TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Karen Boggs: Dopo di che è stato possibile per noi lasciare l’Africa

Le ere glaciali vengono e le ere glaciali vanno. Questo è stato il caso per milioni di anni. Il motivo principale è come il globo si inclina e ruota intorno al sole. Tre diversi cicli, descritti dal fisico serbo Milutin Milankovic, possono ampiamente spiegare perché le ere glaciali iniziano e perché finiscono.

Alcune persone immaginano che i cambiamenti climatici del passato possano essere ragioni per prendere più facilmente i cambiamenti climatici che stanno avvenendo ora.

Hanno completamente torto.

Il riscaldamento verso il quale ci stiamo dirigendo ora potrebbe corrispondere a molti gradi dopo l’ultima era glaciale. Il cambiamento di oggi è ancora più drammatico. Sta andando più veloce oggi di quanto non fosse allora, il cambiamento globale che stiamo vedendo ora è unico.

Gli studi sul cosiddetto paleoclima mostrano l’importanza cruciale della temperatura, delle precipitazioni e del livello del mare per noi umani.

Inserito l’altro giorno la rivista Connessioni con la natura Uno studio del tempo in cui abbiamo avuto l’opportunità di migrare dal nostro continente africano. O forse abbiamo preso la barca…

Robert Baer dell’Institute for Climate Research di Potsdam e coautori hanno lavorato per produrre una serie di climi ad alta risoluzione nell’Africa nord-orientale e nel Medio Oriente negli ultimi 300.000 anni, la serie temporale dettagliata più lunga fino ad oggi. Gli stessi ricercatori si sono basati sui tre cicli sopra descritti da Milutin Milankovitch, sul contenuto di anidride carbonica dell’atmosfera (che è noto, grazie alle carote di perforazione nel ghiaccio della Groenlandia e dell’Antartide) e sulle indagini locali dei sedimenti del fondo marino e altro è stato fatto.

Il gruppo di ricerca ha quindi confrontato i propri dati con le condizioni in cui vivrebbero i cacciatori-raccoglitori. Sono le stesse condizioni di cui hanno bisogno i pastori. Sono necessari almeno 90 mm di pioggia all’anno, altrimenti non sarai in grado di controllare.

READ  L'istruzione deve venire prima che si agisca sulla questione del clima

Nuova tecnologia del DNA Ha mostrato che tutta l’umanità che ora vive al di fuori dell’Africa può far risalire le sue origini a una singola ondata migratoria circa 60.000 anni fa.

Ma ci sono scoperte archeologiche che indicano che abbiamo fatto tentativi precedenti. Strumenti di pietra in Arabia Saudita che hanno 85.000 anni. I resti umani in Israele hanno 100.000 anni, forse 194.000 anni. Si stima che un teschio in Grecia abbia 210.000 anni…

Inoltre, ci sono analisi genetiche sui Neanderthal che indicano che si sono incrociati con quelli come noi tra 150.000 e 250.000 anni fa.

Il nuovo studio mostra che questo è del tutto possibile. Il clima ha offerto molte opportunità per lasciare l’Africa, sia via terra attraverso il Nilo e il Sinai, sia in barca attraverso lo stretto di Bab al-Mandab attraverso quelli che oggi sono Eritrea/Gibuti e Yemen.

La rotta meridionale attraverso Bab al-Mandab ha fornito ulteriori opportunità. Quando lo stretto era più stretto, era solo di 4 chilometri. Ma non ci sono ancora prove che i nostri antenati e le nostre madri padroneggiassero l’arte della costruzione di barche così presto, e ci sono altre prove archeologiche della presenza umana lungo la Strada del Nord.

Quindi non è ancora chiaro esattamente quale strada abbiamo preso. Ma ciò che è diventato più chiaro di prima è che abbiamo lasciato l’Africa molte volte, ma i primi pionieri si sono arresi.

Per saperne di più:

Karen Boggs: C’era un bambino di tre anni nella tomba più antica dell’Africa

Karen Boggs: I primi artisti hanno lasciato l’Africa