TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Karen Boggs: Johan Holten è guarito dal virus dell’influenza spagnola

C’era molto clamore sulla grande spedizione a Spitsbergen alla fine degli anni ’90. Gli scienziati si sono preparati per diversi anni, indossando tute protettive simili a spaziali e seguiti da squadre televisive dal tallone ai piedi.

Allo stesso tempo, è andato in silenzio Johan Holten, un patologo svedese, è solo, dotato delle cabine da giardino di sua moglie, in una fossa comune nel permafrost dell’Alaska.

I ricercatori di Spitsbergen hanno fallito. Ma Johann Holten, allora 72enne, riuscì a trasferire tessuti con virus intatti a un istituto di ricerca militare a Washington. Lì, il virologo Jeffrey Tuppenberger è stato in grado di analizzare l’RNA dei campioni e acquisire così importanti conoscenze su Perché l’influenza spagnola è diventata un’epidemia devastante?.

Il virus che dilagò intorno al 1918, Ha ucciso più persone dell’intera prima guerra mondiale. Nella sola Svezia (con una popolazione di 5,8 milioni di abitanti) sono morte circa 35.000 persone, molte delle quali giovani e precedentemente sane.

Johan Holten è nato a StoccolmaHa studiato per la prima volta all’Università di Uppsala, ma si è presto trasferito negli Stati Uniti dove ha completato la sua formazione come microbiologo e patologo. Insieme alla sua allora moglie Gunvor, trascorse il suo tempo libero guidando con la Studebaker di Gray in vari stati degli Stati Uniti. La giovane coppia è andata anche in Alaska, dove hanno trascorso due settimane ad aiutare un paleontologo a scavare ossa di mammut.

L’anno successivo, 1950, un famoso ricercatore sull’influenza visitò l’Iowa Institute dove era attivo Johann Holten. Il ricercatore sull’influenza ha affermato che è possibile trovare virus dell’influenza spagnola in corpi sepolti nel permafrost.

READ  Astra Zeneca e Chalmers semplificano l'accuratezza dei farmaci

Johann Holten si rese conto di avere opportunità uniche per trovare e affrontare tali cadaveri. Tornò in Alaska e visitò tre cimiteri. La neve si era sciolta in due, ma nel villaggio di Brevig c’era ancora permafrost. Lì, 72 degli 80 Inuit che vivevano nel villaggio morirono di influenza spagnola entro cinque giorni. Johann Holten ottenne dal consiglio comunale il permesso di scavare una fossa comune. Dopo diversi giorni di lavoro, trovò i resti di una giovane ragazza con una cravatta rossa per capelli e un vestito blu. Si è preso cura del tessuto polmonare della ragazza prima di riempire la tomba e tornare al suo laboratorio in Iowa.

Lì ha usato tutti i metodi allora conosciuti per coltivare il virus, comprese le uova di gallina fecondate e i roditori. Ma ha fallito.

Johan Holten si è sposato di nuovoHa quattro figli e ha lavorato come patologo in California. Intanto continua a cercare. Nel 1957, la grave influenza chiamata influenza asiatica fu distrutta e nel 1968 apparve l’influenza di Hong Kong. Epidemie gravi ma non vicine all’influenza spagnola.

Dopo soli 46 anni, Johann Holten si rese conto che la ricerca del DNA aveva raggiunto un importante passo avanti. In Science, ha letto come Taubenberger riuscì a isolare il virus da un soldato americano morto a causa dell’influenza spagnola nel 1918 e riuscì a produrre parti dei geni.

Hultin scrisse a Taubenberger, offrendo di cercare campioni migliori nel permafrost dell’Alaska. Taubenberg prevede un processo pluriennale, con richieste appropriate di sovvenzioni finanziarie e autorizzazioni etiche. Ma Hultin viaggiò da solo a proprie spese una settimana dopo.

Fatti aiutare a scavare Quattro uomini del villaggio hanno trovato il corpo di una donna grassa. A causa del grasso isolante, il corpo era in una forma insolitamente buona. Ha tagliato del tessuto polmonare e lo ha inviato a Taubenberger, per sicurezza, in tre spedizioni diverse.

READ  Dietista: come cucinare al meglio le verdure...

Nel 1999, il loro articolo congiunto è stato pubblicato in Giornale dell’Accademia americana delle scienze PNAS.

Alla fine della sua vita movimentata, Johann Holten ha sofferto della pandemia di COVID-19. Ha avuto anche il tempo di seguirlo Sviluppo della ricerca sul DNA Come si può analizzare il genoma del coronavirus in pochi giorni e sviluppare i vaccini in meno di un anno?

Johann Holten, il ricercatore che ha aperto una fossa comune a Brevig, in Alaska, per sbarazzarsi del virus che causa l’influenza spagnola.

Foto: Johan Holten

Per saperne di più: Cacciatore di virus

Leggi di più: La via d’uscita dalla pandemia: cosa possiamo imparare dall’influenza spagnola?