TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La carne agisce sulle sostanze chimiche nell’intestino che aumentano il rischio di malattie cardiache

Diversi studi avvertono che la carne rossa aumenta il rischio di aterosclerosi e quindi il rischio di infarti e ictus, un nuovo studio mostra che la colpa è della chimica intestinale.

Il consumo di molta carne rossa è stato collegato in diversi studi di ricerca a un aumento del rischio di malattie cardiache e aterosclerosi, chiamata anche aterosclerosi o indurimento delle arterie, che porta a una riduzione del flusso sanguigno a causa dell’ostruzione delle arterie, che mette le persone a rischio di cuore attacco e colpo. Scrive fortuna.

in Nuovo studio I ricercatori hanno studiato come le sostanze chimiche nell’intestino, o metaboliti, possono aumentare il rischio di malattie cardiovascolari. È il primo studio a esaminare la relazione tra gli alimenti animali e la cardiopatia aterosclerotica e i suoi metaboliti.

La carne aumenta il rischio a causa del metabolita

Mangiare una dieta ricca di carne, in particolare carne rossa e carne lavorata, è associato a un aumento del rischio di malattie cardiache associate all’aterosclerosi e lo studio ha concluso che per ogni 1,1 porzioni di carne al giorno, il rischio è aumentato del 22% e il rischio aumentato. È attribuito al metabolita trimetilammina-N-ossido, TMAO, che viene prodotto dai batteri intestinali, il microbioma intestinale, quando si mangia carne rossa.

“Lo studio ci aiuta a capire meglio perché mangiare carne è associato a un aumentato rischio di malattie cardiovascolari”, afferma. Meng WangCoautore dello studio e borsista post-dottorato presso la Friedman School of Nutrition Science and Policy della Tufts University, ha detto a Fortune.

“Capire il ruolo dell’intestino può aiutare i ricercatori a sviluppare nuovi interventi che mirano all’interazione tra dieta e microbioma intestinale per ridurre il rischio di malattie cardiovascolari”, aggiunge.

READ  7 consigli degli esperti per affrontare l'ansia sociale

Aiuta a capire perché alcuni sono più a rischio

Lo studio ha incluso quasi 4.000 adulti a cui, all’inizio dello studio, non era stata diagnosticata una malattia cardiovascolare. I ricercatori hanno studiato i campioni di sangue e la quantità di metaboliti prodotti dai partecipanti e li hanno seguiti per 12,5-26 anni.

Wilson Tangun cardiologo che è stato anche coinvolto nello studio, ritiene che capire come funziona l’intestino possa aiutare le persone a capire meglio le persone a rischio.

“Questi risultati hanno fornito informazioni sul motivo per cui alcune persone sono più suscettibili di altre se i batteri intestinali che vivono al loro interno possono generare più metaboliti che possono influenzare la funzione dei loro organi”, ha detto Wilson Tang a Fortune.

Sei interessato all’economia e alle scienze della vita? Ecco com’è facile ottenere i nostri servizi gratuiti servizio di notizie.

Leggi di più: Il disturbo bipolare può essere trattato con le feci? [Dagens PS]