TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Kjell Haglund: La mia vita come critico televisivo

Kjell Haglund: La mia vita come critico televisivo

Dormi la mattina, ma sono sveglio da un po’ quando la campanella di notifica sul mio cellulare mi dice che la mia newsletter è uscita. scremandolo. Quanto è doloroso leggere il messaggio un’ultima volta prima di trovarlo, ma poi, c’è qualcosa su cui voglio saltare e leggere una volta che è uscito? Deve essere stata l’emozione del post stesso, sapendo che alcune migliaia di tuoi abbonati hanno ricevuto anche auto-testi super personali, esperienziali e analitici nelle loro caselle di posta. Faccio finta di leggere con gli occhi dei lettori.

E dopo trovi sempre i bug più fastidiosi.

Purtroppo non si possono correggere errori di battitura nelle newsletter che sono già state pubblicate… Ma i testi vengono pubblicati contemporaneamente in forma blog, quindi entro la colazione della domenica ho sempre un mucchio di errori da correggere nella versione online.

Al contrario, tra le email che ricevo dai lettori, ce n’è una estremamente importante e a cui non posso rinunciare. È il lettore che pensa che io stia sopravvalutando in modo “imbarazzante” le serie TV di oggi, scrivendo ironicamente che “nove serie su dieci sono ‘fantastiche'”, che rimanda a un testo di Expressen Kultur di Jens Liljestrand su loto biancouno dei tanti che ha deriso il testo del giornalista culturale SvD Bjorn Werner su come preferisse la serie TV di Mike White al romanzo di Johannes Anuru Excelis E altre nomination critiche per il mese di agosto.

Ho cominciato a rispondergli nervosamente, dimenticando – non per la prima volta quando mi siedo al computer – che mia moglie era in piedi nell’ingresso, ad aspettare. Dopo un po’ mi ha rimproverato. Dovevo uscire e prendere qualcosa in modo che tu potessi mangiare qualcosa, e poi sarei dovuto andare alla fattoria di Sana e prendere le uova così avremmo potuto pranzare.

Devo mettere via il computer. Ma durante l’uscita dell’uovo mi ha colpito: sicuramente hai già scritto di questa cosa esatta prima, di serie TV contro libri?

Dopo pranzo, quando i miei occhi si posano ancora una volta incerti sulla frase dello scrittore di e-mail secondo cui uso più spesso il metodo “brillante”, mi viene in mente il vecchio articolo su Weird Science, una risposta a Fredrik Virtanen di Aftonbladet che ha condannato a febbraio 2005 soprano Allo stesso modo in cui Jens Lilgestrand lo sottovaluta loto bianco Ora.

READ  Tutto è fantastico in due drammi

Il blog non c’è più sul web, ma lo trovo nell’archivio offline, e la somiglianza è strana.
Questo è ciò che Jens Liljestrand ha scritto su Expressen qualche settimana fa:

“Tre ore dopo, mia figlia di 13 anni si è seduta accanto a me sul divano e mi ci sono voluti meno di cinque minuti per spiegarle la trama, poi ha potuto guardare il più attentamente possibile. Non è così difficile riassumere la premessa, i protagonisti e alcuni tratti del personaggio. Più complesso o impegnativo di così. , The White Lotus è, come la maggior parte dei drammi televisivi di oggi, anche nella fascia del prestigio. È un tubo intellettuale che soddisfa efficacemente, quasi artificialmente, il bisogno del cervello di eccitazione, bellezza, umorismo e porno.”

E questo è ciò che Fredrik Virtanen ha scritto su Aftonbladet 17 anni fa:

I Lost Sugar Cookies non ci insegnano niente di niente, niente di niente. Lo stesso vale per Alias ​​e Prison Break. Six Feet Under e la Casa Bianca sono un po’ più nutrienti, ma anche I Soprano non ci danno intuizioni particolarmente stellari. Privato, nonostante le correnti della realtà. È solo divertimento e intrattenimento. Dopo è vuoto. Un’ora di vita sprecata. Poi un’altra. E un’altra ancora. Un’intera serata con solo grassi e zucchero in TV. È stato emozionante. Sparami. “

Invia la risposta che hai scritto a Virtanen e poi a Liljestrand lettore collegato ora. E pensare che potrebbe essere un finale unificante anche per questo diario. Soprattutto quando mio padre si presenta e mi fa venire le lacrime agli occhi alla fine del testo.

I fan della TV hanno sicuramente una capacità ingannevole di ricorrere a parole vuote. È davvero incredibile quante volte io stesso possa usare la parola “fantastico” dopo essere stato seduto per un’ora davanti alla TV e non tifare, non ridere a crepapelle, non tremando, no, solo guardando e pensando un po’ e cercando di capire quale sia lo scopo di tutto questo.

Ma soprattutto è forse l’esempio della parata privata di Virtanen che è così ben scelto che mi innamoro del suo pieno stile di regina del dramma. soprano È considerata una delle migliori serie drammatiche del 21° secolo, ma la sua profondità psicologica non è nulla da starnutire. Un professore di letteratura potrebbe ridere sia della caratterizzazione che del dialogo, forse persino chiamarlo “soap”, quindi indicare il romanzo poliziesco più sottile di Dürrenmatt e dire: “Questo dice più sulla psicologia del crimine di cento ore”. soprano“.

READ  SD dovrebbe vergognarsi se non vota sì alla nostra proposta di test del mercato del lavoro - Arbetet

Eppure è giusto soprano L’esempio perfetto delle qualità artistiche uniche del dramma televisivo, che è radicato nella capacità del mezzo di manipolarci emotivamente ma anche di purificare la manipolazione, o di renderla un’esperienza artisticamente e umanamente toccante.

Il mio esempio preferito è un loop una casa che, a soli quindici minuti dall’inizio dello schizzo del personaggio, ci ha “ingannato” facendoci desiderare la vita di una vittima di un incidente stradale sopravvissuta, solo in modo che il paziente che abbiamo conosciuto più a fondo potesse ricevere un trapianto di cuore.

Ma quello che è realmente successo è che ci siamo trasformati in colleghi medici a una casa– Il gruppo. Questo è il vantaggio magico della manipolazione televisiva: un buon dramma televisivo crea un’identità su livelli emotivi fluidi e illimitati che altre forme d’arte semplicemente non possono raggiungere.

quando vediamo soprano Trascende il crimine organizzato come una parte normale della nostra vita quotidiana, e diventiamo tutt’uno con l’ambiente, per un’ora siamo così poco distanti dai mafiosi che baciano le guance che non pensiamo alla parola “mafia” – come poco come pensiamo le parole “la mia quotidianità” quando ci svegliamo la mattina. Penso che questo punto di partenza possa fornire intuizioni molto più approfondite, ad esempio, sulla psicologia del crimine (ma anche, allo stesso tempo, sulle relazioni padre-figlio, ad esempio, problemi coniugali, fenomeni etno-culturali e architettura Jersey) di ciò che un professore di letteratura otterrebbe dalla lettura di un copione. L’esperienza emotiva del dramma televisivo come multimedia può essere sfuggente al teorico dell’arte, ma è anche un grande risultato artistico.

Un dramma televisivo davvero buono può spostarci facilmente avanti e indietro tra l’identificazione distaccata e l’analisi. Possiamo innamorarci di un personaggio, essere attratti intellettualmente da un altro e prendere in giro l’attore che non riesce a interpretarne un terzo, tutto all’interno dello stesso continuum alchemico che trasforma anche il fallimento in aggettivi. I requisiti non sono gli stessi del film, non quando viviamo con una serie nel tempo in modo che diventi più simile alla vita stessa, più simile a un’antologia. Il critico può dire cos’è un dramma televisivo e quanto bene è girato, ma la profondità della sua psicologia è per lo più determinata dalla base risonante personale, forse provvisoria, dello spettatore. Può sembrare molto diverso a seconda dell’ora del giorno, sia per lo spettatore che per tutti coloro che sono coinvolti nella creazione della serie TV.

READ  Jan Anderson su Daniel Sundgren nella squadra

Pertanto, è parte di soprano Lodato da altri (gli episodi ospedalieri che dominano l’apertura della quinta stagione) per me potrei sentirmi stanco quanto le palpebre pesanti di Tony, mentre l’episodio successivo potrebbe sembrare completamente trasformativo – solo la vista di Vito che corre per il gay liberal New Hampshire, colazione in totale libertà Gay durante una cena amichevole, flirtare con un antiquario, è stato uno dei momenti salienti della settimana per me. Insieme alla mia figlia più piccola che si iscrive a un nuovo asilo, insieme al compleanno di mia cognata, insieme alle telefonate di mio padre dalla ristrutturazione del cottage estivo a Gotland.
Un assassino di mafia grasso, gay e amico della pelle diventerebbe parte della mia vita quotidiana se scivolasse fuori dalla pagina di un libro? Me lo chiedo.”

Per il blogger ero nel 2005, che fino ad allora scriveva di Gotland, figlia minore e padre nelle mie sceneggiature televisive.

Dubito molto. Era giusto tornare nello Jutland? È stato un errore non vendere TVdags a Egmont? Era giusto tagliare la serie a fumetti di Amazon? quanto sopra molto difficile? Ma il fatto che le serie TV abbiano preso un posto così importante nella mia vita è qualcosa di cui posso solo essere grato.