno al ritorno” – un importo 100.000 – 200.000 Corona danese Ciò farà sì che più richiedenti asilo tornino volontariamente nei loro paesi di origine.

La polizia danese arresta i rifugiati su un'autostrada fuori Badburg durante l'ondata di rifugiati del 2015.

La polizia danese arresta i rifugiati su un’autostrada fuori Badburg durante l’ondata di rifugiati del 2015.

Foto: Martin Lehmann / AP

L’anno scorso, 137 ordini Siriani sull’aiuto danese per tornare. In un’intervista con Politiken Il ministro dell’Integrazione e degli Affari Esteri, Matthias Tesfai (S), ha affermato che il gruppo più numeroso di immigrati vuole tornare, e questa è la prova che la “politica di rimpatrio” del paese sta funzionando e che parti della Siria sono sicure in cui vivere. .

Dice che i siriani che sono venuti in Danimarca sono ben consapevoli della situazione nel paese attraverso amici e famiglie e quando sentono che la situazione è migliorata, vogliono tornare.

L’avvocato per i diritti umani Niels Eric Hansen è molto critico nei confronti di questa posizione.

Alcuni sono tornati, e poi il governo ritiene che non fosse poi così pericoloso, e poi il resto può tornare. Ma è un valore individuale. Alcuni potrebbero non essere in pericolo, ma questo non significa che altri non lo siano, dice.

Leggi di più:

Indagine danese: quasi la metà dei test rapidi ha fornito una risposta falsa negativa

Ecco perché è molto difficile vaccinare il mondo intero

READ  Amnesty International sostiene: Navalny diventa nuovamente prigioniero di coscienza