TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Johan Kronmann: L'odio verso di lei è il nuovo odio verso Palme?

Era davvero solo questione di tempo. Alexei Navalny deve morire. La Russia, il Cremlino, l’FSB e Putin hanno da tempo rafforzato una lunga tradizione sia dell’epoca zarista che di quella sovietica: condannare i dissidenti all’incarcerazione e all’esilio da qualche parte in Siberia, preferibilmente a nord del circolo polare artico. Le accuse sono inventate e i processi truccati.

In nessuna parte del mondo questa repressione è stata praticata in modo più efficace: si mandano i nemici dello Stato il più lontano possibile, dove nessuno sa che esistono, e poi si getta la chiave nel lago.

penso che È ragionevole ricordare Alexei Navalny con rispetto per il suo lavoro anti-corruzione e per la sua opposizione a Putin. Ma quando SVT e “Agenda” devono riassumere la sua opera politica, lo fanno con poca convinzione e con una memoria sorprendentemente selettiva. Capisco che si mostri considerazione per chi è morto di recente, ma quanta considerazione? Sia Hugo von Essen, analista del Centro per gli studi sull'Europa orientale, sia l'ex ministro degli Esteri Margot Wallström hanno scelto di ignorare il suo passato politico per glorificare il suo aspetto più pulito soprattutto negli ultimi dieci anni.

Alexei Navalny ha sostenuto l’aggressione russa e la guerra contro la Georgia nel 2008, e sull’annessione illegale della Crimea nel 2014 è stato inizialmente duro: “È nostra”.

In effetti, i flirt di Navalny con l’estrema destra russa e il nazionalismo estremo negli anni 2000 non erano solo peccati di gioventù che calzano a pennello con la propaganda di Putin. Hugo von Essen e Margot Wallström non hanno detto nulla sulla sua partecipazione a manifestazioni etno-nazionaliste, nulla sulla sua fobia per gli immigrati e nulla sul suo paragonare i musulmani agli scarafaggi. Alexei Navalny ha sostenuto l’aggressione russa e la guerra contro la Georgia nel 2008, e riguardo all’annessione illegale della Crimea nel 2014, inizialmente è stato severo: “È nostra”.

READ  Un battaglione russo affondò in un attacco al fiume Donets

Mi hai sorpreso Niente affatto, ma mi preoccupa sempre di più. Di che cosa hai paura? Ho letto il necrologio di Masha Gessen sul New Yorker e ho trovato un testo vecchio di qualche anno sul Washington Post intitolato “Dovremmo parlare di Alexei Navalny”. Non oscurano il suo background. SVT e molti altri media svedesi hanno scelto di non menzionare i suoi viaggi politici.

Sta diventando troppo complicato? I lettori e gli spettatori svedesi non possono avere due idee in testa contemporaneamente? Rasenta la frode giornalistica.

(SVT ora trasmette il documentario “Aleksej Navalny. Ultimi giorni in libertà”. Vale la pena guardarlo e allo stesso tempo è spiacevole.)

Perché non dovrebbero essere in grado di sollevare dubbi su un potente avversario politico, e perché non dovrebbero essere in grado di mettere in discussione il modo in cui queste campagne contro i punteruoli sono organizzate e finanziate?

Umore politico In Svezia l’atmosfera è cupa, soprattutto quando tutti corrono nella stessa direzione, nello stesso momento. La relazione allora diventa unilaterale e unilaterale. La leader dell'SPD Magdalena Andersson si è trovata nel mirino dopo aver commentato su questo giornale di cecchini e incitamenti contro i socialdemocratici da diversi canali YouTube, uno dei quali, secondo lei, era gestito dal liberale del mercato e uomo d'affari Henrik. JOHNSON – E non capisco proprio dove stia il problema: perché non può diffidare di un accanito avversario politico, e perché non dovrebbe potersi interrogare su come vengono organizzate e finanziate queste campagne antiacaro? Sicuramente la questione deve rimanere libera, anche per un leader politico?

Henrik Johnson nasconde astutamente la sua avversione per la socialdemocrazia nei suoi ripetuti attacchi agli sciocchi e, soprattutto, alla fallimentare politica di immigrazione. No no, questo non è odio, questi sono “fatti”.

Non è strano quanto velocemente e velocemente i dibattiti di destra buttino via la giacca della vittima

Non è strano come vari dibattiti di destra gettino via rapidamente e rapidamente il loro vittimismo e inizino a urlare di minacce alla libertà di espressione?!

READ  Lula ha licenziato il capo dell'esercito dopo aver preso d'assalto il Congresso

Ora c'è in modo significativo I peggiori odiatori della liquirizia in generale e quelli di Magdalena Anderson in particolare su YouTube. Uno di loro è Marcus Allard, un giovane politico di Örebro, che non usa mezzi termini. L’ultima volta che l’ho sentito, ha affermato che i socialdemocratici, come in Russia, miravano a rinchiudere i loro oppositori nelle “prigioni di Wibholm” in tutto il paese.

Non dovrebbe essere consentito a Magdalena Anderson di difendersi o di esprimere un'opinione su questo tipo di dissidente politico? L'odio per Magdalena Andersson sta per diventare il nuovo odio per Palme? Non sembra migliore.

Per saperne di più Parole di Johan Kronmann