TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Karolinska Researchers: le siringhe dei vaccini proteggono così come le malattie precedenti

Numero di persone vaccinate in Svezia di età superiore ai 16 anni che hanno ricevuto due iniezioni ciascuno Il 29 ottobre 80,7%. L’84,9 percento ha successivamente fatto almeno un’iniezione. Questo è secondo le statistiche dell’Agenzia svedese per la sanità pubblica.

Joachim Dillner, capo della ricerca Nella diagnostica medica presso l’ospedale universitario di Karolinska, si nota che le siringhe proteggono, cosa che può essere osservata anche in Numero di ammissione Nelle unità di terapia intensiva del Paese che sono rimaste stabili a poco meno di 30 o più pazienti al giorno nell’ultimo mese. Ma anche chi ha contratto il COVID-19 è protetto.

– Entrambi proteggono, inequivocabilmente. Se hai avuto un’infezione conclamata, hai una protezione quasi completa per alcuni mesi dopo, e poi la protezione inizia a diminuire lentamente. Dopo circa nove mesi, hai una protezione parziale di circa il 75%.

Dillner non vede specialità La differenza di protezione tra chi ha contratto il covid-19 e chi ha ricevuto il vaccino. Tuttavia, ci sono differenze nel modo in cui i diversi vaccini proteggono. Qui, i vaccini Modernas e Pfizer sono equivalenti, mentre Astra Zenecas fornisce una protezione più breve.

– Quando la protezione di Moderna e Pfizer è stata testata poco dopo la vaccinazione, hanno mostrato una protezione quasi completa, ma poi i livelli di anticorpi hanno iniziato a diminuire e si è verificata un’infezione da rottura. Come per chi si è ammalato.

Protezione contro una variabile delta Peggio per chi ha preso il vaccino Astra Zeneca. Questo è inequivocabile, secondo Dillner.

Se hai avuto un’infezione naturale e hai fatto un’iniezione su di essa, fornisce una protezione ottimale con alti livelli di anticorpi. Anche lì non abbiamo ricevuto segnalazioni di lesioni da hacker. E se hai l’immunità naturale e due iniezioni, non puoi davvero lamentarti dell’immunità.

READ  Dietista: come ridurre lo zucchero

uomini deltavarianten La situazione è cambiata e improvvisamente una singola dose non ha più fornito una buona protezione contro il COVID-19. La nuova variante è stata hackerata.

– Gli inglesi avevano un comunicato stampa nell’aprile di quest’anno in cui dicevano che l’epidemia era finita. Poi è arrivata la variante delta e poi ha preso due dosi per ottenere protezione, dice Joachim Dillner.

Se dovessi confrontare la protezione contro il COVID-19 per chi si è ammalato con chi ha ricevuto una sola iniezione?

Se confronti una persona con un’infezione e qualcuno che non l’ha avuta, ma ha ricevuto un’iniezione, una persona che ha ricevuto solo un’iniezione è meno protetta. È inconfondibile.

Tuttavia, Joakim Dillner mette in guardia dall’essere troppo sicuro di essere protetto solo perché hai avuto due iniezioni. Sebbene proteggano bene da malattie gravi e morte, non proteggono completamente dalle infezioni e quindi dalla trasmissione:

L’infezione penetrante si verifica anche nelle persone che hanno ricevuto due iniezioni. Molte persone pensano che dopo due iniezioni il pericolo finisca, ma non è più così. È chiaramente ridotto. La protezione contro una variabile delta con due siringhe è dell’80%. Una persona su cinque che riceve due iniezioni pensa di essere protetta, anche se non lo è.

Oggi, il 56% di tutti ha Gli over 65 che vivono in alloggi privati ​​hanno ricevuto il loro terzo vaccino iniettabile contro il COVID-19. Mostra statistiche Dall’Agenzia di Sanità Pubblica. Per le persone con assistenza domiciliare, il numero è molto più basso, il 18%.

Cosa ne pensi di una terza iniezione per un gruppo più grande?

READ  "La cosa migliore che abbiamo giocato quest'anno"

– Al momento, abbiamo così poche infezioni in Svezia che il rischio di essere esposti da una persona infetta è molto basso. Non credo ci sia bisogno di una vaccinazione di massa con una terza dose in questo momento. Se stiamo iniziando ad avere delle gravi epidemie, è ora di farlo, ma non adesso.

Cosa ne pensi del caso di infortunio prima dell’inverno?

Il presupposto per la diffusione aumenta quando le persone si trovano in spazi confinati, ma se la vaccinazione continua ad alta velocità tra i giovani e in aree senza alta copertura, l’effetto dello stare al chiuso sarà annullato. Se non succede nulla agli svedesi che si preparano per la vaccinazione e questo rallenta, penso che abbiamo buone possibilità di tenere fuori l’infezione in modo da non avere una quarta ondata.

– Quello che temo è che la gente pensi che l’epidemia sia finita e salti la vaccinazione, sarà una quarta ondata.