TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Agricoltori arrabbiati chiudono il confine con l’Ucraina

Colonna del trattore nella città di Minsk Mazowiecki, Polonia orientale.

Gli agricoltori polacchi bruciano pneumatici e versano grano lungo il confine con l’Ucraina. Si fa sempre più intensa la protesta degli agricoltori contro quella che considerano una concorrenza sleale, che ostacola l'amicizia tra Kiev e Varsavia.

Circa 100 strade sono state chiuse durante l'ultima ondata di proteste lungo il confine tra Polonia e Ucraina. I manifestanti hanno anche preso d'assalto due vagoni ferroviari ucraini e hanno rovesciato il grano sui binari della ferrovia.

A causa dell’esenzione doganale concessa dall’Unione Europea senza guerre, il settore agricolo polacco si ritrova inondato di prodotti più economici provenienti dall’Ucraina. Il conflitto ha portato a tensioni tra l'Ucraina e il suo vicino occidentale, che durante la guerra era uno dei più stretti alleati di Kiev.

L’invasione russa ha messo sottosopra il settore agricolo ucraino, con la chiusura dei porti di esportazione e la resa dei terreni agricoli inutilizzabili. Dall’estate del 2022, anche l’Ucraina e la Moldova sono sfuggite a tariffe e quote sulle loro esportazioni verso l’UE, provocando rabbiose proteste contadine contro la concorrenza sleale in diversi paesi.

La rabbia riguarda anche i piani dell’UE di imporre requisiti ambientali più severi, che secondo loro porteranno a una riduzione della produzione e del reddito.

In una dichiarazione di lunedì sera, il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj ha affermato che la protesta degli agricoltori polacchi mostra “l’erosione della solidarietà” verso l’Ucraina. Il ministro delle infrastrutture del paese ha descritto le proteste come una “provocazione politica volta a dividere i nostri paesi”.

READ  Giornalista arrestato - 'insulto' Erdogan